L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 17 gennaio 2021

Attenti attenti ai vaccini con modificazione genetiche, ci sono stati anche morti

15 Gennaio 2021 11:12

Dopo le morti in Norvegia, esperti cinesi chiedono la sospensione dei vaccini mRNA per gli anziani

La Redazione de l'AntiDiplomatico


In Europa è partita la campagna vaccinale contro il covid. Per adesso la maggior parte di chi è sottoposto all’inoculazione della prima dose di vaccino ha ricevuto quello prodotto da Pfizer. Un vaccino basato sul cosiddetto mRNA messaggero. Proprio come quello prodotto dalla statunitense Moderna, il secondo vaccino giunto alle nostre latitudini. 

Dalla Cina, come riporta il quotidiano Global Times, arriva l’invito da parte di esperti sanitari a sospendere l’inoculazione di vaccini che utilizzano mRNA messaggero, in particolare agli anziani, a causa delle incertezze sulla sicurezza a seguito della morte di 23 anziani norvegesi che hanno ricevuto il vaccino.

Il nuovo vaccino a mRNA è stato sviluppato in fretta e non era mai stato utilizzato prima su larga scala per la prevenzione delle malattie infettive e la sua sicurezza non è stata confermata per l'uso su larga scala negli esseri umani, ha detto un immunologo cinese.

Inoltre gli esperti cinesi hanno evidenziato che le morti avvenute in Norvegia dimostrano che l’efficacia dei vaccini mRNA per Covid-19 non è buona come previsto. 

La Norvegia ha segnalato ben 23 decessi in relazione alla vaccinazione, scrive il quotidiano cinese.

"Finora, 13 decessi sono stati valutati. Gli effetti collaterali comuni potrebbero aver contribuito a un decorso grave negli anziani fragili", ha spiegato l'Agenzia norvegese per i medicinali sul suo sito web.

Tutti i decessi si sono verificati in pazienti anziani e fragili in case di cura. Tutti hanno più di 80 anni e alcuni di loro più di 90, secondo quanto riportato dal media norvegese NRK.

In Norvegia vengono utilizzati due vaccini COVID-19, Comirnaty, di BioNTec/Pfizer e Moderna. I vaccini sono stati sviluppati sulla tecnologia mRNA e hanno ricevuto un'approvazione temporanea nell'UE, secondo l'agenzia.

La Norvegia ha lanciato una campagna di vaccinazione di massa alla fine di dicembre, con la vaccinazione per primi ai cittadini più anziani e ai residenti delle case di cura, compresi quelli di età superiore agli 85 anni.

L'Agenzia norvegese per i medicinali ha ammesso che gli studi che costituiscono la base per l'approvazione temporanea del vaccino includevano pochissime persone di età superiore agli 85 anni e si sa poco su come eventuali effetti collaterali influenzeranno queste fasce di età, ma ha affermato: "presumiamo che gli effetti collaterali per gli anziani saranno in gran parte gli stessi di quelli di età superiore ai 65 anni".

Il quotidiano cinese ha sentito il parere del virologo Yang Zhanqiu, dell’Università di Wuhan, il quale ha spiegato che se le morti sono state causate dall’inoculazione del vaccino viene dimostrato che l'effetto del vaccino Pfizer e di altri vaccini a mRNA non è buono come previsto. 

Come funziona un vaccino mRNA

Rispetto ai vaccini che potremmo definire ‘classici’, come lo sono Sputnik V della Russia, i vaccini sviluppati e prodotti dalla Cina, come pure quello di AstraZeneca-Oxford, che utilizzano tecnologie già collaudate, i vaccini a mRNA insegnano alle cellule umane a produrre una proteina per attivare una risposta immunitaria; quindi, la risposta immunitaria può proteggere le persone dall'infezione quando il virus penetra nel corpo.

Nel frattempo, sostanze tossiche possono essere sviluppate durante il processo di vaccinazioni con mRNA; quindi, la sicurezza dei vaccini non può essere completamente garantita, ha detto Yang.

Ma questo non è il caso dei vaccini inattivati ??in Cina, che utilizzano una tecnologia più matura già collaudata negli anni, ha aggiunto il virologo di Wuhan.

Un immunologo di Pechino, che ha richiesto l'anonimato, ha detto al Global Times che il mondo dovrebbe sospendere l'uso del vaccino mRNA COVID-19 di Pfizer, poiché questa nuova tecnologia non ha dimostrato sicurezza nell'uso su larga scala o nella prevenzione di eventuali malattie infettive.

Le persone anziane, specialmente quelle con più di 80 anni, non dovrebbero essere ricevere alcun vaccino COVID-19, ha poi esortato il medico cinese. Poiché le persone con più di 80 anni hanno un sistema immunitario più debole e sono più inclini agli effetti negativi; quindi, dovrebbe essere raccomandato loro di assumere farmaci per migliorare il loro sistema immunitario. 

La Cina ha avviato la vaccinazione per le persone di età compresa tra i 18 e i 59 anni, poiché le statistiche sulle persone di età pari o superiore a 60 anni e sulle persone di età pari o inferiore a 18 anni erano relativamente piccole durante gli studi clinici sui vaccini. Pertanto, non è stato possibile rilevare correttamente l'efficacia e gli effetti collaterali per questi due gruppi, ha rivelato al Global Times un esperto di salute con sede a Pechino che ha chiesto di restare anonimo.

Nessun commento:

Posta un commento