L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 26 aprile 2021

Reato di ecocidio

Fusaro sulla nuova eco-dittatura – (sarà genocida)

Preparata da anni. Qui  uno studio per introdurre il “delitto di ecocidio” come reato penale internazionale, del 1996 (il sito non si apre più,  ma bastano titolo e sommario)

The International Crime of Ecocide – CWSL Scholarly Commons

de MA Gray · 1996  — however, to demonstrate the existence of ecocide under international law and to investigate whether it is an … Karen M. Schwab,.  …
qui  uno studio del 2014:

Marx, Lemkin e il nesso genocidio-ecocidio

qui su Repubblica (poteva mancare?), data 2019

Colpevoli di ecocidio

La Francia potrebbe essere uno dei primi Paesi europei a inserire nel codice penale il reato legato a un’azione “concertata e deliberata per causare direttamente un danno diffuso, irreversibile e irreparabile a un ecosistema”, come recita la proposta di legge che sarà esaminata giovedì dall’Assemblée Nationale

e  per finire, squilli di tromba!

Klaus Schwab elogia Bill Gates per le sue idee contro il cambiamento climatico

[….] “Schwab attribuisce buona parte della sua filosofia sul cambiamento climatico a Bill Gates , che a suo avviso è un leader nel movimento verde. “Gates parla di quanti nuovi progressi tecnologici devono essere fatti per decarbonizzare il mondo o renderlo neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050″, ha affermato Schwab. “Vedo una grande opportunità qui perché possiamo entrare in un’era di innovazione verde.”

Nel  suo libro, Schwab: “Covid-19: The Great Reset”, conferma: ristoranti e   alberghi  non apriranno più

[…] Diamo uno sguardo ai ristoranti come esempio. Questo settore è stato colpito in modo così drammatico dalla pandemia che non è nemmeno certo come il settore dell’ospitalità si riprenderà completamente. Come ha detto un proprietario di un ristorante: “ Come centinaia di altri chef in città e migliaia in tutto il paese, ora mi trovo di fronte alla grande domanda su come sarebbero i nostri ristoranti, le nostre carriere, le nostre vite se mai li riprendessimo. . ” In Francia e nel Regno Unito, diversi esperti del settore stimano che fino al 75% dei ristoranti indipendenti potrebbe non sopravvivere al blocco e alle successive misure di allontanamento sociale. […]  Se sei tentato di tornare al vecchio modo di lavorare, fallirai. [….] Quando la pandemia di Covid-19 sarà finita, le istituzioni di molti paesi saranno etichettate come fallite ”. Ciò è particolarmente vero per alcuni paesi ricchi con sistemi sanitari all’avanguardia e ricerca, scienza e innovazione altamente sviluppate…

L‘euro-oligarchia sta già attuando l’eco-dittatura :

L’UE accetta di essere a impatto zero   –  carbonio-neutrale  – entro il 2050

La legge sul clima imposta l’ UE  su un percorso verde per una generazione “, ha affermato mercoledì il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.  In base all’accordo provvisorio raggiunto dopo che i funzionari hanno negoziato per tutta la notte, l’UE si impegna anche su un obiettivo intermedio di ridurre le  emissioni di gas serra di almeno il 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990.

Fino ad ora, l’obiettivo del 2030 era stato del 40%, ma sotto la pressione di prove crescenti del cambiamento climatico e di un elettorato più attento all’ambiente, l’obiettivo è stato spinto verso l’alto, anche se il legislatore dell’UE aveva voluto un obiettivo del 60%.

Una riduzione del 55 per cento dei gas serra si otterrà   solo al prezzo  di una de-industrializzazione feroce:  taglio di migliaia di  industrie “inquinanti” , chiusura di allevamenti di animali da carne e da latte,   insetti come alimento…Un prezzo che i Verdi vogliono far pagare  a noi produttori.

E l’elettorato  più attento all’ambiente?: i Verdi tedeschi saranno il partito-guida del futuro govern di Berlino, e quindi dell’eco-ditatura europea: segnatevi questo nome, Annalena Baerbock  –  la fanatica capa dei  Grunen.

Ed ecco alcuni titoli di ironali tedeschi che la riguardano:

L’industria chimica attacca frontalmente il manifesto elettorale dei Verdi

22/04/2021  –  L’industria chimica ha lanciato un monito urgente contro i Verdi. L’inasprimento degli obiettivi climatici richiesti nel loro programma – tra le altre cose, la Germania dovrebbe emettere circa il 70% in meno di gas serra entro il 2030 rispetto al 1990 [….]

Baerbock collega la politica climatica con la campagna statunitense contro la Cina

La Green Annalena Baerbock chiede una “partnership per il clima” con gli Usa. Questo deve essere costruito su uno strano fondamento geopolitico.

Ovviamente sta con la NATO…ed ovviamente:

L’élite tedesca   augura  il cancellierato  verde Baerbock

22/04/2021 9:09

La candidata green top Annalena Baerbocksecondo un sondaggio, è il favorito dell’élite tedesca per succedere alla cancelliera Angela Merkel (CDU). Questo emerge dal panel rappresentativo dei decisori pubblicato giovedì, che è stato raccolto dal sondaggio Civey per WirtschaftsWoche. Nella questione dell’elezione diretta del cancelliere, Baerbock è arrivato al 26,5 per cento dei dirigenti.

Il presidente della Bce Lagarde è felice della candidatura di Baerbock a cancelliere

22/04/2021

Christine Lagarde accoglie con favore la candidatura di Annalena Baerbock a cancelliera dei Verdi. “Non devi essere una persona anziana dai capelli bianchi o grigi per entrare in politica ed essere riconosciuto per il tuo talento”, ha detto il presidente della Banca centrale europea (Bce)

 


 https://www.maurizioblondet.it/fusaro-sulla-nuova-eco-dittatura/

Nessun commento:

Posta un commento