L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 16 aprile 2021

C'è verde e verde

Il mondo in un cucchiaino: perché servono le premesse per capirci

Spesso discutiamo qui di una notizia qualunque, e non ci capiamo.

Il nostro interlocutore ci sembra un po’ tonto, perché pensiamo che dovrebbe arrivare logicamente alle nostre stesse conclusioni, e invece va da tutt’altra parte.

In realtà, l’interlocutore non è tonto: parte da premesse diverse, e non può che arrivare da un’altra parte.

Questa difficoltà, la noto soprattutto quando si parla di ambiente.

Ieri è arrivato il libro, Bright Green Lies, di cui vi avevo già parlato.

Mi colpisce la chiarezza proprio sulle premesse.

Oggi l’ambientalismo dominante, che va dalle grandi organizzazioni americane ai progetti di decarbonizzazione europei, è una cosa molto pragmatica che non dichiara di avere alcuna visione del mondo: perché condivide la visione implicita del mondo che ha il capitalismo.[1]

L’ambientalismo dominante infatti si pone la sfida, come domare tecnologicamente la rivolta dell’ambiente contro l’aggressione umana.

Come calcolare e dominare la naturaper continuare a sfruttarla nell’esclusivo interesse umano: che è esattamente il progetto prometeico che ci ha portati nella situazione in cui siamo oggi.

Ma la natura è qualcosa di calcolabile e dominabile e fuori dall’umano?

Da questa domanda dipende tutto, compresi noi stessi.

Noi siamo drammaticamente incompetenti, e quindi tendiamo a levarci il cappello di fronte agli esperticome ad esempio Roberto Cingolani, un signore che ha studiato, certamente molto più di me, e ci guida in quella che chiamano la Transizione Ecologica.

Ma prima di levarci il cappello, chiediamoci se condividiamo le premesse di Roberto Cingolani. Perché dalle premesse, capiremo se condivideremo anche il punto di arrivo.

Ora, un piccolo superpotere concesso ai cattedratici in materie scientifiche consiste in questo: possono dire che loro non hanno premesse, sono solo Portatori di Verità.

Infatti, in teoria, la “scienza” è neutrale.

Ma non nascondiamoci dietro un dito: se la geologia in sé è “neutrale”, le ditte petrolifere sono in guerra con il mondo; e investono miliardi proprio nella ricerca geologica. E qualsiasi Stato cura la ricerca scientifica con la stessa attenzione, e più o meno per gli stessi motivi, con cui cura i propri missili terra-aria.

Le premesse di Cingolani emergono implicitamente in un attimo, se ricordiamo che lui non ha deciso di occuparsi della vita affettiva delle farfalle della Garfagnana; ha scelto di diventare un costruttore di robot e di lavorare per il complesso militare-industriale Leonardo/Finmeccanica e le automobili Ferrari.

Non vuol dire solo che Roberto Cingolani prende soldi da quella gente. Vuol dire che lui condivide intimamente il sogno di mondo sottostante ai robot, agli elicotteri militari e al magico rombo della Ferrari.

Gli esperti non sono neutrali: hanno i loro interessi, ma anche le loro premesse filosofiche. Come ce le abbiamo anche noi ignoranti.

Dalle premesse parte tutto; e Bright Green Lies (p. 7 ss.) racconta molto meglio di come potrei io, quali sono le mie:

“Il biologo David Ehrenfeld ha scritto che la natura non solo è molto più complessa di quanto pensiamo, è anche molto più complessa di quanto possiamo pensare.

Ecco un esempio: un cucchiaino da tè di suolo può contenere un miliardo di creature viventi. Possiamo raffigurarci un numero con nove zeri, ma non possiamo mai tenere a mente altrettanti singoli elementi contemporaneamente. Il numero di cose che possiamo considerare contemporaneamente nei nostri cervelli – che ci hanno messo due milioni di anni a svilupparsi [2] – ammonta all’umile cifra di quattro.

I nove zeri che si susseguono in quel miliardo indicano una complessità incredibile. Ma quella complessità si espande ancora di più. Ciascuno di quel miliardo di creature interagisce con le altre. Il numero di rapporti tra un miliardo di organismi è cinque volte1017. Ci perderemmo a guardare tanti zero scritti uno dopo l’altro – figuriamoci a vedere altrettanti esseri – per cui condensiamo quel numero nell’esponente 17. Oppure, per dirla semplicemente, 500 quadrilioni.

Non possiamo fare altro, nemmeno con i 160.000 chilometri di vasi sanguigni e 100 miliardi di neuroni dei nostri cervelli: un quadrilione è tante volte più grande di quattro.

