L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 17 maggio 2021

In Italia c'è la censura sulle idee e le contraddizioni oggi più eclatanti sul suo declino economico dovuto proprio alla partecipazione a Euroimbecilandia non viene ascoltata ma eliminata, sradicata

Ripensamenti sul globalismo. In USA. In Italia no.
Maurizio Blondet 16 Maggio 2021

Un articolo interessante su Zero Hedge

Dagli anni ’70, il libero commercio internazionale è stato continuamente promosso dai leader dei paesi sviluppati e dagli agenti economici.

Sono stati proposti diversi quadri teorici per spiegare i vantaggi di un ambiente di libero scambio, dal concetto di vantaggi assoluti di Adam Smith alle teorie più recenti basate sulle imprese. Tuttavia, la realtà è molto più sfumata, soprattutto dopo l’ingresso della Cina nell’OMC nel 2001, e sorgono interrogativi sulla sostenibilità del modello attuale.

Lo sviluppo dell’attività di libero scambio potrebbe essere considerato un trionfo a intellettuale per il capitalismo occidentale; eppure tale tendenza ha paradossalmente indebolito diversi paesi in Europa e in America.
Il primo effetto collaterale del globalismo economico in Occidente è stato la riduzione della industria manifatturiera in diverse economie come gli Stati Uniti, con conseguenti problemi di disoccupazione permanente. Ma, ben al di là delle conseguenze sociali, l’autore canadese Vaclav Smil ha affermato che un declino della produzione industriale in un paese è strutturalmente un male, in quanto riduce la capacità di un paese di innovare a lungo termine.
La seconda ragione per essere scettici sul commercio internazionale è la moltiplicazione degli squilibri strutturali nell’economia globale, con avanzi e disavanzi insostenibili ovunque. Un’economia che mostra un crescente deficit commerciale sta diventando più povera rispetto alle economie estere, portando alla fine a una crisi finanziaria e / o sociale. Per capirlo, è necessario immaginare un paese la cui valuta è sostenuta da qualcosa di tangibile (ad esempio l’oro). In quel caso, un deficit significa che il paese deve metalli al resto del mondo. Naturalmente, i deficit delle partite correnti possono essere compensati dagli afflussi finanziari, ma poiché in economia non c’è il pasto gratuito, ciò non dovrebbe essere visto come una soluzione a lungo termine.
Ultimo ma non meno importante, l’aumento del commercio globale e la specializzazione dei paesi hanno portato a un sistema pieno di attriti e altamente vulnerabile agli shock (indipendentemente dalle loro dimensioni). Questo è stato ben documentato e spiegato dalla ricerca in sistemi complessi, inclusa l’econofisica (vedi È la complessità stupida). Si potrebbe immaginare un disastro naturale locale che interrompa la catena di approvvigionamento dell’industria automobilistica globale (ad es. Terremoto e tsunami in Giappone nel 2011), un piccolo incidente marittimo che blocca gran parte del commercio marittimo (ad es. economia per diversi mesi (es. pandemia COVID-19).

In altre parole, un problema che colpisce le fabbriche locali in alcune regioni dell’Asia o gli impianti minerari in Cile ha un impatto sulla maggior parte delle economie del mondo. In altre parole, più i paesi sono specializzati in termini di produzione economica, più dipendono dalla produzione estera e più saranno vulnerabili a eventi lontani.

Il “cigno nero” della guerra commerciale

Inoltre: cosa succederebbe se le tensioni USA-Cina continuassero a salire e se l’economia globale si dividesse gradualmente in due mercati diversi? L’America è diventata più protezionista dall’elezione di Trump nel 2016, la Cina ha chiarito che implementerà una politica economica “Made in China for China” per i prossimi anni (e anche decenni) poiché l’indipendenza economica è diventata uno degli obiettivi principali di Xi Jinping.

Non so quanto gli agenti economici occidentali siano preparati per un simile scenario, poiché la maggior parte delle persone scommette sempre sul ritorno alla normalità. Ma le conseguenze di un cambiamento strutturale nell’attività commerciale globale potrebbero essere significative per il resto del mondo, soprattutto per gli importatori netti che dipendono troppo dai produttori esteri per i materiali o i componenti tecnologici chiave.

