L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 19 dicembre 2020

Lectio Magistralis - Nulla sarà come prima - Il grande Cambiamento Occidentale pensa che sia possibile azzerare l'economia senza problemi per costruire nuove strutture economiche. Non puoi abbatte tutto ciò che funziona a tuo piacimento per costruire qualcosa di nuovo

Corona: come la politica sta distruggendo il sistema legale e l’economia della Germania

Maurizio Blondet 19 Dicembre 2020 

Copio e incollo un articolo di Deutsche W. Nachrichten. L’autore tedesco e critico del regime Merkel ha nome CÜNEYT YILMAZ. Laureato presso l’Università della Franconia superiore di Bayreuth, vive e lavora a Berlino. Qui, cita perfino Solgenitsyn. Un esempio di come i valori di civiltà (un tempo) europei siano ormai sentiti come universali stimati e difesi da chi ne è nato fuori.

Il prossimo periodo porterà sconvolgimenti eccezionalmente grandi in tutti i settori. Ma sarà diverso da quello che pensavano i politici locali.

Il tradimento dell’opposizione

Deve essere dichiarato apertamente: senza eccezioni, tutti i partiti del Bundestag si sono dimostrati incapaci di proteggere la costituzione tedesca – e lo hanno fatto dall’inizio della pandemia nel marzo 2020. Alcuni hanno finto di opporsi alle azioni del governo federale devono infine rimanere in modo molto vistosamente inattivo mentre gli altri sono rimasti vistosamente rumorosi. La discussione con riferimento a queste lamentele viene soppressa moralizzando il dibattito corona. Nessuno nega l’esistenza del virus corona. Ma non c’è solo una crisi sanitaria, ma anche una crisi sociale e legale che deve essere discussa.

Chi difende la Legge fondamentale è dichiarato nemico

Secondo l’opinione prevalente degli avvocati costituzionali, le misure anti-corona sono in gran parte incostituzionali. L’intero processo discutibile è stato superato nella sua incostituzionalità dalla procedura d’urgenza del ramo esecutivo, che ha esteso i diritti speciali del ministro federale della Salute oltre il 31 marzo 2021.

Non avrei mai immaginato che ti dovessi sentire in colpa, perseguitato ed escluso per aver difeso la Costituzione. La paura di essere diffamati e ostracizzati come “teorici della cospirazione” perché si difende la costituzione, la repubblica e tutti i valori democratici e le norme di convivenza porta a una paralisi mentale – e talvolta fisica -.

La pressione psicologica esercitata di pari passo dai media e il panico mirato da parte della politica colpisce i cittadini nel profondo. Non osano più esprimere la loro opinione costruttiva, il che provoca un’enorme rabbia. Gli estremisti e i “veri complottisti” della politica, attivi anche nei media, sono ovviamente molto utili. In definitiva, queste figure, che si dilettano nella divisione della società, forniscono alla politica un passo alla volta la scusa che possa trasformare l’ordine costituzionale passo dopo passo nell’interesse dell’esecutivo – e aggirando la legislatura.

Si può presumere che il capovolgimento della costituzione non rimarrà un fenomeno temporaneo, ma avrà un effetto ancora più profondo dal prossimo anno, sempre lentamente e passo dopo passo, ovviamente. Dopotutto, abbiamo osservato questo processo dall’inizio del 21 ° secolo. Se i politici promettono il contrario, va sottolineato che non hanno mantenuto nessuna delle loro promesse nel corso della pandemia. Basta guardare alla stupidità con cui numerosi politici ed “esperti” rimangono invischiati nelle contraddizioni – e costantemente. Questo non crea fiducia. Segue: le promesse politiche non valgono un accidente!

Ma la verità è anche che i presunti oppositori delle misure corona seduti al Bundestag spesso vogliono solo trarre profitto politico dal dibattito in corso. Avevamo già osservato questo comportamento durante il dibattito sui rifugiati. Tutte le parti mancano di onestà . C’era una volta uno statista tedesco della “vecchia guardia” che aveva detto: “La classe politica odierna in Germania è caratterizzata da un eccesso di aspirazioni di carriera e di importanza personale e da un eccesso di lussuria nei talk show”.
Corona e il filo del rasoio: camminiamo sul baratro economico

Viviamo in tempi turbolenti. È certo che dal prossimo anno tutto cambierà per sempre. Ci sarà e non dovrebbe essere un ritorno alla vecchia normalità.

