L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 10 gennaio 2021

TOCILIZUMAB - Cotugno di Napoli, Mater Domini di Catanzaro, Annunziata di Cosenza, studio del Dipartimento di Scienze Cliniche e Molecolari Clinica Medica dell’Università Politecnica delle Marche, dell’AOU Ospedali Riuniti di Ancona, Ospedali Riuniti Marche Nord Pesaro-Fano, Ospedale di Senigallia, Ospedale di Fabriano e Università di Urbino. Ed ora l'Economist, forse per svegliare le istituzioni sanitarie TUTTE che si può/poteva curare l'influenza covid


https://www.progettoalternativo.com/2020/12/ruxolitinib-questo-punto-della-storia.html

Covid, cosa fanno Tocilizumab e Sarilumab? Report Economist

10 gennaio 2020


Che cosa emerge da uno studio clinico di Tocilizumab e Sarilumab. L’approfondimento dell’Economist

Buone notizie dai reparti covid-19 è difficile trovarne in questi giorni. Un’implacabile ondata di infezioni sta travolgendo gli ospedali di tutto il mondo. Ma i risultati dei test clinici di due farmaci annunciati oggi hanno appena migliorato la prognosi, sia per i pazienti che per gli ospedali – scrive The Economist.

I due farmaci, chiamati tocilizumab e sarilumab, sono attualmente utilizzati per ridurre l’infiammazione nei pazienti affetti da artrite. L’iper-infiammazione, per cui il sistema immunitario va in overdrive e distrugge gli organi, è il modo in cui il covid-19 tende a uccidere. La ricerca di farmaci antinfiammatori adatti per il covid-19 ne ha già trovato uno, il desametasone. Si tratta di uno steroide a basso costo che smorza il sistema immunitario in generale. Al contrario, tocilizumab e sarilumab sono più mirati. Sono entrambi fatti di anticorpi che bloccano l’effetto dell’interleuchina-6, una proteina che stimola la risposta immunitaria ed è prominente nei pazienti con covid-19.

Lo studio clinico di tocilizumab e sarilumab ha arruolato 800 pazienti ospedalizzati per il covid-19 che erano abbastanza malati da richiedere il trasferimento in unità di terapia intensiva (ICU). Lo studio è stato condotto in sei paesi, con la maggior parte dei partecipanti in Gran Bretagna (ha un programma efficiente di sperimentazioni farmacologiche con il covid-19, in cui viene arruolato un quarto dei pazienti ospedalizzati). La metà degli 800 pazienti ha ricevuto uno dei due farmaci oltre al trattamento standard, mentre l’altra metà ha ricevuto solo il trattamento standard (compreso il desametasone).

Quasi il 36% dei pazienti del gruppo con trattamento standard è deceduto, rispetto al 27% dei pazienti del gruppo che ha ricevuto anche tocilizumab o sarilumab. In altre parole, ha ridotto il tasso di mortalità di circa un quarto. Inoltre, i pazienti trattati con questi farmaci si sono ripresi più velocemente e sono stati dimessi dall'ospedale da sette a dieci giorni prima. La riduzione della degenza ospedaliera libererebbe un sacco di posti letto in Terapia Intensiva.

I due farmaci sembrano funzionare ugualmente bene, anche se i risultati sono più certi per il tocilizumab, che è un farmaco più vecchio e più disponibile, ed è stato quindi somministrato alla stragrande maggioranza dei partecipanti al nuovo braccio terapeutico della sperimentazione.

I farmaci non sono a buon mercato, e quindi potrebbero essere al di là dei mezzi dei paesi in via di sviluppo. In Gran Bretagna un ciclo di trattamento endovenoso costa 750-1.000 sterline (circa 1.000-1.400 dollari). Il soggiorno in terapia intensiva più breve compensa questa cifra; un giorno in terapia intensiva costa al Servizio Sanitario Nazionale (NHS) del paese circa 2.000 sterline a paziente. E, in generale, i pazienti che trascorrono meno giorni in terapia intensiva si riprendono più velocemente e hanno bisogno di meno riabilitazione.

Il NHS inizierà a utilizzare tocilizumab immediatamente per i pazienti covid-19 in terapia intensiva. Gli ospedali dispongono già di forniture del farmaco e il governo sta lavorando con Roche, un produttore di farmaci che lo produce, per aumentare le forniture. Per ora, la Gran Bretagna ha vietato le esportazioni sia di tocilizumab che di sarilumab. Mentre i decessi di covid-19 continuano, i risultati della sperimentazione portano un raggio di speranza per i pazienti e gli operatori sanitari esausti.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

Nessun commento:

Posta un commento