L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 18 febbraio 2021

LO stregone maledetto euroimbecille per scelta ideologica contro gli interessi del nostro paese mandato al macero per servire gli interessi tedeschi e parzialmente francesi

La risposta di Bagnai a Draghi (melius)

Può risultare un po’ difficile, da economista a economista.  Riporto alcuni commenti (non miei) chiarificatori.

@AlbertoBagnai
dopo aver citato Giorgetti 2012 (nessun debito rimborsabile senza crescita), cita l’auspicio di Draghi di un non ritorno a breve del Patto di stabilità , ricordandogli che serve emendarne il vulnus principale: il riferimento al PIL potenziale.
https://twitter.com/angel_other/status/1362098378948161536

Quanto al discorso di Draghi, 

i commenti

Discorso eterodiretto e anche malamente. Il passaggio sul Papa, su Dio e la natura è di una banalità estrema e imbarazzante. (Minuto 24-25)
“Il riscaldamento globale che ha provocato la pandemia. Ma davvero sta messo così? Come un galoppino qualunque?”

“Roba che mi aspetterei da un piddino di terza fascia.

Intanto è Speranza che continua a governare

Per calpestare ogni  residua ripresa
from Cesare Sacchetti (Cesare Sacchetti)]
Nel frattempo, Speranza sta pensando di mettere la zona arancione in ogni regione italiana, e quindi vietare ogni spostamento al di fuori delle città di residenza. Non solo. Speranza sta anche pensando di mettere le zone rosse nei fine-settimana, facendo chiudere bar e ristoranti nei giorni in cui lavorano di più. Falliranno anche gli ultimi esercizi che hanno resistito. Questo è l’inizio del governo Draghi. È molto peggio del governo Conte.
https://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2021/02/17/news/coronavirus-i-contagi-tornano-in-salita-e-il-ministero-pensa-al-piano-b-regioni-in-arancione-e-tutti-i-fine-settimana-in-zona-rossa-1.39912353
E  l’Europa a cui dobbiamo cedere la sovranità perché lei penserà a  noi,…
ntanto ieri migliaia di aziende al sud hanno pagato i contributi senza sgravio del 30%, perché da Bruxelles manca l’autorizzazione.
Quando il dolore arriverà all’osso, altro che “irreversibile”… https://twitter.com/giuslit/status/1362028785986584577?s=20
 (ad illustrazione dell’agghiacciante passo del Discorso:
Mario Draghi:”sostenere questo governo significa condividere l’irreversibilità della scelta dell’euro, significa condividere la prospettiva di un’Unione Europea sempre più integrata che approderà a un bilancio pubblico comune capace di sostenere i Paesi nei periodi di recessione. Gli Stati nazionali rimangono il riferimento dei nostri cittadini, ma nelle aree definite dalla loro debolezza cedono sovranità nazionale per acquistare sovranità condivisa.”
Il Recovery Fund? 

Nessun commento:

Posta un commento