Invece, emergerà un grande vuoto sociale in cui si agglomerano gli innumerevoli imprenditori in bancarotta, i disoccupati e le persone catapultate nella povertà .

E poi suonerà l’ora dei demagoghi, degli estremisti e del pifferaio magico . Lo puoi sentire. Sta aspettando il momento giusto. A quel punto si suppone che inizi un punto di svolta – vale a dire la dichiarazione di un’emergenza interna! Riuscite a immaginare che le elezioni federali del 2021 dovranno essere rinviate a causa di un’emergenza interna? Forse anche alcuni politici ne hanno interesse?

Restano comunque sorpresi i politici e gli “esperti” che ritengono possibile azzerare l’economia senza problemi per costruire nuove strutture economiche. Non puoi abbattere tutto ciò che funziona a tuo piacimento per costruire qualcosa di nuovo.

La “distruzione creativa” macroeconomica attualmente in corso in tutto il mondo complessivamente rischia di fallire. È sempre facile attuare piani e idee se non puoi essere messo in pericolo esistenzialmente dagli effetti dell’attuazione, perché come politico vivi di emolumenti statali, cioè sul denaro dei contribuenti.

Non appena la disperazione che si rifletterà negli occhi di cittadini e imprenditori colpirà gli ambienti politici, capiranno cosa hanno causato le loro parole e le loro azioni.

E allora capiranno che l’arroganza viene sempre prima della caduta. Solo allora, e solo allora, capiranno cosa hanno fatto. Se dovesse iniziare una fase di inflazione e iperinflazione, ci ritroveremo di nuovo con il capolavoro di Stefan Zweig. Nella sua opera “The World of Yesterday: Memories of a European”, pubblicata postuma nel 1942 , affermò : ” Niente ha reso il popolo tedesco – questo deve essere ricordato ancora e ancora – così amaro, così odioso, così maturo per Hitler fatto come l’inflazione. ” (in realtà, la deflazione di Bruening, che produsse 6 milioni di disoccupati; l’autore condivide il “falso ricordo storico” di quasi tutti i tedeschi, anche i dirigenti, che attribuiscono l’avvento di Hitler all’iper-inflazione dei primi anni Venti invece che alla deflazione-austerità imposta qiuasi 10 anni dopo)

Dal prossimo anno l’ultimo cittadino capirà con la forza con cui la politica ha spinto al muro l’economia e il sistema giuridico e quanto ha rafforzato con le proprie mani incompetenti i nemici della repubblica. Una parte dei media interpreta il ruolo di “claqueurs”, proprio come nel dibattito disumano iniziato nel 2011. Allora sapevano cosa stavano facendo – e lo sanno anche oggi. Ci può essere solo una via d’uscita economica parziale (limitazione dei danni) se il governo federale espande massicciamente le sue partecipazioni statali in società strategicamente importanti al fine di prevenire acquisizioni ostili da parte di “giganti stranieri”.

E con questo, l’ultima cosa che voglio menzionare è una citazione che da tempo cova nella mia memoria di fronte ai problemi economici che stanno per arrivare. Viene da Alexander Solzhenitsyn:

“Sappiamo che mentono. Sai che stanno mentendo. Sanno che noi sappiamo che mentono. Sappiamo che lo sanno, sappiamo che mentono. Eppure continuano a mentire. “

Prima che sorga la domanda, a chi vorrei rivolgermi in modo critico con questa citazione, rispondo: Chi sente queste parole indirizzate a sé!


***

Cüneyt Yilmaz si è laureato presso l’Università della Franconia superiore di Bayreuth. Vive e lavora a Berlino.


https://www.maurizioblondet.it/corona-come-la-politica-sta-distruggendo-il-sistema-legale-e-leconomia-della-germania/

Nessun commento:

Posta un commento