L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 21 aprile 2021

Vincere è un conto stravincere è perdente. Mettere all'angolo significa che per sopravvivere si attacca. Mai umiliare il nemico


21 Aprile 2021 15:28

Gli Stati Uniti e alleati assediano la Russia: una lezione per la Cina



Gli Stati Uniti hanno mobilitato i loro alleati europei per lanciare una nuova campagna di espulsione diplomatica e un giro di vite dell'opinione pubblica contro la Russia. Oltre alla situazione nell'Ucraina orientale, lo sciopero della fame in carcere di Alexei Navalny, che riferiscono stia "morendo", è diventato l'ultimo centro di pressione sulla Russia da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati.

È interessante notare che paesi come Repubblica Ceca, Polonia, Ucraina e Bulgaria si sono allineati agli Stati Uniti per espellere i diplomatici russi, affermando essenzialmente che questi diplomatici russi hanno condotto "attività incompatibili con il loro status". Si tratta di un motivo molto ambiguo per l'espulsione. Un tempo membri del Patto di Varsavia o parte dell'Unione Sovietica, questi paesi sono ora spesso in prima linea nel rispondere agli appelli degli Stati Uniti a confrontarsi con la Russia.

Ci sono ragioni storiche complesse per cui i paesi dell'Europa centrale e orientale si orientano verso gli Stati Uniti e diventano "anti-russi", difficili da commentare per gli stranieri. È un peccato che la disintegrazione interna piuttosto che la coercizione degli Stati Uniti abbia portato direttamente al collasso dell'Unione Sovietica. La Federazione Russa è stata uno dei principali promotori della disintegrazione e l'accordo originale per sostituire l'Unione Sovietica con la Comunità di Stati Indipendenti (CSI) è stato firmato da Russia, Ucraina e Bielorussia. I leader russi che avevano distrutto l'Unione Sovietica non avevano idea di cosa sarebbe successo al loro paese in seguito.

Il crollo dell'Unione Sovietica ha portato cambiamenti geopolitici a livello globale e la valutazione dell'evento è destinata a variare da paese a paese e di volta in volta. Ma è diventato sempre più chiaro che la Russia ha subito le maggiori perdite da quel collasso.

Molti russi credevano che quando il Partito Comunista si fosse fatto da parte e l'Unione Sovietica fosse crollata, gli Stati Uniti e l'Occidente avrebbero abbracciato la Russia rispettandola per aver preso l'iniziativa di porre fine alla Guerra Fredda. La realtà, tuttavia, è stata ben diversa. Mosca non ha ricevuto gratitudine o gentilezza dall'Occidente. Dal momento in cui l'Unione Sovietica è crollata, gli Stati Uniti hanno trattato con arroganza la Russia come un paese sconfitto nella Guerra Fredda, impegnandosi con tutte le azioni possibili per eliminare la Russia.

Il crollo dell'Unione Sovietica è stato un disastro geopolitico per la Russia. In qualità di potenza dominante nell'Unione Sovietica, se avesse scelto di sostenere le riforme per risolvere i problemi all'inizio, la Russia avrebbe pagato un prezzo molto inferiore a quello geopolitico pagato nei successivi 30 anni. Allora Mosca aveva un'ampia sfera di influenza e una potente capacità di controllo che poteva utilizzare in modo indipendente e provocatorio contro Washington. Ma ha ceduto quelle risorse geopolitiche, rinunciando ai suoi vantaggi.

L'atteggiamento violento degli Stati Uniti nei confronti della Russia offre uno sguardo sulla brutalità della grande competizione di potere e aiuta le persone a vedere sotto un’altra luce le misure di manipolazione geopolitica di Washington. Gli Stati Uniti hanno descritto la loro Guerra Fredda con l'Unione Sovietica come uno scontro ideologico per nascondere la loro intenzione di dominare da soli il mondo. Molte persone, compresi i russi, credevano che un cambio di rotta politico avrebbe cambiato radicalmente le loro relazioni con gli Stati Uniti, e che la Russia avrebbe potuto così integrarsi nell'Occidente e diventare un membro del G8.

Eppure la Russia è troppo grande, con un arsenale nucleare alla pari con quello degli Stati Uniti. Si estende nel continente eurasiatico e sostiene la piena multipolarizzazione, senza contemplare la possibilità di diventare un nuovo membro dell'Occidente sottomesso a Washington. Gli Stati Uniti hanno quindi approfittato della loro "vittoria", hanno promosso l'espansione verso est della NATO, hanno spremuto lo spazio strategico della Russia alla massima velocità e hanno completamente abbandonato il loro impegno verbale che dopo che la Germania fosse stata unificata e fosse rimasta un membro della NATO, il blocco non avrebbe reclutato nessun ex paese del Patto di Varsavia ed ex repubblica sovietica come nuovo membro.

Gli Stati Uniti sono estremamente inaffidabili. Il loro metodo di grande competizione di potere mobilita pienamente le risorse ideologiche proprie e dell'Occidente, e sono molto bravi a infiltrarsi in altri paesi, il che li rende molto ingannevoli. Dal crollo dell'Unione Sovietica, il mondo ha assistito ad altre "rivoluzioni colorate" sostenute dagli Stati Uniti. I destini dei paesi che hanno subito la sovversione del potere statale sono tragici, poiché gli Stati Uniti non hanno né l'intenzione né la capacità di fornire un'assistenza sostanziale a quei paesi.

La Cina, in quanto "concorrente strategico" degli Stati Uniti recentemente preso di mira, è fortunata ad aver assistito a tutte le rivoluzioni colorate nel mondo negli ultimi 30 anni. Ciò equivale ad essere stati vaccinati politicamente e ricevuto una spinta per aumentare l'efficacia. Il popolo cinese deve proteggere le fruttuose conquiste della Repubblica Popolare Cinese e rimanere sobrio riguardo al ripetuto clamore ingannevole degli Stati Uniti secondo cui il gioco strategico tra Stati Uniti e Cina è una battaglia tra "democrazie e autocrazie".

La Cina deve continuare a far crescere la sua forza nazionale e indebolire la capacità degli Stati Uniti di fare pressione su di essa "da una posizione di forza". La Cina può essere solo un paese amico con cui gli Stati Uniti devono convivere perché non possono schiacciare. Non dobbiamo illuderci che gli Stati Uniti abbraccino la Cina a causa dei suoi cambiamenti. La Cina è così grande che non possiamo cercare di sbarazzarci del fardello naturale che ne deriva. Poiché la Cina è grande, dovrebbe vivere con grande coraggio e vantaggi.

Nessun commento:

Posta un commento