L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 4 maggio 2021

Guerra illimitata - La Cina offre Pianificazione, l'Occidente la Strategia della Paura


SCENARI/ La geopolitica dell’energia cinese si prepara a beffare l’Occidente

Pubblicazione: 04.05.2021 - Giuseppe Gagliano

Lo sfruttamento dei giacimenti di gas sono il nuovo interesse energetici mondiale, come sempre la Cina è davanti a tutti

Angela Merkel con Xi Jinping nel 2012 (LaPresse)

Nel 2020 il Covid ha praticamente chiuso l’economia globale. Tuttavia, secondo l’Agenzia internazionale dell’energia, il consumo di petrolio da 100 milioni di barili al giorno (mb/d) nel 2019 a 91,0 mb/d è diminuito solo del 10%. È già rimbalzato a 93,9 mb/d nel primo trimestre del 2021 e si prevede che raggiungerà 99,2 mb/d nel quarto trimestre del 2021. Perché? Perché l’olio non amato rimane inevitabile.

I combustibili fossili sono visti in Francia e nell’Ue più in generale come appartenenti al passato, sia a causa delle emissioni di CO2 che generano, ma anche per la schiacciante percezione che “non ci sia più petrolio”.

Durante la crisi petrolifera le riserve di petrolio erano di 90 miliardi di tonnellate (Gt) e avrebbero dovuto essere esaurite nel 2000; ora sono 244 Gt e dovrebbero essere esaurite in 55 anni. Le stesse ragioni che hanno determinato la crescita delle riserve sono ancora oggi presenti.

Ebbene, la Cina, che non si preoccupa della transizione energetica, è molto attiva nell’appropriarsi delle riserve di petrolio dove può. China National Offshore Oil Corporation (Cnooc) è il braccio del Partito comunista cinese responsabile della cooperazione con grandi compagnie internazionali e dell’acquisto di concessioni all’estero. Data la sua importanza strategica, nel dicembre 2020 l’amministrazione Trump ha aggiunto Cnooc alla lista nera delle compagnie militari cinesi comuniste. Le sanzioni contro Cina e Iran stanno spingendo i due paesi a un accordo da 400 miliardi di dollari, afferma Forbes. L’Iran ha bisogno di vendere petrolio con urgenza per non soffocare, e la Cina ha bisogno di petrolio per la crescita economica per raggiungere l’obiettivo del Partito comunista di essere la potenza leader del mondo entro il 2050.

Il petrolio è essenziale, ma la sorpresa dell’energia è il gas naturale. Questa energia è molto poco inquinante, molto abbondante, disponibile, economica e polivalente. Nuovi paesi stanno diventando esportatori di gas naturale, competendo così con esportatori storici (Russia, Norvegia, Algeria, Qatar, Indonesia, ecc.). Gli Stati Uniti possono esportare gas di origine rocciosa (scisto) a prezzi così competitivi che stanno cercando di vietare la costruzione del gasdotto Nord Stream 2 tra Russia e Germania. L’Australia sta diventando un importante paese esportatore per il Sud-Est asiatico con tali riserve di gas. Anche il Mozambico, il secondo Paese più povero del mondo, si prepara ad esportare gas dal suo giacimento di Rovuma, in cui ha investito la società statale cinese Cnpc. Più vicino a casa, ciò che sta accadendo nel Mar di Levante è un buon esempio dell’attuale rivoluzione nel gas naturale. Israele, che mancava di energia primaria, è già un esportatore di gas in Giordania e si prepara ad esportare molto di più. Non è per interessarsi alle sardine che la Turchia di Erdoğan vuole appropriarsi di una parte di questo spazio marittimo.

Il gas naturale quando viene liquefatto (Gnl) trasportato da una nave cisterna Gnl diventa un’energia che assomiglia al petrolio. Liberato dal vincolo del tubo che collega un produttore a un consumatore e viceversa, il Gnl consente fluidità e dinamismo in un mercato del gas in crescita.

La Cina lo ha capito bene, poiché ciascuna delle sue province marittime ha almeno un rigassificatore. Le sue 28 strutture le forniscono energia e sicurezza competitiva poiché il paese può attingere a molti paesi. Ciò non si addice al Turkmenistan (la quarta riserva più grande del mondo) che sperava di vendere grandi quantità di gas al suo vicino. Inoltre, il Gnl arriva nell’est industriale mentre il turkmeno arriva nell’ovest, dove ci sono difficoltà con gli uiguri e dove l’industrializzazione è poco sviluppata e rimarrà indubbiamente tale per molto tempo a causa delle difficoltà con le popolazioni locali.

Si noti che la Russia ha compreso molto bene questo cambiamento di paradigma portato dal Gnl. Dal 2017, il gas proveniente dalla penisola di Yamal, nella Siberia settentrionale, rifornisce i mercati asiatici, in particolare la Cina. Questo progetto da 27 miliardi di dollari è stato realizzato dalla società privata russa Novatek con Total Energy (che non può nemmeno realizzare progetti di esplorazione in Francia). Un progetto simile è in corso nella stessa area, questa volta con l’aggiunta di due società cinesi. Queste grandi manovre sul fronte del gas naturale indicano che questa energia verrà utilizzata almeno per tutto questo secolo. Il boom è ovunque, visto che recentemente anche Birmania, Ghana e Senegal hanno acquisito terminali Gnl. L’anno del Covid – il 2020 – ha visto il consumo di Gnl aumentare dell’1-2% mentre il petrolio è diminuito del 9% e il carbone del 4%. La Cina ha già piazzato le sue pedine del gas. Tra il 2018 e il 2019, la crescita delle emissioni cinesi di CO2 ha rappresentato il 73% delle emissioni annuali totali della Francia. Il Partito comunista ha annunciato la creazione di 250 Gw di nuove centrali elettriche a carbone (l’Ue ha un totale di 150 Gw). Continueranno la loro crescita economica – e quindi energetica -, perché non vogliono finire come l’Urss. La loro diplomazia popolare è lì per ingannare gli ingenui che ancora credono che ridurremo le emissioni globali di CO mondiale.

Nonostante le utopie dell’ecologia più o meno fondamentalista, questi Stati non cambieranno di una virgola la loro strategia energetica basata sui combustibili fossili e sull’energia nucleare.

Il Washington Time stima che nell’autunno del 2020 Pechino abbia completato quasi 17 miliardi di dollari in accordi di investimento nel settore energetico statunitense. La Cina, che è già azionista di minoranza di Energie du Portugal (80% dell’elettricità del Portogallo), voleva prendere tutte le azioni; Donald Trump si è opposto. Gli utili idioti delle varie lobby ambientaliste che vogliono sviluppare veicoli elettrici e turbine eoliche non si rendono conto che dipenderanno dal Partito comunista cinese che controlla il mercato per i molti materiali necessari per produrre batterie e magneti per turbine eoliche, perché il mercato di cobalto è controllato dalla Cina. La Commissione europea, che intende realizzare un “Airbus di batterie”, dovrebbe innanzitutto porsi la questione della disponibilità del litio. Tutti sanno anche che i pannelli solari provengono dalla Cina. È meno noto che la Cina stia investendo anche in centrali elettriche a carbone nei Balcani; questa elettricità “cinese” potrebbe arrivare nell’Ue.

L’Ue pensa ingenuamente che il Partito comunista cinese seguirà l’esempio della decarbonizzazione, mentre il Dragone si prepara per il dominio del mondo con l’energia. Il pericolo oggi è la geopolitica dell’energia cinese.

Nessun commento:

Posta un commento