L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 29 giugno 2021

L'Occidente è vuoto, non ha più niente da dire, ha smarrito la sua anima gli è rimasto solo la bramosia del possesso di cui neanche sa cosa fare. 11 anni di guerra alla Siria, la fuga dall'Afghanistan dopo 20 annidi occupazione ne sono le testimonianze ultime

Siria: una guerra globale, senza confini


di Michel Raimbaud*
28 giugno 2021

Michel Raimbaud, decano della diplomazia francese, professore di relazioni internazionali e autore di diversi libri di successo sul Medio Oriente, mentre la guerra in Siria entrava nel suo undicesimo anno, analizza come viene affrontato sui media. Per l'ex diplomatico è necessario tener conto della proliferazione di attori che pesano in questo conflitto.

Per più di dieci anni, la guerra spietata che devasta la Siria e infligge il martirio al suo popolo ha ispirato torrenti di scritti e fiumi di discorsi.

Lettere e parole hanno acceso gli spiriti senza illuminare i cervelli, eppure così veloci da accendersi per le cause più improbabili, delle nostre élite pensanti. Durante questo lungo periodo, i sudditi delle nostre "grandi democrazie" hanno quindi avuto diritto a un (doppio) vero e proprio lavaggio del cervello.

Abbiamo sentito innumerevoli volte ripetere la nota storia ufficiale delle guerre in Siria, una storia che si è sempre affermata in tutti i media ufficiali scritti e audiovisivi del mainstream, nella stragrande maggioranza degli intellettuali e nelle alte sfere politiche e diplomatiche di Francia, Navarra, Europa e Occidente.

Dettaglio chi uccide o dovrebbe uccidere, gli araldi, i promotori e i banditori di questa doxa (così la suddetta storia è chiamata per essere chic) ??si sbagliavano su tutta la linea, ma persistono e firmano...

In nessun modo li imbarazza, poiché, e questo è anche il segreto del loro successo, non devono mai fornire prove per giustificare i loro messaggi, e questo è un bene per la loro tranquillità intellettuale.

Già alimentata forzatamente la versione ufficiale, i soggetti in questione avevano diritto alle cure dell'omertà, la legge del silenzio che neutralizzava radicalmente chi metteva in dubbio il resoconto ufficiale.

In queste condizioni, i manifestanti che si sono impegnati a decostruire punto per punto questa doxa hanno dovuto ricorrere a media alternativi. Quando ad alcuni è capitato, molto raramente e per errore, di trovarsi invitati nei media ufficiali, è stato come un fioretto durante gli interventi omeopatici.

L'esperienza dimostra che questo instancabile lavoro di decostruzione della verità ufficiale è estenuante e addirittura lo fa cadere nella trappola descritta in precedenza da Carl Rove, consigliere neoconservatore di George Bush junior, per un giornalista americano, Ron Suskind, che ricorda l'aneddoto del 2004 nel Ne w York Times. Interrogato sull'utilità delle "analisi della realtà osservabile", il nostro amico Carl ha replicato con aria sdegnosa: "Non è più così che funziona il mondo. Ora siamo un impero e quando agiamo creiamo la nostra realtà. E mentre tu studi quella realtà, saggiamente, come desideri, noi agiamo di nuovo e creiamo altre nuove realtà, che puoi studiare anche tu, e così è. Siamo gli attori della storia. […] E voi tutti, non dovete far altro che studiare quello che stiamo facendo.” Ed è vero che l'esercizio della decostruzione è destinato al fallimento. Nel tempo impiegato per confutare questa o quella “storia”, ne sono state prodotte e messe in rete sul mainstream una cinquantina di altre. Certo, possiamo continuare, ed è difficile non farlo, a denunciare crimini di guerra, crimini contro l'umanità, misure di genocidio, tentato politicidio (distruzione dello Stato) ed etnocidio (distruzione delle persone nella loro società, della loro memoria, la loro cultura, la loro personalità, la loro dignità, le loro aspirazioni), insomma tutto ciò che rientra nel quadro di un'aggressione collettiva contro la Siria legale, crimine internazionale per eccellenza. E allora? Si è anche tentati di ricordare ripetutamente le distruzioni, i crimini, gli abusi, i misfatti, i saccheggi, i furti, ecc. di cui sono responsabili gli invasori e i loro complici, o le conseguenze di sanzioni, blocchi o embarghi.

Dal 2011, innumerevoli e sadiche misure coercitive di ogni genere non sono state decretate a ritmo frenetico.

In effetti, questo noioso pensiero ripetitivo ha i suoi meriti, poiché porta alla realizzazione che la Siria resiliente merita molto di più di un lamento senza fine. Ha diritto al nostro rispetto, al nostro sostegno politico e morale e alla nostra solidarietà. Che è infinitamente più costruttivo.

Con l'aiuto dei suoi alleati, ha resistito, militarmente e moralmente, ha imposto il rispetto del suo calendario costituzionale (che di per sé costituisce un successo politico), si è imposto rispetto, e nei loro cuori molti capi di stato sicuramente invidiano il loro collega.

Inoltre, a Damasco - questo stato d'animo è abbastanza nuovo - si lascia trasparire un certo ottimismo, certamente basato sull'orgoglio di resistere alle avversità e agli avversari.

