L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 18 aprile 2021

La Cina ha messo in campo la strategia della Doppia Circolazione l'Occidente tutto usa la strategia della Paura ieri con il terrorismo, oggi con l'influenza covid per superare la crisi di sovraccumulazione

Ecco come la Cina metterà in difficoltà l’Occidente su tecnologia e brevetti

18 aprile 2021


Quali sono le vere implicazioni del piano Made in China 2025. L’approfondimento di El Pais

Pechino prevede di separare la sua economia in due sfere: una esterna che rimarrà in contatto con il resto del mondo e una interna, con una crescente importanza. Questa – scrive El Pais – è una sfida enorme per l’Occidente

Alcuni mesi fa, le autorità cinesi hanno contattato alcune delle più grandi aziende straniere che operano nel paese e hanno chiesto loro di designare un rappresentante per una piccola riunione a porte chiuse per discutere la nuova strategia economica della Cina. L’incontro doveva essere con un alto funzionario in un luogo e un’ora non rivelati. Secondo due persone con conoscenza diretta, che hanno insistito sull’anonimato, alle aziende è stato chiesto che i rappresentanti siano esclusivamente di etnia cinese. Nel contenuto e nella forma, l’aneddoto è un buon esempio della determinazione della Cina a rendere la sua economia più distintamente nazionale, sviluppando le proprie tecnologie e fonti di energia e ponendo maggiore enfasi sul consumo interno che sulla domanda estera.

La nuova strategia del presidente cinese Xi Jinping si concentra sul concetto di “doppia circolazione”. Dietro questo tecnicismo c’è un’idea che può cambiare l’ordine economico mondiale. Invece di operare come un’unica economia legata al mondo attraverso il commercio e gli investimenti, la Cina prevede di separare la sua economia in due sfere. La prima rimarrà in contatto con il resto del mondo (circolazione esterna), ma cederà gradualmente il passo alla seconda (circolazione interna), basata sulla domanda locale, sul capitale e sulle idee.

Lo scopo della doppia circolazione è quello di aumentare l’autonomia della Cina. Dopo un periodo di sviluppo guidato dalle esportazioni, le autorità vogliono diversificare le catene di approvvigionamento per avere accesso a tecnologie e conoscenze senza la pressione degli Stati Uniti. Così facendo, la Cina cercherà di aumentare la sua dipendenza da altri paesi in modo da trasformare questi legami economici esteri in potere politico globale.

L’adozione della strategia della doppia circolazione solleva lo spettro di un nuovo shock cinese, il cui effetto sarà molto più grande del primo che ha scosso le economie occidentali dopo l’ingresso della Cina nell’Organizzazione Mondiale del Commercio nel 2001. Al di là dell’immensa ricchezza che ha prodotto e dei milioni di cinesi che ha sollevato dalla povertà, ha anche creato dei disoccupati in luoghi come la rust belt degli Stati Uniti e i distretti industriali del Regno Unito, ponendo le basi per il referendum britannico sulla Brexit e la vittoria elettorale del 2016 dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump. L’establishment politico occidentale ha impiegato molto tempo per capire lo shock cinese, perché era impegnato in una strategia di collegamento reciproco in cui i consumatori occidentali avrebbero goduto di importazioni a basso costo dalla Cina e le aziende occidentali avrebbero approfittato della crescita economica della Cina attraverso l’accesso al suo enorme mercato. Si pensava che questa dinamica avrebbe fatto pressione sulla Cina per consentire una maggiore apertura sociale e di mercato, ma l’ipotesi non si è realizzata.

L’effetto del nuovo shock della Cina sull’Occidente sarà molto diverso questa volta. In primo luogo, la strategia della doppia circolazione si ripercuoterà su altri settori economici e sociali. Il pericolo non è per le industrie tradizionali, poiché con questa strategia la Cina cerca di raggiungere il dominio nei settori avanzati e di competere con le società finanziarie e gli studi legali nella City di Londra, con le case automobilistiche nel Baden-Württemberg, con le aziende biotech in Svezia.

