L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 1 dicembre 2020

Nessun dubbio Teheran saprà aspettare a stanare le belve sanguinarie, gli ebrei sionisti devono attendere ma arriverà il loro momento e piangeranno spacciandosi vittime


Il dilemma di Teheran e il terrorismo di stato made in Israele

Una cosa è certa: qualunque sarà la reazione di Teheran all’assassinio del “padre” dell’atomica iraniana, essa è destinata a orientare gli eventi sullo scacchiere mediorientale.

Lo scienziato nucleare iraniano Mohsen Fakhrizadeh ucciso in un attentato

Umberto De Giovannangeli30 novembre 2020

Una cosa è certa: qualunque sarà la reazione di Teheran all’assassinio del “padre” dell’atomica iraniana, essa è destinata a orientare gli eventi sullo scacchiere mediorientale. Se dà seguito ai proclamai propositi di vendetta, cadrà nella trappola ordita da Trump e Netanyahu, scatenando un effetto domino destabilizzante per l’intera regione. Se invece prevarrà la linea “attendista”, in attesa dell’insediamento alla Casa Bianca, il 20 gennaio 2021, di Joe Biden, allora a essere messi in fuorigioco saranno i falchi di Tel Aviv e i loro sodali, più o meno occulti, del Golfo arabico. Una conferma viene da Israele. A darne conto è uno dei più autorevoli analisti di geopolitica israeliani: Amos Harel.

Doppio scenario

“Un tono nuovo e più combattivo si è fatto sentire nei briefing della stampa da Gerusalemme dopo l'assassinio dello scienziato nucleare iraniano Mohsen Fakhrizadeh, avvenuto venerdì scorso. Israele viene descritto come un attore importante, quasi onnipotente, in Medio Oriente – annota Harel su Haaretz -. La sua intelligenza e le sue capacità operative, come si evince dall'operazione, che gli iraniani attribuiscono al Mossad, gli permettono di dettare il corso degli eventi. Se vuole, agirà di nuovo contro obiettivi in Iran. E anche se non sceglie di farlo, è in grado di interrompere la ripresa delle trattative tra Iran e Stati Uniti una volta che Joe Biden avrà assunto la presidenza statunitense il 20 gennaio. Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha accennato al coinvolgimento israeliano. ‘Non posso dirvi tutto’, ha detto, riassumendo le sue attività settimanali poche ore dopo l'assassinio. I ministri che sono stati intervistati dopo hanno mantenuto la solita finzione: ‘Non ho idea di chi sia stato, ma...’.

Dietro le quinte c'è una disputa tra alti funzionari: C'è ancora una giustificazione per la politica dell'ambiguità, o è meglio assumersi la responsabilità delle azioni, dato che in ogni caso tutti lo sanno? Il presidente dell'Istituto per gli studi sulla sicurezza nazionale, il Magg. della riserva Amos Yadlin, è stato il più diretto tra coloro che hanno risposto. Dopo aver premesso di non sapere chi fosse il responsabile dell'operazione, domenica ha detto alla Radio dell'Esercito che chi ha operato a Teheran ‘ha un occhio solo, o forse due, su Washington’. Se gli iraniani risponderanno, il presidente Donald Trump potrà ordinare ai suoi generali di agire contro di loro. E se non lo faranno, potrebbe ancora impedire all'amministrazione Biden di aprire i negoziati’. .L'operazione stessa ha raccolto l'ammirazione del mondo. Il New York Times ha citato Bruce Riedel, un ex alto funzionario della Cia, affermando che raramente un paese ha dimostrato una simile capacità di colpire nel cuore del territorio del suo più feroce nemico. ‘E' una cosa senza precedenti’, ha detto. ‘E non mostra alcun segno di essere efficacemente contrastato dagli iraniani’.

Messaggio a Biden

“La questione - annota sempre Harel - è se Israele può far leva su questa operazione di successo sul fronte diplomatico. L'amministrazione Biden accetterà l'operazione, e forse anche altre mosse, come un fatto compiuto, o a un certo punto deciderà di ricordare a Israele il reale equilibrio di potere? Con tutto il rispetto per l'intelligence e la cooperazione militare tra i due Paesi, che negli ultimi anni è diventata molto più estesa grazie agli ottimi rapporti che Netanyahu ha avuto con Trump, Israele non ha una posizione di parità con gli Stati Uniti. È l'America che ogni anno trasferisce 3,8 miliardi di dollari di aiuti alla difesa a Israele, non il contrario. L'ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama si è trattenuto pubblicamente in risposta a molte delle umiliazioni e provocazioni di Netanyahu, ma ci sono stati momenti in cui ha regolato i conti con lui in seguito, soprattutto dopo che Netanyahu ha attaccato pubblicamente l'accordo nucleare iraniano nel suo discorso al Congresso nel 2015. L'assassinio di venerdì è stato criticato con veemenza da diversi ex funzionari dell'amministrazione Obama, mentre il team Biden in arrivo ha mantenuto un silenzio fragoroso. Né il presidente eletto né la sua vice presidente eletta hanno detto una parola. Questo non significa che lascino passare l'incidente. Gerusalemme deve presumere che Washington stia prendendo un sacco di appunti. L'attuale amministrazione si è affrettata a far trapelare che forse non è stata dietro l'operazione ad est di Teheran, ma Israele. Non è del tutto chiaro cosa stia succedendo tra il triangolo di Trump, il segretario di Stato Mike Pompeo (che ha visitato Israele di recente, esprimendo un sostegno dimostrativo a Netanyahu), e i generali. Washington emette segnali contrastanti, che gli iraniani hanno certamente difficoltà a decifrare.

