L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 20 maggio 2021

Niente cure a casa solo "VIGILE ATTESA" e "NON CI SONO PROVE DI EFFICACIA"

IL GARANTE per la protezione dei Dati Personali avverte il Governo

IL GARANTE per la protezione dei Dati Personali, avverte il Governo del fatto che i trattamenti di dati personali effettuati in attuazione delle disposizioni di cui al decreto legge del 22 aprile 2021, n. 52 (PASSAPORTO VACCINALE),
possono violare le disposizioni del Regolamento di cui agli artt. 5, 6, par. 3, lett. b), 9, 13, 14, 25 e 32;

Provvedimento di avvertimento in merito ai trattamenti effettuati relativamente alla certificazione verde per COvid-19 prevista dal Decreto Legge 22 aprile 2021, n. 52 –

/

Data avvertimento 23 aprile 2021. (1 giorno dopo il decreto legge del governo)

https://www.garanteprivacy.it/home/docweb/-/docweb-display/docweb/9578184

↪️ CONDIVIDI

—————————
Iscriviti al canale BASTA DITTATURA, per restare aggiornato: t.me/stopdittatura

_

www.garanteprivacy.it (https://www.garanteprivacy.it/home/docweb/-/docweb-display/docweb/9578184)
Provvedimento di avvertimento in merito ai trattamenti effettuati relativamente alla certificazione

Un caso a Brindisi:

Gli avvocati dell’infermiere sospeso: “Faremo ricorso, non può fare il vaccino perchè malato”

19 maggio 2021

BRINDISI – Gli avvocati dell’infermiere sospeso per non aver fatto il vaccino anti Covid annunciano ricorso.

Riceviamo e pubblichiamo la loro replica.
In relazione al caso dell’operatore sanitario, della ASL di Brindisi, sospeso dal lavoro ieri 18 maggio senza retribuzione, a causa della mancata vaccinazione contro il Covid-19, gli Avvocati Marcello Apollonio e Maria D’Oria, quali procuratori dell’ operatore sanitario di Brindisi, colpito dal provvedimento, espongono quanto segue:

La difesa dell’ operatore, colpito dal recente provvedimento di sospensione, da parte della Asl di Brindisi, aveva avuto, il 6 maggio un colloquio con la Direzione Generale nella figura dell’avv. Alfredo Perricci, in un ‘ottica di collaborazione e mediazione, al fine di evidenziare le gravissime condizioni di salute in cui si trovano alcuni operatori sanitari per i quali la vaccinazione avrebbe comportato rischi, in ossequio alla legge, ovvero secondo quanto previsto dall’art. 4 del d.l. 44/2021, su soggetti affetti da patologie.

A seguito del colloquio è stata nostra cura comunicare con la Direzione Generale via Pec evidenziando la patologia del nostro Assistito.

La Direzione Generale, con nota del 13.05,2021,a firma del Dott. Pasqualone, ha, quindi, richiesto certificazione medica del medico di medicina generale, affermando testualmente: “In riferimento alla Sua nota del 6.5.2021, prodotta in nome e per conto dei sottoelencati assistiti: …omissis…al fine di consentire l’adozione dei consequenziali adempimenti di cui al D.L. 44/2021, art. 4, si richiede di produrre, per ciascuno degli assistiti, come previsto dal comma 1, attestazione del medico di medicina generale che riporti la sussistenza di specifiche condizioni cliniche documentate” per le quali la vaccinazione non sia più da ritenersi obbligatoria, ovvero potrebbe essere omessa o differita, per accertato pericolo della salute “.

Il giorno successivo è stata nostra cura inviare, come richiesto, il certificato del medico di base unitamente a documentazione clinica comprovante la grave patologia che affligge il nostro Assistito. La risposta di Asl Brindisi nella persona del Dott. Pasqualone è stata quella di sospenderlo senza stipendio , con provvedimento immotivato, ampiamente discrezionale e in violazione della legge, lasciando il lavoratore senza mezzi di sussistenza benché impossibilitato a vaccinarsi, peraltro definito, apoditticamente, “novax”.

E ciò, benché il lavoratore, avesse prodotto, come previsto dall’art. 4 del d.l. 44/2021, adeguata certificazione medica.

Si tratta dello stesso operatore sanitario che, come tanti suoi colleghi, durante la pandemia, ha lavorato incessantemente, peraltro, nella fase iniziale, senza dispositivi di protezione. Si tratta degli stessi sanitari che in quella fase sono stati definiti eroi e ora sono messi alla gogna da un sistema punitivo e in violazione di diritti fondamentali.

Non può non stigmatizzarsi il comportamento della Asl di Brindisi per le gravissime violazioni della privacy e dei diritti dei lavoratori ,che hanno subito ferie forzate ingiustamente, e sono stati messi letteralmente sul banco degli imputati sol per aver chiesto di esercitare un loro diritto.

Per tali violazioni gli operatori sanitari faranno valere i loro diritti nelle opportune sedi.

Non è irrilevante, inoltre, sottolineare il tentativo di gogna mediatica a cui si vorrebbe venissero sottoposti i lavoratori colpiti da provvedimenti ingiusti e illegittimi nonostante fosse in corso un’interlocuzione tra la loro difesa e l’Azienda”.

https://www.maurizioblondet.it/il-garante-per-la-protezione-dei-dati-personali-avverte-il-governo/

Nessun commento:

Posta un commento