L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 13 aprile 2021

Johnson&Johnson sospeso mentre l'Ema approva e per scelta ideologica traccheggia sullo Sputnik V

ESTERO
Negli Stati Uniti chiesto lo stop all'uso di Johnson & Johnson dopo sei casi sospetti

La raccomandazione di Fda e Cdc dopo la segnalazione che sei donne hanno sviluppato una malattia rara. "Estrema precauzione" in attesa di accertamenti. L'azienda: nessun nesso provato. L'Italia rinvia l'inizio della somministrazione

aggiornato alle 19:2413 aprile 2021

© AFP - Johnson & Johnson

(Aggiornato alle 17,30 del 13/4/2021)

AGI - Negli Stati Uniti stop all'uso del vaccino Johnson&Johnson dopo che sei persone hanno sviluppato una malattia rara con coaguli di sangue entro due settimane dalla somministrazione. Le agenzie sanitarie federali Fda e Cdc hanno chiesto la sospensione immediata nell'uso del vaccino monodose dopo che i casi che hanno riguardato sei donne di età compresa tra i 18 e i 48 anni. Una di loro è morta e una seconda in Nebraska è stata ricoverata in gravi condizioni, hanno riferito i funzionari americani, citati dal New York Times.
Già sette milioni di dosi somministrate

Sono già più di sei milioni e 800 mila gli americani vaccinati con Johnson&Johnson. "Raccomandiamo una pausa nell'uso di questo vaccino come estrema misura di cautela", ha twittato la Food and Drugs Administration, sottolineando che si tratta di casi estremamente rari. L'annuncio ha fatto calare il titolo di J & J del 3% prima dell'apertura di Wall Street.

Stop di pochi giorni

Per il Cdc e la Fda, la sospensione del vaccino Johnson&Johnson sarà probabilmente una questione di giorni: "Quello che vediamo per i vaccini Johnson&Johnson è simile a quanto osservato con AstraZeneca", hanno spiegato le autorità sanitarie americane. Intanto, però, molti stati Usa si sono adeguati: a New York tutti gli appuntamenti già programmati per il vaccino monodose sono stati confermati ma il vaccino indicato è quello Pfizer. Mentre nel District of Columbia, dove si trova la capitale federale Washington, gli appuntamenti per il vaccino Johnson&Johnson sono stati tutti cancellati in attesa di essere riprogrammati.

La Casa Bianca minimizza

"La pausa al vaccino Johnson & Johnson non avrà un impatto significativo sul nostro piano di vaccinazioni", ha assicurato la Casa Bianca, "gli Stati Uniti hanno sufficienti disponibilità per mantenere l'attuale velocità di vaccinazioni". Agli americani che si erano prenotati per il vaccino Johnson&Johnson sarà offerta un'alternativa e comunque gli accordi siglati con Pfizer e Moderna sui vaccini coprono 300 milioni di americani.

La casa farmaceutica ritarda le consegne all'Europa

La società farmaceutica in una nota ha sottolineato che "al momento nessun nesso causale chiaro è stato stabilito fra i rari eventi tromboembolici segnalati e il vaccino anti Covid Janssen", il nome del siero prodotto dalla J&J. Tuttavia la Johnson & johnson ha deciso "in via proattiva di ritardare le consegne all'Europa".

L'Ue chiede chiarimenti

La Commissione europea ha fatto sapere di aver chiesto chiarimenti alla Johnson & Johnson dopo l'annuncio "completamente inatteso" di ritardi nelle consegne del vaccino contro il Covid-19 all'Unione europea."La Commissione è in contatto con la società" per ricevere chiarimenti riguardo a questa decisione, ha fatto sapere una fonte della Commissione.

Lo stop dell'Italia

L'Italia ha deciso di rinviare per ora la somministrazione del vaccino di J&J che sarebbe dovuta partire questa settimana. "Abbiamo fatto una riunione con i nostri scienziati e l'Aifa e siamo in collegamento con l'Ema: valuteremo nei prossimi giorni, appena Ema e gli Usa ci daranno notizie più definitive, quale sarà la strada migliore, ma io penso che anche questo vaccino dovrà essere utilizzato perché è un vaccino importante", ha spiegato il ministro della Salute, Roberto Speranza, a Porta a Porta, dopo un vertice su questo tema.

In Europa è stato autorizzato dall'Ema

Il vaccino della Janssen, società controllata della Johnson & Johnson, l'11 marzo è diventato il quarto raccomandato nell'Ue per prevenire Covid-19 dopo i farmaci Pfizer, Moderna e AstraZeneca. L'efficacia del prodotto - ha spiegato l'Ema - è stata dimostrata in uno studio clinico che ha coinvolto oltre 44mila persone dai 18 anni in sui negli Stati Uniti, in Sudafrica e nei Paesi dell'America Latina. Lo studio ha rilevato una riduzione del 67% del numero di casi Covid sintomatici dopo 2 settimane nelle persone che hanno ricevuto il vaccino Janssen (116 casi su 19.630 persone), rispetto alle persone a cui è stato somministrato placebo (348 persone su 19.691).

Nessun commento:

Posta un commento