L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 5 gennaio 2021

8 - Ebrei sionisti e statunitensi pronti a lanciare a gennaio 2021 missili atomici umanitari all'Iran. Già è stato deciso

L’arricchimento dell’uranio al 20% sarebbe un grande passo verso l’arma nucleare dell’Iran
La domanda è: si tratta di un bluff o della mossa che può innescare un conflitto più ampio?

Di Yonah Jeremy Bob
Da: Jerusalem Post, 3.1.21

La maggior parte del chiasso attorno all'anniversario dell’uccisione del comandante della Forza Quds delle Guardie Rivoluzionarie iraniane Qasem Soleimani e alla fine del mandato dell’amministrazione Trump ruota attorno all'eventualità che scoppi una sorta di guerra dell’ultimo minuto.

Sorprendentemente Israele, l’amministrazione uscente di Trump e l’amministrazione entrante di Biden non stanno invece commentando la notizia, probabilmente ben più significativa, che l’Iran ha deciso di iniziare ad arricchire l’uranio fino al 20% di purezza.

Si tratta di un importante passo avanti verso la bomba nucleare, il più significativo che la Repubblica Islamica abbia compiuto dall'accordo sul nucleare del 2015. Aveva commesso numerose violazioni dalla metà del 2019, ma aveva interrotto l’escalation verso l’inizio del 2020. Tuttavia, dopo l’uccisione a novembre del capo del programma nucleare militare iraniano Mohsen Fakhrizadeh, il parlamento iraniano ha approvato una legge che impone al governo di arricchire l’uranio al 20% entro l’inizio di febbraio.

Sebbene sia necessario un arricchimento dell’uranio al 90% per produrre un’arma nucleare, sia i funzionari dell’intelligence israeliana che gli esperti di armi nucleari hanno confermato al Jerusalem Post che il salto da circa il 5% di arricchimento al 20% è molto più significativo: questo perché è tecnicamente più difficile passare dal 5% al 20% che dal 20% al 90%.

Il presidente iraniano Hassan Rouhani (a destra) e il direttore dell’Organizzazione Iraniana per l’Energia Atomica, Ali Akbar Salehi, ispezionano un impianto per l’arricchimento dell’uranio

Teheran non ha detto quando inizierà l’arricchimento al 20%, e la sua legge permette al governo di aspettare fino a febbraio dando all'amministrazione Biden almeno un paio di settimane per convincerlo a non procedere. Potrebbe essere questo il gioco degli ayatollah: spingere Biden a un accordo nucleare a loro più favorevole minacciando o addirittura avviando l’arricchimento al 20% come un’arma di pressione e un modo per presentarne poi l’interruzione come una concessione.

Ma potrebbe anche non essere per nulla un gioco. Se non è un gioco, l’Iran dovrebbe tenere a mente che l’ultima volta che ha arricchito al 20%, Israele ha iniziato ad alzare la voce e a parlare molto seriamente di un attacco preventivo agli impianti nucleari della Repubblica Islamica. Il silenzio attuale di Israele, Trump e Biden potrebbe essere ingannevole. Nessuno desidera una crisi nelle ultime settimane di Trump o nelle prime settimane di Biden. Ma tutti continuano a manovrare.

L’Iran darà seguito alla minaccia in modo serio? Il 20% è solo un bluff? O è una mossa temporanea pensata per essere abbandonata come una concessione nel prossimo futuro? La risposta a questi interrogativi potrebbe fare la differenza tra lo scoppio o meno di un più ampio conflitto nel 2021.

Nessun commento:

Posta un commento