Ciascuna di queste creature che non vediamo ha una propria maestosità. I batteri sono minuscoli – forse un decimo delle dimensioni di una tipica cellula nucleata – ma la loro biomassa supera quella di tutte le piante e di tutti gli animali messi insieme. Gli umili hanno già ereditato la terra.[3]

Un unico batterio può diventarne 16 milioni in un solo giorno. Alcuni batteri vivono da soli; altri si uniscono per formare catene, filamenti e spirali di una grazia fatata.

Si aggregano anche in densi tappeti, detti biofilm, costruendosi una fortezza corazzata, che li rende drammaticamente più difficili da uccidere.

Ad esempio lo Staphylococcus aureus (MRSA), resistente alla meticillina, si costruisce dei biofilm. Fanno così anche i batteri della nostra bocca – compresa la dura placca dentaria che solo strumenti specializzati e un discreto grado di forza riescono a strappare via dai nostri denti. Non proprio così umili.

Alcuni batteri riescono a trasformarsi in endospore, riducendosi a puro DNA e una tunica, con capacità fantastiche – sopravvivere a livelli estremi di calore, freddo, pressione, agenti chimici, radiazioni, essiccamento e tempo. Ci sono endospore vitali vecchie di 40 milioni di anni.

E questi sono solo i batteri in quel cucchiaino di suolo. Ci sono anche altre creature lì. Ci sono i funghi, con corpi filamentosi lunghi un chilometro e mezzo, e ci sono migliaia di protozoi, che fanno caccia e raccolta di batteri e di materiale organico. Consumando i batteri, i protozoi producono l’azoto, rendendo verde il mondo: l’80% dell’azoto nelle piante proviene da protozoi che mangiano batteri. Nessuno di noi è da solo in questo.

Questo singolo cucchiaino di suolo è anche la dimora di circa 1000 minuscoli artropodi. Tra questi, crostacei così piccoli che i loro esoscheletri corazzati sono trasparenti. E il suolo contiene anche decine di nematodi – vermi cilindrici – che si nutrono di funghi, alghe, minuscoli animali, creature morte e tessuti viventi.

Questi esseri rendono possibile la vita. “E’ ai batteri del suolo – scrive lo scienziato dei suoli James Nardi – che si deve accreditare la maggior parte del costante rinnovamento della nostra terra”.

E in che modo abbiamo ripagato queste straordinarie, infinitesimali creature che assicurano la vita sulla terra? Scuoiando vivo il pianeta.

L’humus nelle praterie nordamericane era profondo tre metri e mezzo nei primi anni dell’Ottocento, quando arrivarono i primi soldati-contadini. In meno di un secolo, oggi si può misurare solo in centimetri. E la “Grande Aratura” avvenne prima dell’invenzione del motore a scoppio, solo con la potenza di buoi e cavalli. I carburanti fossili sono un acceleratore, ma l’impulso a sottomettere il pianeta – e dominarlo fino alla sua stessa morte – era già presente.

[…]

Tutto sulla terra fa parte di un processo chiamato vita. Come scrive Sahtouris, ‘la vita planetaria non è semplicemente qualcosa che succede qui e lì sul pianeta – succede a tutto il pianeta nel suo insieme’. La vita non è una specie di materia, ma un processo.

Le particelle si attirano per formare atomi; gli atomi formano la materia; la materia si condensa in stelle e rocce e pioggia, che diventano eleganti spirali di proteine che si replicano attraverso gli oceani e poi sulla terra e poi sotto forma di sequoie alte centro metri; il verde saturo e sorprendente delle rane degli alberi; e il silenzio notturno delle ali del gufo.”

Atteone trasformato in cervo (un racconto di cui abbiamo già narrato il senso qui)

Nota:

[1] Ogni tanto qualcuno – come questi evangelici – dice che sotto sotto gli ambientalisti sarebbero una setta che vuole riportare il Culto della Dea Madre:

“L’attuale culto di Gaia è un’astuta mescolanza di scienza, paganesimo, misticismo orientale, stregoneria wicca e femminismo.

I Gaiani hanno a tutti gli effetti infiltrato ogni livello di potere all’interno delle Nazioni Unite, e hanno conquistato posizioni di preminenza in molti governi. Si potrebbero a ragione considerare come la più deviata e pericolosa setta sulla faccia del pianeta.”

Magari!

[2] Ovviamente ci sarebbe da discutere a lungo su quando sia nato il “nostro cervello”, e siamo sicuri che qualcuno farà le pulci a questa o ad altre semplificazioni che si trovano in questo testo, certamente peggiorate poi dalla mia traduzioe.

Ad esempio leggo altrove che nel nostro cervello ci sarebbero addirittura 600.000 chilometri di vasi sanguigni, contro i 160.000 (100.000 miglia) di Bright Green Lies.

Ma questo non intacca il senso del ragionamento.

[3] Citando la classica versione inglese della Bibbia, BGL usa il termine “the meek”. Ma in italiano emerge subito il rapporto tra “umiltà” e humus.

http://kelebeklerblog.com

Nessun commento:

Posta un commento