L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 21 maggio 2021

Si chiama vaccinazione si legge rischio di morire

l’Ema cancella le segnalazioni mentre i morti post vaccino arrivano a 7027 nella Ue



Se l’avesse scritto Asimov in uno dei suoi celebri racconti saremmo rassicurati: una cosa del genere non potrebbe davvero accadere qui sulla terra, ma magari in qualche sperduto pianeta nella galassia di Andromeda. Invece Asimov è tra noi, anzi è tra i maggiori narratori della realtà contemporanea: adesso si scopre che il database dell’Ema, ovvero l’agenzia europea del farmaco non può raccogliere tutte le segnalazioni riguardanti le reazioni avverse e i decessi post vaccino perché il suo database è assurdamente limitato e non può contenere più di 199.801 linee di dati corrispondenti a un tabella excell. Così dopo appena 4 mesi di vaccinazioni di massa e un numero senza precedenti di reazioni avverse e di decessi segnalati (una piccola parte della realtà comunque) l’Ema deve tagliare i dati e ha iniziato a farlo, guarda caso, da AstraZeneca le cui segnalazioni giunte prima del 6 marzo saranno cancellate, quando invece il primo dato risale all11 gennaio. D’altro canto le segnalazioni solo per questo vaccino hanno superato le 220 mila e dunque occorre liberare spazio. E alla fine, anzi prestissimo accadrà per tutti i vaccini così che bisognerà arrangiarsi con i file di backup, a patto di averli conservati.

Ora questo fatto ha del clamoroso perché dimostra due cose:
L’Ema non si aspettava una quantità di segnalazioni tale da travolgere il sistema informatico, il che dimostra come sulla sicurezza dei vaccini siano state dette e si dicano un sacco di balle
L’esiguità del database che ha una grandezza assurdamente ridotta ci segnala comunque una scarsa volontà dell’Ema, il cui bilancio dipende per l’80 per cento dall’industria farmaceutica, di mettere l’accento sulle razioni avverse
E’ evidente che non si allarga il database, cosa immagino fattibilissima, perché si vuole evitare di facilitare i conti totali del disastro vaccinale e lasciare che giorno per giorno una parte di realtà finisca nell’oblio.

Quindi vi lascio gli ultimi dati aggiornati al 18 maggio


Come si può vedere da questi numeri se messi in relazione con il numero di dosi iniettate che sono di 35 milioni per AstraZeneca, I milione per J&J, 14 milioni per Moderna e 130 milioni per Pfizer, si evince che quest’ultimo fa peggio di AstraZeneca. Oltre a questo nel database Ema si riscontra che il 74 % dei decessi e delle reazioni avverse dopo il vaccino si riscontra nella fascia di età che va dai 18 ai 64 anni, mentre la malattia provoca decessi solo dopo i 65 anni. Ricordo infine per l’ennesima volta che questi numeri si riferiscono solo alla segnalazione che solo una modesta percentuale di medici o di privati fa. Chissà quando ci sarà dato di conoscere l’ampiezza reale di questa tragedia.

Nessun commento:

Posta un commento