L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 23 aprile 2021

I cittadini sanno benissimo che gli vengono imposte delle regole, molte delle quali assurde, persino grottesche. Sanno molto bene che le autorità hanno gestito questa crisi sanitaria in modo deplorevole. Possono vedere che dopo aver “scherzato” con mascherine e farmaci, ora si scherza con i vaccini

Alain de Benoist: “I cittadini sono impotenti e disorientati davanti alle restrizioni Covid”
Il filosofo francese commenta le dinamiche sociali ad un anno dall'inizio della pandemia
by YV

Alain de Benoist

Breizh-info.com: le chiusure delle scuole, le limitazioni dei viaggi, il bullismo e la follia sanitaria continuano in Francia. Da attento osservatore della vita pubblica nel nostro Paese, non sei affascinato dalla passività dei cittadini di fronte alle autorità che, però, mostrano quotidianamente incompetenza (o disonestà)?

Alain de Benoist: “Nel marzo 2020, al momento del primo confinamento, ho scritto che poteva essere visto come un test di sottomissione su vasta scala. La passività di cui parli conferma il mio punto di vista iniziale, il che non significa che durerà per sempre. Ma qual è la causa principale di questa sottomissione, che è solo una variante del vecchio tema dello schiavo innamorato delle sue catene (la “servitù volontaria” di La Boétie)? È noto da tempo che il modo migliore per far accettare le restrizioni alle libertà è giustificarle con la necessità di garantire la salute o la sicurezza (o anche con la “minaccia terroristica”). Ma mi sembra che dobbiamo andare oltre.

Alla radice di questa passività, vedo prima una sensazione di impotenza. I cittadini sanno benissimo che gli vengono imposte delle regole, molte delle quali assurde, persino grottesche. Sanno molto bene che le autorità hanno gestito questa crisi sanitaria in modo deplorevole. Possono vedere che dopo aver “scherzato” con mascherine e farmaci, ora si scherza con i vaccini. Vedono chiaramente che l’Europa ha dimostrato la sua inesistenza dimostrandosi incapace di sviluppare una politica comune, e che il nostro sistema sanitario non è in grado di fronteggiare l’epidemia perché da anni è stato gestito come una società privata, soggetta alle regole del zero stock e flussi just-in-time. Vedono anche chiaramente che volendo salvare vite individuali con distanziamento e telelavoro, stiamo smantellando l’anima del corpo sociale. Si sentono esiliati (sotto il fascismo italiano, quelli che furono esiliati in isole lontane erano chiamati confinati!). Ma soprattutto si sentono impotenti, perché si confrontano ogni giorno con informazioni del tutto contraddittorie (a cui vanno aggiunte le affermazioni di virologi e autoproclamati epidemiologi, per non parlare di deliri cospiratori).

La domanda che tutti si fanno e che li fa impazzire è: a chi dobbiamo credere? All'inizio della pandemia, Macron ha detto che era necessario seguire i consigli del “Consiglio Scientifico”, vale a dire considerare le loro raccomandazioni come ordini (sembra essere rimasto lì nel frattempo). Abbiamo quindi visto esplodere dal vivo il mito dell’espertocrazia basata sulla “scienza”, però si è scoperto presto che “coloro che sanno” non sono d’accordo tra loro. All'improvviso, le persone non capiscono più nulla. Tutti i loro punti di riferimento sono scomparsi. Ne hanno abbastanza, ma non sanno cosa fare. Questo è il motivo per cui si rassegnano, giudicando la situazione sotto l’orizzonte della fatalità. Potrebbe volerci solo un po’, ma finora siamo lì”.

Breizh-info.com: Non è la paura, in ultima analisi, che spinge le persone, fianco a fianco, a non reagire più? Sembra che l’uomo occidentale ora abbia paura di tutto (morire, agire, vivere …). È questo un segno di qualcosa di potenzialmente serio perlando di civiltà?

Alain de Benoist: “Certamente nella società dell’individualismo l’opinione dominante è che non c’è niente di peggio della morte (soprattutto perché per la maggior parte dei nostri contemporanei non c’è niente dopo). Questa opinione è tipica di tutti i tempi di decadenza, mentre in altri tempi si credeva che la servitù o il disonore fosse peggio della morte e che ci fossero cause che meritano di essere difese con la vita. Allo stesso tempo, la vita è presa come un assoluto senza particolarità, quella che i greci chiamavano zoè, “vita nuda”, semplice esistenza biologica, contrapposta al bios, il modo di vivere, la vita pienamente vissuta. Al giorno d’oggi c’è molta preoccupazione per l’estensione dell’aspettativa di vita, vale a dire per la sua semplice durata, più raramente per il suo contenuto. Come afferma l’eccellente Byung-Chul Han, “la ricerca della bella vita ha lasciato il posto all’isteria di sopravvivenza”. Coloro che vogliono sopravvivere di più sono anche quelli che non hanno mai vissuto. Questo per quanto riguarda l’aspetto della visione di civiltà.

Detto questo, non bisogna delegittimare la paura, come fanno coloro che ripetono meccanicamente di non avere”mai paura!”, quasi per rassicurarsi. La paura non è solo un sentimento dei codardi: solo l’incoscente non ha mai paura. Le persone coraggiose non sono quelle che non conoscono la paura, ma quelle che la superano. Ci sono molti motivi per avere paura oggi: paura del caos che si sta diffondendo ovunque, paura dell’insicurezza sociale, paura dei fallimenti e delle chiusure di piccole imprese che seguiranno la pandemia, paura di una crisi finanziaria globale, ecc. Alcuni hanno paura di vedere Marine Le Pen salire al potere, altri hanno paura della “racaille” e degli “islamisti di sinistra”. Tutte queste paure non sono uguali, resta la grande domanda se, di fronte ad esse, ci rassegniamo o se resistiamo. Ma la paura non è sempre una fantasia”.

Breizh-info.com: Non c’è un paradosso in Francia ora con l’imminente introduzione di un possibile diritto all’eutanasia da parte delle stesse autorità che sacrificano una popolazione per salvare il maggior numero possibile di anziani?

Alain de Benoist: “Non avremmo problemi a risponderti che gli anziani attualmente ricoverati in terapia intensiva non sono necessariamente candidati all’eutanasia! È come se trovassi paradossale che diciamo sempre di proteggere meglio i bambini anche quando permettiamo l’aborto …”.

Breizh-info.com: Come spieghi, inoltre, che questa paura si è diffusa a livello globale, a tal punto che i paesi che non hanno nulla a che fare con le democrazie occidentali alla fine agiscono allo stesso modo? Tutta la ragione ha lasciato il nostro pianeta o è nell’ordine delle cose?

Alain de Benoist: “In varia misura, il virus si è diffuso in tutto il mondo. È abbastanza logico che le stesse cause causino gli stessi effetti. Va notato, tuttavia, che i paesi considerati (e molto spesso denunciati) come “illiberali” sono, nel complesso, quelli che hanno combattuto più efficacemente l’epidemia. Quando arriverà il momento di fare il punto, potrebbero esserci alcune lezioni da imparare in questo settore”.

Intervista di YV

Nessun commento:

Posta un commento