L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 23 marzo 2021

Menzogne e balle spaziali dei mas media. Inniezioni di paura a go go

E’ cominciata la fase coercitiva… I media lo vogliono

Maurizio Blondet 23 Marzo 2021 

… e la fanno iniziare prima

ANSA:
Covid: Niente stipendio senza il vaccino, decisione di un giudice
Dieci operatori di una Rsa avevano rifiutato la somministrazione

Il medico aveva dichiarato i sanitari “inidonei al servizio” permettendo così che venissero allontanati dalle loro attività senza stipendio. Gli operatori no vax avevano fatto ricorso in Tribunale sostenendo che la Costituzione dà libertà di scelta vaccinale.

Il giudice, giudicando “insussistenti” le ragioni dei ricorrenti, ha sancito che “è ampiamente nota l’efficacia del vaccino nell’impedire l’evoluzione negativa della patologia causata dal virus come si evince dal drastico calo dei decessi fra le categorie che hanno potuto usufruire delle dosi, quali il personale sanitario, gli ospiti delle rsa e i cittadini di Israele dove il vaccino è stato somministrato a milioni di individui”.

Apprendiamo – grazie a Weltanschauung Italia – che la notizia di cui sopra
è un falso dei media allo scopo di terrorizzare

ecco come è andata:

Il terrorismo mediatico raggiunge vette sempre più ardite e purtroppo tantissimi abboccano e si lasciano terrorizzare. L’ultimo caso: vari giornali, capeggiati da Repubblica e CdS, riportano la notizia del giudice di Belluno che ha respinto il ricorso di alcuni dipendenti di una Rsa che si sono rifiutati di vaccinarsi. E scrivono che i dipendenti in questione è vero che non sono stati licenziati, ma sarebbero stati sospesi e privati dello stipendio.

Qualcuno aggiunge pure che se vogliono tornare a lavorare e a percepire lo stipendio dovranno vaccinarsi o aspettare la fine della pandemia.
Sebbene si sa che in magistratura vi è di tutto, mi sembrava troppo strano che un giudice potesse così stravolgere il diritto.

Mi sono quindi procurato la, sentenza, scoprendo che ancora una volta i media fabbricano fake news per terrorizzare. La sentenza infatti dice tutt’altro e il caso è ben diverso. I lavoratori avevano fatto ricorso contro il provvedimento assunto dall’azienda dopo che il medico aziendale, certamente con decisione piuttosto audace, li aveva dichiarati “temporaneamente inidonei al lavoro” in quanto non vaccinati. La privacy dunque, prima cosa importante da sottolineare, non è stata violata, perché il dato sanitario era a conoscenza del medico responsabile e non del datore di lavoro.

Ma quale provvedimento ha assunto a questo punto l’azienda? Li ha licenziati? Li ha messi in aspettativa senza assegni? Ma quando mai! Non potendo essere adibiti ad altre mansioni, sono stati collocati d’ufficio in ferie (retribuite, ovviamente).

Il giudice respinge il ricorso proprio perché, scrive, non ci sono elementi per pensare che il datore di lavoro voglia licenziare i lavoratori in questione o sospendere il loro stipendio e dunque non esiste il “periculum in mora” paventato dai ricorrenti.
I giornali hanno dunque precisamente capovolto il significato di questa sentenza: essa mostra che un lavoratore ha diritto a non vaccinarsi e non perde per questo il lavoro o lo stipendio, ma anzi, quando pure il medico responsabile giungesse a dichiararlo inidoneo al lavoro, deve essere adibito ad altre mansioni e se ciò non è possibile viene collocato in ferie.

Che cosa succede se dovesse terminare le ferie? In tal caso il ricorso avrebbe esito diverso, evidentemente, visto che si realizzerebbe proprio quel periculum che allo stato attuale il giudice ha potuto escludere. In sostanza, il problema lo deve risolvere l’azienda.
Vi supplico: non cadete nella trappola del terrore.

A. Imbriani

(Qui sopra la sentenza)

GERMANIA VERSO CHIUSURA ANCHE DEI SUPERMERCATI

La Germania punta a un lockdown ancor più radicale all’inizio di aprile con la chiusura di tutti i negozi, compresi i supermercati. Sono indiscrezioni dello Spiegel. Ma questo potrebbe dare il là a misure sempre più restrittive anche in altri paesi.
La dittatura marcia a ritmo serrato…
La Germania verso un lockdown radicale, chiusi anche i supermercati per 5 giorni
Le misure entrerebbero in vigore dall’inizio di aprile. Allo studio, secondo le indiscrezioni riferite dallo Spiegl, c’è anche l’estensione delle vacanze di Pasqua

Nessun commento:

Posta un commento