L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 21 maggio 2021

La Cina decide di contenere l'aumento delle materie prime, il libero mercato viene assoggettato all'esigenze della politica

Cura d’urto del governo cinese per tenere sotto controllo l’inflazione
Il premier Li Keqiang torna sul tema costo delle materie prime e i prezzi frenano sui mercati finanziari. La tabella di marcia contro il carovita.

di Rita Fatiguso
20 maggio 2021


La Cina rafforzerà la sua gestione sia dal lato dell’offerta che dalla domanda per frenare aumenti “irragionevoli” dei prezzi delle materie prime e impedirne il passaggio al consumatore finale. La premessa del premier cinese Li Keqiang ha inciso rapidamente sui prezzi delle materie prime, tra cui acciaio e metalli ferrosi, frenandone le quotazioni. Come per bitcoin e blockchain Pechino interviene con effetto immediato, per il crollo delle quotazioni della moneta virtuale è bastato limitare l’uso bancario della cryptovaluta.

No agli accaparramenti di materie prime

Come per bitcoin e blockchain gli effetti sono immediati se il governo si muove con decisione. La Cina lavorerà per garantire l’approvvigionamento di materie prime e mantenere stabili i prezzi e una performance economica costante. In sintesi è questa la mossa del Consiglio di Stato presieduto dal premier Li Keqiang sul tema del controllo dell’inflazione che già sta dando i suoi effetti come dimostra la frenata delle quotazioni delle principali commodities.

Dall'inizio di quest'anno, a causa di molteplici fattori, in particolare la catena di trasmissione dell’aumento dei prezzi globali, alcune materie prime hanno registrato un aumento dei prezzi da record.

“Il governo deve prendere molto sul serio l’impatto negativo causato dall'aumento dei prezzi e adottare misure mirate alla luce delle dinamiche di mercato per poter esercitare una regolamentazione che garantisca la fornitura di materie prime e freni aumenti di prezzo irragionevoli per impedire la trasmissione al consumatore finale”, ha detto il premier.

“Mentre il mercato continua a svolgere un ruolo decisivo nell'allocazione delle risorse per garantire l'approvvigionamento di materie prime e mantenere i loro prezzi stabili, il governo deve adempiere meglio alle proprie responsabilità. Qualsiasi monopolio e accaparramento sarà represso dalla legge per rafforzare la regolamentazione del mercato, ha precisato Li Keqiang. Dobbiamo analizzare attentamente le ragioni alla base di questo ciclo di rapido aumento dei prezzi delle materie prime e concentrarci sul nocciolo della questione, per adottare misure in un approccio mirato”.

Le misure concrete adottate dal governo

Il Consiglio di Stato è passato ai fatti, decidendo una serie di misure per rafforzare l’adeguamento bidirezionale della domanda e dell'offerta, compreso l’aumento delle tariffe all’export su alcuni prodotti siderurgici, l'esenzione temporanea delle tariffe su ghisa e rottami di acciaio e l’annullamento degli sconti sulle tasse all’esportazione per alcuni prodotti siderurgici, per aumentare l’offerta nel mercato interno.

Saranno compiuti sforzi mirati per far avanzare gli adeguamenti strutturali e scoraggiare i progetti ad alto consumo energetico. Le risorse di carbone del paese saranno ulteriormente utilizzate. Le principali società saranno incoraggiate ad aumentare la produzione e l'approvvigionamento garantendo la sicurezza e la capacità di energia eolica, solare, idroelettrica e nucleare che saranno aumentate per garantire l’approvvigionamento energetico durante il picco estivo.

L’apertura sarà promossa per ricalibrare le riserve di importazione, esportazione e riserva di materie prime, facilitare lo sdoganamento e sfruttare al meglio i mercati e le risorse internazionali e nazionali, per garantire in modo più efficace l’offerta e mantenere stabili i prezzi. La regolamentazione del mercato sarà rafforzata. Le associazioni di categoria sono incitate a svolgere il loro ruolo nel rafforzare l’autodisciplina del settore.

Il nodo delle anomalie nel mercato dei futures

Un piano articolato, come si può notare, che comprende anche la parte finanziaria. “La regolamentazione dei futures e dei mercati spot sarà coordinata meglio e, ove opportuno, verranno adottate misure mirate per schermare transazioni anomale e le speculazioni dannose - ha precisato Li Keqiang - irregolarità come la stipula e l’esecuzione di accordi di monopolio, la diffusione di informazioni false, la truffa sui prezzi e l’accaparramento saranno trattate nella misura massima consentita dalla legge e portate alla luce”.

Saranno compiuti sforzi per mantenere la stabilità della politica monetaria e mantenere il tasso di cambio del sostenere la stabilità dello yuan, e orientare le aspettative del mercato in modo appropriato.

Non a caso, i tassi principali dei prestiti bancari restano invariati. Il National Interbank Funding Center ha precisato che il prime rate a un anno (LPR), il tasso di prestito di riferimento basato sul mercato, ha toccato il 3,85% giovedì, rimasto invariato rispetto al mese di aprile.. Il Lpr a più di cinque anni, su cui molti istituti di credito basano i loro tassi di mutuo, è rimasto invariato rispetto al precedente 4,65%.

Gli aiuti ai piccoli imprenditori e agli autonomi

Sarà fornita assistenza per aiutare in particolare le micro e piccole imprese e i lavoratori autonomi, per far fronte all'aumento dei costi e ad altre difficoltà nella loro produzione e gestione.

Saranno attuate politiche per fornire sgravi fiscali per micro e piccole imprese e imprese di proprietà individuale e rimborsare mensilmente i crediti IVA dovuti alle imprese manifatturiere avanzate e le procedure per queste politiche fiscali agevolate saranno semplificate.

Le politiche per incentivare le riduzioni delle commissioni di garanzia del finanziamento per le micro e piccole imprese saranno sostenute per incoraggiare le banche a emettere più prestiti basati sul credito.

Saranno perfezionate le politiche per la riduzione delle tasse e delle tasse e la finanza inclusiva e l’assistenza agli enti di mercato in difficoltà sarà aumentata.

Nessun commento:

Posta un commento