L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 20 giugno 2021

Ebrahim Raeissi ha vinto le elezioni presidenziali in Iran. Raeissi è un convinto sostenitore di un’alleanza iraniano-cinese e della Nuova Via della Seta. Vede le sanzioni statunitensi contro l’Iran “come un’opportunità di rafforzamento economico”

Iran: ha vinto il filo-cinese

Ebrahim Raeissi ha vinto le elezioni presidenziali in Iran. Raeissi è un convinto sostenitore di un’alleanza iraniano-cinese e della Nuova Via della Seta. Vede le sanzioni statunitensi contro l’Iran “come un’opportunità di rafforzamento economico”. Un’analisi geopolitica

 Raeissi ha vinto le elezioni presidenziali in Iran. Il primo candidato della linea dura ha ricevuto almeno 17,8 milioni di voti, ha annunciato sabato mattina un portavoce del ministero dell’Interno. Sono stati espressi un totale di 28,6 milioni di voti. Raeissi succederà ad Hassan Rouhani, a cui non   era più permesso di candidarsi  dopo due mandati. Il giuramento del nuovo presidente è previsto per agosto.

Raeissi è a capo della più grande organizzazione di  beneficenza sciita del mondo, secondo il quotidiano The Diplomat . Il quotidiano aveva riportato in vista delle elezioni iraniane: “Se Raeissi vince venerdì, l’Iran indirizzerà la sua politica estera verso la resistenza e il confronto, dove gli spoiler interni riacquisterebbero slancio, al fine di invertire l'”atteggiamento di impegno” dell’Iran nei confronti del mondo. Tuttavia, una vittoria di Rouhani manterrebbe una politica di impegno e moderazione in patria e all’estero (…) Molti di coloro che hanno servito nel gabinetto conservatore dell’ex presidente Mahmoud Ahmadinejad sono stati reclutati da Raeissi. Questo apparato, se eletto, ha lo scopo di annullare gran parte degli sforzi di impegno degli ultimi quattro anni sotto il governo Rouhani”.

In relazione all’Arabia Saudita, “The Diplomat” riporta: “Non c’è dubbio che la politica iraniana nei confronti dell’Arabia Saudita sotto la presidenza Raeissi sarà più conflittuale e caratterizzata da una retorica settaria ostile che dominerà l’agenda del Leader Supremo in Yemen e intensificarsi ulteriormente in Siria. Tutto ciò rischia di aggravare i conflitti in corso con i sauditi in Siria, Yemen, Iraq e Libano».

Raeissi vede le sanzioni Usa contro l’Iran “come un’opportunità di rafforzamento economico”. Insiste sulla “indipendenza economica” e sull’instaurazione di una “economia di resistenza” (autarchia), riporta ” Aftab News “. “Vedo l’attivazione di un’economia di resistenza come l’unico modo per porre fine alla povertà e alle privazioni nel Paese”, ha citato ” Radio Free Europe/Radio Liberty ” (RFE/RL) Raeissi.

Pechino investirà in Iran 400 miliardi di dollari in 25 anni

Negli ultimi anni ci sono stati ripetuti risentimenti tra il presidente Hassan Rouhani e la Guida spirituale suprema dell’Iran, Ali Khamenei. Queste differenze sono principalmente legate alla politica estera. Khamenei appartiene al campo iraniano che sostiene stretti legami con la Cina e la Nuova Via della Seta, mentre Rouhani tende all’Occidente. Il 28 marzo 2021, ” Iran International“:“ Un ex legislatore iraniano ha affermato che il leader supremo dell’Iran, Ali Khamenei, è l’iniziatore del controverso “accordo strategico” di 25 anni con la Cina, firmato sabato a Teheran. Mansoor Haghighatpour, ex vicepresidente del Comitato per la sicurezza nazionale del Parlamento, ha dichiarato su un sito web locale che Khamenei aveva assunto l’ex presidente del parlamento Ali Larijani per perseguire un accordo a lungo termine con la Cina. I legislatori hanno anche affermato che il motivo per non rendere pubblico il documento firmato è perché la parte cinese insiste per non attirare l’attenzione degli Stati Uniti poiché l’accordo ha un “aspetto difensivo”. I cinesi hanno esortato la parte iraniana a “Non divulgare l’accordo”, ha detto, aggiungendo che “la Cina e altri paesi hanno sfide nelle loro relazioni con l’America” ​​e l’Iran non può essere trasparente. Dopo la firma dell’accordo, ci sono state proteste pubbliche sulla riservatezza del suo contenuto e l’accusa che la Repubblica islamica avesse “svenduto” gli interessi nazionali dell’Iran.Secondo il New York Times, “la Cina prevede di investire 400 miliardi di dollari in Iran in 25 anni.

Raeissi appartiene a questo campo filo-cinese che sostiene la Nuova Via della Seta. Nel 2018, il presidente iraniano Hasan Rouhani ha ordinato alla Guardia rivoluzionaria iraniana (IRGC) e all’esercito iraniano di vendere i loro beni che detengono nel settore petrolifero e del gas. Questo passo è necessario per salvare l’economia iraniana, cita Bloomberg Rouhani.

“Non solo l’Agenzia per la sicurezza sociale, ma tutti i settori governativi, comprese le banche, sono costretti a vendere le proprie attività. Questo è l’unico modo per salvare l’economia del paese. Funzionari del governo, ONG, forze armate e altri: tutti devono sbarazzarsi delle proprie attività commerciali “, ha affermato Rouhani. Oilierter riferisce: “Il presidente iraniano teme una reazione dei conservatori. Il suo rapporto con Khamenei – probabilmente il vero sovrano dell’Iran – si è raffreddato. Le discussioni in corso su un possibile successore dell’anziano e malato Khamenei sono diventate un conflitto diretto tra il governo Rouhani e i leader del Velayat-e Faqih, i duri ayatollah”.

La privatizzazione dei beni del governo nel settore del petrolio e del gas potrebbe comportare un afflusso di capitali. L’Iran ha le più grandi riserve accertate di gas naturale al mondo. Total SA, con sede a Parigi, ha firmato un contratto nel luglio 2017 per sviluppare parte dell’enorme giacimento di gas di South Pars. È stato promesso un investimento da un miliardo di dollari.

https://www.maurizioblondet.it/iran-ha-vinto-il-filo-cinese/

Nessun commento:

Posta un commento