L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 21 gennaio 2021

si elimineranno dalla società tutti coloro che non vogliono sottomettersi

«Verso una società spaventosa, senza nessuna libertà». La profezia di Monsignor Lefebvre

Maurizio Blondet 20 Gennaio 2021 

Presto saremo schedati con i computer, avremo tutti il ​​nostro numero e non potremo fare nulla senza che tutto sia indicato sulla scheda che avremo, e tutto questo da computer. Ci troveremo in una situazione peggiore che in un paese sovietico

Ora che il nemico è penetrato fino alle vette più alte della Chiesa , come ha detto Nostra Signora di Fatima, come avevano predetto Nostra Signora di Fatima e Nostra Signora di La Salette, è allo stesso tempo l’intero edificio sociale che sta per andarsene, perché la Chiesa, con i suoi principi, sosteneva ancora, direi, la vera libertà. La libertà di fare il nostro dovere.

È questo. Perché abbiamo la libertà? Per adempiere al nostro dovere. Perché abbiamo il dovere di amare Dio e di amare il nostro prossimo e di conseguenza di adempiere il nostro dovere, il nostro dovere nei confronti di Dio nella religione e il nostro dovere nei confronti del prossimo attraverso funzioni che abbiamo; funzioni sociali qualunque esse siano. Dobbiamo adempiere al nostro dovere di stato.

Tuttavia, siamo sempre meno in grado di adempiere al nostro dovere di stato, sia religioso che sociale, perché tutto diventa diretto e orientato da uno Stato socialista. Il socialismo sta facendo notevoli progressi; ma questo con tutta la potenza della massoneria attuale che è ovunque, ovunque, ovunque; è a Roma, è ovunque. La massoneria è ovunque e dirige tutto.

Si dirà che sono paesi liberi, ma non sono paesi liberi: non si sarà più liberi di fare nulla

Presto saremo schedati con i computer, avremo tutti il ​​nostro numero e non potremo fare nulla senza che tutto sia indicato sulla scheda che avremo, e tutto questo da computer. Ci troveremo in una situazione peggiore che in un paese sovietico. Si dirà che sono paesi liberi, ma non sono paesi liberi: non si sarà più liberi di fare nulla. Si può immaginare, è assolutamente incredibile.

La costituzione del governo europeo è anche molto seria e molto pericolosa, perché è un governo pieno di massoni e quindi ora applicheranno all’Europa, in modo globale, tutti i principi massonici.

È spaventoso, non immaginiamo dove stiamo andando attualmente, verso una socializzazione che a quanto pare non ci sembra dura come quella del comunismo ma che, alla fine, sarà semplicemente un’immagine del comunismo, ma effettuata con mezzi scientifici invece di essere eseguita con la forza

Siamo arrivati ​​al punto di dire questo, per il governo europeo, che ovviamente si proclama per i diritti umani, si proclama per i diritti delle donne. Se la donna ha gli stessi diritti di quelli dell’uomo, beh, non si ha il diritto di non concedere alla donna l’autorizzazione ad essere prete. Quindi perseguiremo i vescovi che non vogliono ordinare donne, perché le donne hanno gli stessi diritti degli uomini. È possibile, è stato messo sui giornali, che cose del genere accadranno, con il pretesto di diritti, di uguali diritti.

È spaventoso, non immaginiamo dove stiamo andando attualmente, verso una socializzazione che a quanto pare non ci sembra dura come quella del comunismo ma che, alla fine, sarà semplicemente un’immagine del comunismo, ma effettuata con mezzi scientifici invece di essere eseguita con la forza, come facevano i comunisti. Sarà la stessa cosa.

Quindi si elimineranno dalla società tutti coloro che non vogliono sottomettersi a quest’ordine. A questo ordine socialista. Li si eliminerà. Ci sarà sempre un modo per eliminarli.

Nessun commento:

Posta un commento