L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 30 giugno 2021

E' sempre più evidente che il Sistema massonico mafioso politico istituzionalizzato è padrone della Calabria

Appalti e massoneria, tra i 16 indagati anche assessori comunali del Cosentino

Secondo l'accusa sarebbero numerose le gare d'appalto indette dagli enti comunali oggetto di manipolazione da parte degli indagati (ASCOLTA L'AUDIO)

di Redazione
29 giugno 2021 13:11


Sono 16, complessivamente, gli indagati nell'ambito dell'inchiesta su appalti e massoneria tra l'alto tirreno cosentino e la Basilicata condotta dalla Procura di Paola. Agli arresti domiciliari sono finiti Luigi Cristofaro, di 38 anni, residente a Scalea, e Giuseppe Del Vecchio, 63, di Terranova del Pollino. Interdizione per 12 mesi dall'esercizio del pubblico ufficio per Paola Di Stio (46) di Belvedere Marittimo, responsabile dell'Ufficio tecnico del Comune di Belvedere. L'interdizione per sei mesi dall'esercizio dell'attività professionale di ingegnere è stato imposto ad Antonio Del Vecchio (47 anni), a Maria Grazia Melega (30), di Santa Domenica Talao, e a Francesco Esposito (37 anni).

Iscritti nel registro degli indagati anche gli assessori del Comune di Belvedere ai lavori pubblici Marco Liporace e al Turismo Vincenzo Cristofaro (parente non consanguineo di Luigi). Uno degli indagati è iscritto alla massoneria. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, Liporace, con Di Stio e Vincenzo Cristofaro, avrebbero agevolato due imprese per escluderne altre, per aggiudicare «ad amici» almeno quattro gare riguardanti lavori pubblici dell'Ente. Secondo l'accusa, inoltre, sarebbero numerose le gare d'appalto indette dagli enti comunali oggetto di manipolazione da parte degli indagati. Tra queste, l'affidamento dei servizi tecnici e i relativi lavori del «consolidamento dei versanti in località San Giovanni e ripristino della viabilità» per un importo di 70mila euro indetta dal Comune di Aieta. In questo caso Luigi Cristofaro aveva assunto il ruolo di supporto al Rup (responsabile unico del procedimento) e non si sarebbe astenuto dalla gara cui partecipavano i fratelli Del Vecchio e la Melega, ritenuti appartenenti allo stesso sodalizio.

Gli indagati, per aggiudicarsi la gara, avevano costituito un Rtp (raggruppamento temporaneo di professionisti). Cristofaro avrebbe fatto da mediatore promuovendo l'offerta dell'Rtp al vicesindaco che invece la riteneva onerosa, riuscendo comunque a portare a buon fine l'esito della trattativa e della gara. Lo stesso gruppo sarebbe riuscito a turbare anche la procedura d'appalto relativa «all'affidamento in carico professionale per le verifiche tecniche dei livelli di vulnerabilità sismica dell'Istituto tecnico commerciale del Comune di Moliterno (Potenza)».

In tal caso, gli indagati avrebbero costituito due gruppi professionali che, attraverso la presentazione di offerte concordate, sono riusciti ad ottenere l'aggiudicazione della gara per 50mila euro spartendosi poi - secondo l'accusa - il 50% dell'appalto per ciascun gruppo. La Procura aveva chiesto l'emissione delle misure cautelari anche nei confronti degli amministratori pubblici e degli imprenditori coinvolti, che il gip non ha ritenuto opportuno concedere.

Nessun commento:

Posta un commento