L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 27 giugno 2021

E’ straordinario come la più grande paura per il sistema mediatico sia quello di dare informazioni e soprattutto di mostrare quanta gente protesta contro la mistificazione pandemica

PANDEMIA
Gigantesca protesta a Londra contro i confinamenti. Per la Bbc sono poche centinaia



Date: 27 Giugno 2021Author: ilsimplicissimus

E’ straordinario come la più grande paura per il sistema mediatico sia quello di dare informazioni e soprattutto di mostrare quanta gente protesta contro la mistificazione pandemica. Infatti sembra impossibile ma l’enorme manifestazione che si è svolta ieri a Londra contro le segregazioni, i passaporti e tutte le assurde regole della dittatura pandemica è stata quasi snobbata dalla Bbc, la quale ha parlato di qualche centinaio di persone. E’ fin troppo chiaro che mostrare gente senza maschera che sfida l’assurdo potrebbe coagulare una protesta senza precedenti e dunque bisogna nasconderla sotto il tappeto di bugie e di infingimenti così diligentemente tessuto dai telai del potere. Ecco perché sarebbe invece un dovere diffondere queste immagini non fosse altro che per sbugiardare i falsi informatori. Tra l’altro la diffusione in rete di queste immagini ha attirato molti meno commenti trolleschi del tipo pazzi,, negazionisti, incoscienti, nazisti e insomma tutta l’insalata mista di idiozie da giornali. Evidentemente si avverte che la pazienza sta arrivando al limite. Cliccare sulle foto per arrivare ai link r dunque a molte più immagini e video

Nessun commento:

Posta un commento