Si sostiene che il mondo sta diventando sempre più interconnesso e che è probabile che una rete economica globale sia irreversibile, e continui ad espandersi a lungo termine. Questo può essere vero “a lungo termine”, ma potrebbe essere smentito durante le nostre vite.

Da questo punto di vista, si possono trarre lezioni interessanti dal declino dell’Impero Romano d’Occidente.

La caduta di Roma

Studiando il periodo di transizione dall’Impero Romano al Medioevo (detto tarda antichità), l’archeologo britannico Bryan Ward-Perkins ha spiegato che “la caduta di Roma” è stata un brutale declino durante il V e il VI secolo.

Prima del V secolo, una rete commerciale ampia e complessa era emersa nell’impero occidentale, portando a una forte attività economica nella maggior parte delle province e un alto livello di tecnologia rispetto al Medioevo. Ad esempio, regioni specializzate nella produzione di armi per le legioni, altre su alcuni tipi di ceramiche, stoviglie e tegole ecc. Il popolo dell’Inghilterra sotto controllo romano cominciò ad usare le tegole per i tetti; materiale che veniva portato dalle navi romane di rifornimento delle legioni, come zavorra

Ward-Perkins ha osservato che dopo decenni di cosiddette “invasioni dei barbari”, l’attività economica ha mostrato gravissimi segni di declino nell’Impero: crollo di manufatti come ceramiche o materiali da costruzione “di fascia alta” (tegole), costringendo la popolazione locale a tornare ad abitare in case coi tetti di paglia ad esempio. Semplicemente, i britannici rimasti senza romani, le tegole non le sapevano fabbricare… Le ossa dei defunti britannici mostrano dovunque segni di denutrizione e malattie prima rare. Persino i bovini diminuirono di statura, segno che vivevano di stenti. Inoltre, gli scavi archeologici mostrano che l’uso delle monete metalliche è diminuito in modo significativo durante quel periodo.

Vasellame romano importato in Britannia (questo, Made in Arezzo. In serie.)

E prodotto locale, dopo la partenza di Roma

Poiché ogni regione divenne dipendente dalle altre, le basi economiche dell’Impero d’Occidente divennero vulnerabili a qualsiasi evento dirompente. E questo è quello che è successo per due secoli. Mentre nello stesso periodo l’Impero bizantino stava vivendo una relativa pace e boom economico, come dimostrano i ritrovamenti archeologici.

Poiché l’economia dell’Occidente è stata colpita da diversi shock, l’Impero Romano è rimasto intrappolato in un circolo vizioso, il che significa che le guerre e le sconfitte hanno portato a un’attività di approvvigionamento più debole in alcune regioni, con conseguenti problemi economici ovunque, problemi di budget, meno trasferimenti alle legioni , disordini sociali, e quindi ulteriori sconfitte militari, e così via.

L’esempio dell’Impero Romano d’Occidente è eclatante, poiché il suo crollo ha portato anche a un grave declino in termini di tecnologia. Quindi, la domanda è se sia un proxy rilevante per l’attuale impero capitalista occidentale.

Nessuno lo sa per certo, ma come scrisse Ward-Perkins nel 2005: “I romani prima della caduta erano certi, come lo siamo noi oggi, che il loro mondo sarebbe continuato per sempre sostanzialmente invariato. Avevano torto. Saremmo saggi a non ripetere il loro compiacimento “.

Sono argomenti che chi è critico del globalismo conosce, quasi banali. Ma il punto è che la globalizzazione cominci ad essere criticata, da “veri credenti” nel capitalismo globale, in USA e Gran Bretagna. Ciò che lascia bene sperare è che questi pensieri non vengono censurati dai “veri credenti”; al contrario di quel che avviene in Italia, dove il dibattito è prigioniero dei tabù che la sinistra ha alzato, veri reticolati da lager mentale, contro qualunque argomento: criticare l’Europa? È tabù, e il critico va punito. Obiettare se Draghi e le sue misure? “Se Salvini non vuole le riforme, esca dal governo”. E’ vietato discutere, vietato dibattere. Il risultato è la paralisi delle idee, l’arretramento e – temo – la guerra (in)civile: il PD la vuole, perché sente minacciato il suo potere dalle idee. Altrui. Di Salvini, il che è tutto dire.

Nessun commento:

Posta un commento