L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 18 giugno 2021

Mascherata e distanziamento solo per noi NON per loro. E lo stregone maledetto vuole continuare la pantomima fino a metà luglio

Il barbecue dei bugiardi



Ci sono alcune foto abbastanza inedite del G7, nel senso che sono comparse solo su pochissimi media e che riguardano principalmente i momenti di relax dell’incontro che del resto non prevedeva altro che omaggiare Biden e mostrare il sostengo della muta europea in vista dell’incontro di Ginevra con Putin. Parecchie di queste foto sono state scattate durante il barbecue offerto dal governo inglese nel quale si vedono i “grandi” (dopotutto grandi qualcosa lo sono) che si comportano in barba a tutte le misure che impongono agli altri. Non solo sono senza nemmeno l’ombra delle mascherine la cui assenza addosso ai leader ( ma non al personale di scorta) è stata persino “ufficializzata” all’inizio del vertice ( vedi qui ) ma non c’è più alcuna idea di distanziamento e/o di prudenza nello stare vicini . Ecco alcune di queste immagini dalle quali si può facilmente vedere quelli che sembrano addirittura assembramenti.



Queste immagini sono divenute famose quando su Twitter sono state accompagnate da un commento che si può dire abbia fatto il giro del mondo:

” Quando le persone che ci danno questi ordini non li seguono loro stessi, non si mostrano “ipocriti”. Si dimostrano bugiardi . Ammettono di non credere davvero a quello che dicono.”

Anche perché non molto distante dalla Cornovaglia alcuni hanno fotografato un “albergo per la quarantena” un vero e proprio lager sorvegliato da guardie armate e per i quali bisogna anche pagare 750 sterline per dieci giorni di galera.


Nessun commento:

Posta un commento