L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 10 marzo 2021

Ida Magli 14

Perquisita la sede dell'Euro-polizia
in una indagine
per corruzione


English version (on this page):

Daily Telegraph, Saturday 2 June 2001
Euro Police HQ Raided in Fraud Inquiry

by Ambrose Evans-Pritchard in Brussels

La principale agenzia di polizia dell'Unione europea, Europol, è indagata dalle autorità olandesi per frode e riciclaggio di denaro sporco. La polizia olandese ha perquisito gli uffici dell'Europol e la casa di un poliziotto francese in seguito a sospetti che denaro rubato sia stato inviato in un conto segreto nel paradiso fiscale delle Bermuda.

Gli investigatori stanno sistematicamente allargando l'inchiesta per comprendere alcuni dei lavoratori del settore informatico e banca dati, il cuore nevralgico della sede Europol all'Aia. Si tratta di 39 dipendenti guidati da David Valls-Russell, un ex-sovrintendente del Connestabillato della Contea del Kent, da due anni vice-direttore dell'Europol.

[..] l'agenzia elitaria si sta rapidamente evolvendo da ufficio anti-narcotici a una specie di "Euro-FBI" con il potere di lanciare indagini su un campo crescente di crimini internazionali.

Il governo belga, che avrà la presidenza dell'Unione alla fine di giugno, ha in programma di dare all'Europol un ruolo maggiore nel combattere il riciclaggio del denaro e nelle operazioni sul campo negli stati membri. Il Belgio ha il sostegno dei leader francesi e tedeschi, che hanno chiesto che l'Europol diventi ufficialmente un corpo di polizia europeo.

L'Europol è già autorizzata a indagare su frodi, immigrazione illegale, traffico di materiali nucleari e reati vagamente definiti come "corruzione", "crimini contro l'ambiente", "razzismo e xenofobia". Può anche giocare un ruolo in caso di omicidio e gravi ferite fisiche.

L'anno scorso gli furono dati poteri extra per affrontare il riciclaggio di denaro derivante da "ogni sorta di crimine". Il suo bilancio è salito da 4 milioni di sterline nel 1998 a 17 milioni nel 2000, con 212 dipendenti.
[...] Le associazioni per i diritti civili sono già allarmati che l'agenzia sta acquisendo il potere di raccogliere "dati soft" su cittadini qualunque, anche se non sono accusati di niente. Questo potrebbe comprendere soffiate anonime, pettegolezzi o segreti personali.

Il mese prossimo i ministri dell'UE decideranno se costringere per legge le aziende telefoniche e i provider di Internet a tenere un archivio delle comunicazioni telefoniche, e-mail e internet a disposizione delle forze di polizia Europol e nazionali. I Servizi Tecnologici dell'Europol hanno un sistema di informazioni centralizzato a disposizione di tutte le forze di polizia per indagini di routine, oltre a una sezione riservata di "files di analisi" per soli funzionari Europol.

Secondo un rapporto di pubblicazione imminente da parte dell'associazione britannica Statewatch, attualmente ci sono 11 files aperti, compresi due sui cartelli della droga in America Latina e uno sul terrorismo islamico.
Lo scandalo indurrà i corpi di polizia nazionali a pensarci bene prima di condividere con altri dei dati che potrebbero essere fatti trapelare o venduti per scopi illeciti.

Valls-Russell ha dchiarato recentemente che: "Senza strette garanzie sulla riservatezza, nessun funzionario operativo rivelerà a un estraneo dati sensibili che potrebbero mettere in pericolo un'indagine e mettere a rischio dei testimoni o informatori."

Tre anni fa fu scoperto che un funzionario nel Sistema Informativo di Schengen, un organo separato, vendeva dei dati alla criminalità organizzata. Lode Van Outrive, l'ex-"rapporteur" sull'Europol per il Parlamento europeo, ha detto che questa agenzia acquista nuovi poteri ogni volta che i ministri della giustizia si ritrovano a Bruxelles. Ha detto "Prima era la droga. ma poi gli spagnoli hanno aggiunto il terrorismo, poi altri la pornografia infantile, e così via. Ma nessuno ha il comando di una cosa del genere. E' come un satellite che vola nell'atmosfera, al di là di un controllo giuridico, senza dover rispondere democraticamente a nessuno."

Secondo il trattato di Amsterdam, l'Europol sarebbe tenuta a condividere delle informazioni con il Parlamento europeo, ma i parlamentari si lamentano che si è rifiutato di fornire anche i documenti più banali, come il rapporto annuale integrale. I principali controlli sull'Euorpol sono esercitati da un organo di gestione nominato dai 15 ministri della giustizia dell'UE, che interrogano il direttore in seduta segreta.

Un altro organo di supervisione esamina le questioni riguardanti la protezione dei dati, ma non ha la supervisione operativa. Entrambi gli organi hanno difficoltà ad ottenere i documenti. A differenza della polizia nazionale, il personale dell'Europol non ha l'obbligo di testimoniare in tribunale ed ha l'immunità per "atti compiuti nell'esercizio delle loro funzionai ufficiali". Questa immunità può essere tolta per ordine del direttore dell'Europol stessa.

Nessun commento:

Posta un commento