In particolare, il piano presentato da Xi nel 2015, Made in China 2025, enfatizza settori come l’intelligenza artificiale, i semiconduttori, le batterie e i veicoli elettrici, e mira ad aumentare il contenuto interno dei componenti tecnologici chiave al 40% nel 2020 e al 70% nel 2025. L’obiettivo è quello di utilizzare i sussidi statali e i controlli delle esportazioni e dei dati per far sì che le aziende cinesi sostituiscano quelle straniere (o che le aziende straniere diventino più cinesi). Se il piano di Xi avrà successo, il nuovo shock cinese potrebbe prendere tanti posti di lavoro ben pagati nella tecnologia e nei servizi quanti ne ha eliminati il primo nell’industria pesante e nel tessile.

Ma non finisce qui. La principale battaglia geopolitica di oggi non riguarda tanto l’applicazione delle regole globali, ma l’essere quello che le detta. Dove una volta l’Occidente lottava per convincere la Cina a conformarsi alle sue regole commerciali, finanziarie e di proprietà intellettuale, ora la Cina sta cercando di creare e applicare le proprie regole. Ci sono già o sono stati rappresentanti cinesi al timone dell’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (ITU), dell’Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione (ISO) e della Commissione Elettrotecnica Internazionale (IEC); e sempre più aziende cinesi stanno cercando di definire il futuro della tecnologia. Huawei ha già più di 100.000 brevetti attivi, in particolare nella tecnologia 5G, dove compete per la definizione degli standard internazionali con aziende occidentali come Ericsson e Nokia.

Inoltre, le tensioni competitive non sono più contenute nel quadro di una relazione bilaterale tra la Cina e l’Occidente. Con l’iniziativa della Nuova Via della Seta, la Cina ha stabilito una rete di legami economici con più di 100 paesi, e non esiterà a usarla per esportare gli standard cinesi, insieme al suo modello di capitalismo di stato e alle sovvenzioni statali. Le aziende occidentali troveranno presto in altri mercati (se non lo fanno già) le stesse difficoltà a competere che hanno oggi in Cina.

Una conseguenza del nuovo shock cinese è che le nuove regole su dati, standard e ricerca e sviluppo costringeranno le grandi aziende occidentali ad acquisire caratteristiche cinesi per continuare ad operare nel paese. Come mi ha fatto notare un insider del settore privato: “L’idea della Cina è che se aziende come Daimler o Volkswagen vogliono lavorare in Cina, dovranno portare lì servizi, R&S e nuovi prodotti. Pechino spera che la doppia circolazione li trasformi in aziende cinesi”.

Inutile dire che il nuovo shock della Cina richiede risposte diverse rispetto al vecchio. Piuttosto che cercare di trasformare la Cina o entrare nel suo mercato, la priorità dell’Occidente dovrebbe essere quella di trasformare se stesso, in particolare sviluppando politiche industriali e di investimento che incoraggino l’innovazione e proteggano le sue proprietà intellettuali. E per dare ai loro campioni economici l’accesso alle economie di scala, i paesi occidentali devono istituire standard condivisi su privacy, protezione dei dati, tasse sulle emissioni e altre questioni. Idealmente, questa cooperazione formalizzerà accordi commerciali, pacchetti di investimenti, crediti e regolamenti che facilitano l’accesso di tecnologie e schemi non cinesi all’economia globale.

Gli europei, da parte loro, dovranno attuare riforme interne che li proteggano dalla coercizione economica in un mondo di globalizzazione selettiva e di strumentalizzazione aggressiva dell’interdipendenza. Si parla molto della limitazione delle libertà politiche a Hong Kong e della repressione della minoranza uigura nello Xinjiang, ma lo shock in arrivo è molto più grande. I leader occidentali non possono essere presi di nuovo alla sprovvista.

Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione

Nessun commento:

Posta un commento