Nei giorni scorsi si sono avute notizie di portaerei e bombardieri pesanti che sono stati trasferiti in Medio Oriente e in Asia meridionale, ma ciò è stato spiegato come collegato ai preparativi per attuare l'ordine del presidente di rimuovere le rimanenti forze statunitensi dall'Iraq e dall'Afghanistan. Soprattutto, nessuno capisce cosa vuole Trump stesso, e quanta attenzione stia prestando a quello che sta succedendo tra Israele e Iran mentre è impegnato a protestare contro l'ingiustizia che sostiene gli sia stata fatta alle elezioni presidenziali. L'Iran sceglierà di rispondere? La maggior parte degli esperti dice di sì. Il colpo che è stato inferto è stato troppo grave per essere accolto con il silenzio, soprattutto perché segue altre due operazioni pesanti (contro il regime iraniano, ndr): l’assassinio a gennaio del gen. Qassem Soleimani e l'esplosione nell'impianto nucleare di Natanz a luglio. (Gli Stati Uniti si sono assunti la responsabilità del primo, il secondo è stato attribuito dai media a Israele, che non l'ha né confermato né negato).

Gli iraniani hanno alcuni limiti tattici; in passato, nel 2012, nel 2018, e anche quest'anno, quando hanno cercato di vendicarsi di Israele, le cose tendevano ad andare male. E c'è la questione del tempismo - una risposta rapida giustifica l'assunzione di rischi con Trump prima che Biden prenda il sopravvento?

Le dichiarazioni fatte dagli alti funzionari di Teheran dopo l'assassinio sono state piuttosto aggressive e minacciose. Un giornale vicino alle Guardie rivoluzionarie ha evocato la possibilità di attaccare il porto di Haifa. Israele non esclude altre possibilità, tra cui il fuoco dei missili balistici, i missili cruise, l'attacco di un drone o lo sforzo di far saltare in aria le ambasciate all'estero. Teheran ha già fatto un passo concreto domenica, annunciando di aver aumentato il livello di arricchimento dell'uranio al 20 per cento. Si tratta di una violazione dell'accordo nucleare, ma l'Iran l'aveva già violato più di un anno fa, quando ha iniziato ad arricchirsi al 4,5%, in risposta al ritiro americano dal patto.

Non dimentichiamo la cyberguerra. A maggio ci sono state segnalazioni di un tentativo iraniano di attaccare gli impianti idrici qui, e di una presunta risposta israeliana, che per diversi giorni ha sconvolto totalmente i movimenti delle navi in un porto del sud dell'Iran. Recentemente ci sono state segnalazioni di altri tentativi di attacchi cibernetici contro le infrastrutture idriche ed energetiche in Israele, tutti apparentemente sventati.

Il vantaggio degli attacchi computerizzati, come quelli tramite proxy in Iraq o in Siria, è che lasciano spazio alle smentite. Ma sembra che almeno un attore regionale non sia entusiasta di servire gli iraniani in questo modo. Mentre Hezbollah ha espresso il suo dolore per la morte del suo compagno d'armi, Fakhrizadeh, non si sta offrendo volontario per impegnarsi. Al contrario, un alto esponente di Hezbollah si è preso la briga di annunciare nel fine settimana che nessuno dei suoi combattenti era rimasto ferito nei recenti attacchi in Siria attribuiti a Israele. In altre parole, la vendetta è affare degli iraniani, o forse del regime di Assad in Siria, ma non di Hezbollah”. Fin qui l’analista israeliano.

Il “dilemma” di Teheran

“L’omicidio di Fakhrizadeh - rimarca su Internazionale Pierre Haski, direttore di France Inter - mette l’Iran davanti a un dilemma: è davvero il caso di prendere la strada della vendetta come chiedono i Guardiani della rivoluzione, già duramente colpiti all’inizio dell’anno dall’assassinio del carismatico generale Qassem Soleimani, ucciso da un missile americano a Baghdad, in Iraq? L’omicidio dello scienziato, nel centro di Teheran, rappresenta un’umiliazione per le autorità iraniane, una faglia nel sistema di sicurezza in un paese strettamente controllato. La facilità con cui gli agenti israeliani operano a Teheran ricorda una serie di Netflix, più che la realtà. Di conseguenza la reazione a caldo potrebbe essere quella di cercare una ritorsione, e in effetti il parlamento iraniano ha votato all’unanimità una mozione che chiede di vendicare lo scienziato. Ma alla fine il governo di Teheran, consapevole della posta in gioco, cercherà probabilmente di evitare un’escalation. Una risposta aggressiva dell’Iran potrebbe infatti innescare un attacco da parte di Israele (e forse anche degli Stati Uniti) contro le strutture nucleari iraniane, creando un clima di scontro che escluderebbe qualsiasi azione diplomatica... Resta da capire se nel clima attuale esiste ancora uno spazio per la diplomazia. Per trovare una risposta a questo interrogativo saranno cruciali le prossime sette settimane, in cui Donald Trump e i suoi alleati seguiranno la politica della terra bruciata per impedire un ritorno del negoziato mentre gli iraniani dovranno resistere alla tentazione della rappresaglia...”.

Una tentazione su cui puntano il duo Trump&Netanyahu.

Nessun commento:

Posta un commento