L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 16 febbraio 2021

Agli Stati Uniti sono rimasti solo le consorterie guerrefondaie mentre le masse diseredate statunitensi aumentano


News15 Febbraio 2021 di: Redazione

BIDEN STA SCATENANDO LA SUA MACCHINA DA GUERRA?

In qualità di senatore e vicepresidente degli Stati Uniti per quasi mezzo secolo, Biden ha sostenuto l’aggressione degli Stati Uniti contro nemici inventati.

Ha collaborato con le guerre preventive di Obama contro la Libia e la Siria non belligeranti, ha continuato le guerre ereditate in Afghanistan e Yemen.

Il ritiro delle truppe dall’Iraq è stato un falso inganno. Il paese rimane occupato dalle sgradite forze del Pentagono.

Insieme ai colpi di stato orchestrati in Honduras, Paraguay e Brasile, hanno sostituito la democrazia in Ucraina con la tirannia fascista infestata dai nazisti.

Hanno sostenuto più guerre israeliane contro la Palestina occupata, insieme a guerre con altri mezzi contro nazioni libere dal controllo statunitense.

In quanto presidente selezionato, non eletto, il team geopolitico di Biden è pieno di falchi.

Sono in corso piani per l’intensificazione della guerra?

La promessa di “porre fine in modo responsabile alle guerre che si sono trascinate per troppo tempo” era l’opposto polare di ciò che intendeva la sua squadra geopolitica intransigente?

Stava dicendo che “assicurerà che le minacce terroristiche non possano mettere in pericolo la sicurezza del popolo americano” linguaggio in codice per la continuazione della guerra permanente di Washington contro l’umanità?

A metà marzo, l’aggressione statunitense in Siria entrerà nel suo undicesimo anno.

Invece di porre fine alla quarta guerra più lunga dell’America nei tempi moderni – dopo Afghanistan, Yemen e Sud-est asiatico – Biden sembra intenzionato a intensificarla con il falso pretesto di combattere l’ISIS (di nuovo).

Inspiegabile è che gli Stati Uniti abbiano creato e appoggino il gruppo terroristico e quelli che la pensano allo stesso modo.

I loro jihadisti sono usati come combattenti per procura dove sono schierati dal Pentagono e dalla CIA.


Sono reclutati, armati, finanziati, addestrati, diretti e utilizzati per promuovere gli interessi imperiali degli Stati Uniti in Siria, Iraq, Afghanistan e altri paesi.

Mercoledì, il capo della magistratura iraniana Ebrahim Raeisi ha affermato che il regime di Biden / Harris si sta trasferendo e “rafforzando Daesh (ISIS) in termini di armi, logistica, intelligence e altri aspetti”, aggiungendo:

“Mentre Iraq, Siria, Iran e paesi della regione stanno lavorando insieme per eliminare i resti di Daesh, gli americani non fanno altro che trasferire i terroristi Daesh nella regione” per continuare a perseguire i loro obiettivi egemonici.

Dopo il ritiro dall’Iraq nel 2011, le forze statunitensi sono state ridistribuite nel paese con il falso pretesto di combattere l’ISIS.

Parlando del messaggio di Belyen Biden sul voltare pagina per la pace ponendo fine alle guerre statunitensi in corso, Southfront ha riportato quanto segue:

Gli Stati Uniti “stanno tornando a un livello di attività in Medio Oriente mai visto in quasi 4 anni”.

Invece di ritirare le forze statunitensi dalla Siria, è in corso un aumento di numeri.

Lunedì, il Pentagono ha affermato che la sua missione nel paese è ancora una volta combattere l’ISIS (sic).

L’annuncio è arrivato dopo che la forza della forza del gruppo terroristico nel paese è stata aumentata dai suoi addestratori statunitensi – un comodo pretesto per intensificare la guerra in Siria invece di porla fine una volta per tutte.

Southfront ha notato “un massiccio cambiamento di postura (da parte) degli Stati Uniti”, la provincia di Idlib infestata dai terroristi, il principale campo di battaglia in Siria.

La costruzione delle forze dell’ISIS in Siria e altrove assicura guerre continue e nessun ritiro regionale degli Stati Uniti.

Le cose sono sull’orlo dell’escalation della guerra americana in Siria e forse altrove?

La scorsa settimana, AMN News ha riferito che le forze siriane erano impegnate in “aspre battaglie” con l’ISIS nelle parti centrali del paese.

Più o meno nello stesso periodo, la Syrian Arab News Agency (SANA) ha riportato quanto segue:

Israele ha effettuato “un’aggressione aerea dalla direzione del Golan siriano occupato con raffiche di missili aria-superficie e terra-terra, prendendo di mira alcuni siti nella regione meridionale”.

Dall’inizio di gennaio, Israele ha bombardato la Siria un certo numero di volte, “incluso un massiccio attacco al governatorato orientale di Deir Ezzor vicino al confine iracheno”.

Fa parte della guerra di stato ebraica non dichiarata contro la Siria, missili e razzi il più delle volte lanciati dallo spazio aereo libanese e dal Golan occupato.

Alla fine di gennaio, dopo che Biden ha sostituito Trump, AMN News ha affermato che la Siria meridionale ha subito una maggiore “ondata di violenza” da parte dei combattenti per procura statunitensi.

“(A) i tentativi di allentare le tensioni nel sud della Siria sono falliti finora …”

Secondo il Dipartimento di Stato del regime di Biden:


Gli Stati Uniti “supportano il processo guidato dalla Siria e facilitato dall’ONU, stabilito dall’UNSCR 2254 (sic)”.

“Non esiste una soluzione militare al conflitto siriano (sic)”.

Gli intransigenti che circondano Biden incolpano falsamente Siria, Russia e Iran per l’aggressione degli Stati Uniti senza fine in prospettiva sotto Biden.

Affermare che Washington è impegnata a sconfiggere l’ISIS è smentito dalle sue azioni a sostegno del gruppo terroristico e di quelli che la pensano allo stesso modo.

Affermare ingannevolmente che gli Stati Uniti “sono il più grande donatore singolo per la risposta umanitaria in Siria” ignora la cosiddetta legislazione sulla protezione civile di Caesar Syria (Caesar Act).

Firmata da Trump nel dicembre 2019, implementata lo scorso giugno, la misura draconiana non ha nulla a che fare con la protezione dei civili siriani.

Si tratta di volerli far morire di fame e sottometterli agli obiettivi imperiali di Washington.

In netto contrasto con le affermazioni sulla fornitura di aiuti umanitari vitali ai siriani che soffrono da lungo tempo, la misura minaccia le sanzioni statunitensi su nazioni, entità e individui che aiutano la Repubblica araba siriana e il suo popolo.

La guerra senza fine al paese continua sotto Biden.

Sulla base di quanto discusso sopra, le cose sembrano dirette a un’escalation dell’aggressione degli Stati Uniti invece di passi per porvi fine del tutto.

articolo di
Stephen Lendman, ricercatore associato del Center for Research on Globalization (CRG).

Nessun commento:

Posta un commento