Tanto più che qua e là nel vasto mondo, molti indizi tendono a mostrare che stiamo prendendo coscienza dei meriti dell'atteggiamento fiducioso e più determinato che mai che i leader siriani stanno assumendo, nonostante la pesantezza del fardello e gli ostacoli imposto dal maledetto Asse del Bene.

Queste osservazioni di rinnovamento non valgono tutte le chiacchiere del mondo e tutti i cavilli intellettuali del piscio acido? Purtroppo nella Francia ufficiale, emarginata, invisibile e impercettibile, il tempo si è fermato: è il coprifuoco per il nostro Illuminismo, l'adeguamento di tutto ciò che si muove e funziona.

Tutto accade come se l'irragionevolezza del Covid avesse avuto la meglio su tutto… il razionalismo. La copertura e il trattamento della questione siriana sopportano in gran parte il costo di questo congelamento delle intelligenze e delle coscienze. Di conseguenza, in Occidente, in Francia in particolare, ci atteniamo al solito approccio che abbiamo dei conflitti e delle crisi: alle nostre latitudini, amiamo affrontarlo caso per caso e siamo restii ad adottare un approccio globale approccio: preghiera per non “confondere tutto”, un'ingiunzione che costituisce una delle armi assolute dei cavalieri della doxa e dei cani da guardia dell'omertà, di fronte ai manifestanti.

Così è nel conflitto siriano, che è tutt'altro che una tragedia isolata, un esempio di complessità non risolvibile nella semplicità d'animo.

Quando ci si trova di fronte a questi valorosi difensori di un'ortodossia ingannevolmente ingenua, il "dibattito" prende rapidamente una piega surrealista. Il substrato geopolitico? Non sapere. Mire egemonistiche? Occultato. I secondi fini, l'ingerenza sistematica? Dimenticato. Piani di destabilizzazione, spartizione, rottura? Invenzioni di "cospiratori", l'accusa considerata come un'altra arma assoluta, che dovrebbe annientare lo sfacciato avversario.

Dobbiamo quindi ignorare a tutti i costi l'inquietante contesto regionale e globale ed evitare accuratamente qualsiasi visione d'insieme.

Ogni questione va trattata a parte (come nel caso del Libano) a meno che non si preferisca ignorarla del tutto (come spesso si fa nell'atroce guerra in Siria, perché più o meno vinta militarmente parlando da Damasco e dai suoi alleati) . L'Occidente è ancora e sempre solo al mondo. Lui è il mondo da solo.

Come potrebbe immaginare, anche nel peggiore degli incubi, che sempre più persone in tutto il pianeta (il 90% dell'umanità) stiano dicendo a bassa voce (o ad alta voce) che non solo è solo, ma è nudo.

Ovviamente, nel vortice dell'attualità, non possiamo comprendere e analizzare (nel vuoto e nel rilievo) i molteplici conflitti senza situarli nel loro quadro geopolitico globale.

La guerra in Siria, che è al suo undicesimo anno, non è una guerra "civile" tra due siriani, e nemmeno una semplice guerra contro il terrorismo, che è solo uno degli aspetti o degli strumenti del conflitto della Repubblica Araba di Siria.

È "una guerra senza confini", quindi una guerra globale e mondiale, in cui sono stati coinvolti circa 120 Stati membri delle Nazioni Unite (i famosi "amici del popolo siriano"), e in cui sono stati impegnati quasi 400.000 combattenti jihadisti di cento paesi e cinque continenti.

Questa guerra multiforme riunisce due campi che difendono due concezioni opposte dell'ordine mondiale: Il campo occidentale, sostenuto da Israele e dalle forze islamiste, combatte per salvare la sua egemonia unipolare mentre il blocco eurasiatico guidato dalla Russia e dalla Cina, al quale l'Iran si è unito, sostiene fermamente la Siria e combatte per un mondo bipolare o multipolare rispettoso delle sovranità e dell'indipendenza .

Di conseguenza, la guerra in Siria (l'autore di queste righe preferisce dire "le guerre della Siria") deve essere considerata, non solo nel suo quadro vicino-orientale, ma anche nel suo contesto arabo e musulmano, e ovviamente in funzione, in realtà e scelte geopolitiche.

È ovvio che la politica dei paesi della regione, con i loro obiettivi, la loro diplomazia, i loro imbrogli, le loro paure di fronte alla svolta degli eventi, pesa molto sullo sviluppo della Siria. Ma non è meno ovvio che il futuro della Siria dovrà articolarsi de facto con il futuro di questi molteplici belligeranti e attori, in particolare secondo le loro alleanze, le loro scelte strategiche, le loro ambizioni e prospettive.

Qualsiasi trattazione della questione siriana deve quindi tenere conto delle azioni di Turchia, Libano, Yemen, Iraq, Arabia Saudita, Israele, ma anche del “campo atlantico” e del “blocco eurasiatico” nel quadro globale della mutazione geopolitica in atto: piaccia o meno ai sostenitori delle idee semplici dell'Oriente complicato, nella situazione più complessa e decisiva che ci sia.

Da questo dipende il realismo dell'approccio necessario per cercare di svelare i misteri del futuro. Quanto alla scelta tra pessimismo o ottimismo, dipende soprattutto dall'idea che si ha del destino del dominio occidentale: salvo per sempre o già in agonia...

Nessun commento:

Posta un commento