L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 29 giugno 2021

Secondo Nicola Gratteri sono necessarie modiche alla normativa "affinché non sia più conveniente delinquere. Quello che manca è la volontà politica a intervenire".


Gratteri: Europa non attrezzata al contrasto alle mafie, è prateria delle cosche

AMDuemila 27 Giugno 2021

Il procuratore a Sky TG 24: “Gli Stati non vogliono ammettere il problema delle infiltrazioni mafiose”

"L'Italia è all'avanguardia nel contrasto alle Mafie. E' attrezzata sia a livello normativo che per quanto riguarda la preparazione della polizia giudiziaria. E' l'Europa a non essere attrezzata, né nel contrasto alle Mafie, né nel contrasto al riciclaggio". A dirlo è il procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri intervenendo ieri a Sky Tg24 "Live in Firenze" dove ha partecipato ad un incontro, insieme al vicecapo della Polizia Vittorio Rizzi, sul tema del contrasto alla criminalità organizzata. Se l'Italia è all'avanguardia, rispetto agli altri Paesi, ha aggiunto Gratteri, "l'Europa è una grande prateria dove le Mafie possono pascolare e che si occupa poco di sicurezza. Gli altri Stati non vogliono ammettere il problema delle infiltrazioni mafiose. Vi è un rigetto, un rifiuto. Forse perché poi dovrebbero spiegare ai propri cittadini perché per 25 anni hanno negato il problema. Inoltre, dire che c’è la mafia scoraggerebbe gli investitori stranieri". Il procuratore ha spiegato che ormai le Mafie hanno invaso il mondo occidentale: "Basti pensare che la Germania è il secondo Paese per infiltrazione mafiosa. In Germania vi sono decine di locali di ‘Ndrangheta". Anche se il nostro Paese è attrezzato rispetto alla "prateria" Europa, "si può fare di meglio", ha detto Gratteri. Secondo il magistrato sono necessarie modiche alla normativa "affinché non sia più conveniente delinquere. Quello che manca è la volontà politica a intervenire". Nel corso della trasmissione è stata ascoltata la testimonianza di un ristoratore finito nella morsa dell'usura a causa dei problemi provocati dalla pandemia. Gratteri ha spiegato che le Mafie sono "molto brave a investire nella ristorazione". Alla domanda se le denunce di usurati sono aumentate, Gratteri ha detto: "Abbiamo notato un aumento ma il problema dell'usura è che dura anni, è una lenta agonia. Non si denuncia per due motivi: per paura e per dipendenza psicologica. L'usurato ragiona come un tossicodipendente: crede di poterne uscire prima o poi".

Foto © Imagoeconomica

Nessun commento:

Posta un commento