L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 28 luglio 2021

Ci sono dei laboratori di ricerca per le armi biochimiche su cui NON si deve indagare. Fort Detrick

Perché gli Stati Uniti non osano aprire un’indagine sul laboratorio di Fort Detrick?

27 luglio 2021

Le ricerche a livello globale sulla tracciabilità dell’origine del SARS-CoV-2 sono una questione di natura scientifica e devono rispettare i principi della scienza. Dopo che l’OMS e gli esperti cinesi hanno svolto congiuntamente ricerche sull’origine del virus a Wuhan, a marzo di quest'anno, e sono giunti alla conclusione che è "estremamente improbabile" che il virus sia fuoriscito da un laboratorio locale, le ricerche dovrebbero essere svolte al di fuori della Cina, in paesi o regioni che presentano gravi situazioni epidemiche. Gli Stati Uniti, che sono al primo posto al mondo in termini di casi confermati e morti, dovrebbero essere al centro delle ricerche della prossima fase. In particolare, dovrebbe essere aperta un'indagine sul laboratorio biologico di Fort Detrick all'OMS.

Il suddetto laboratorio biologico è famoso per essere stato una base per le armi biochimiche durante il periodo della Guerra Fredda. La fuoriscita di batteri e varianti di virus mortali si è già verificata negli anni Novanta dello scorso secolo, e la comunità internazionale ha già da tempo sollevato dubbi fu Fort Detrick. Secondo un servizio della CBS di agosto 2019, l’epidemia di "polmoni completamente bianchi da sigaretta elettronica" è scoppiata nel Maryland, dove si trova Fort Detrick. Poco dopo, l'US Army Institute of Infectives Medicine (USAMRIFID) a Fort Detrick è stato improvvisamente chiuso. A marzo dello scorso anno, i netizen americani hanno lanciato una petizione sul sito della Casa Bianca chiedendo al governo americano di annunciare la vera ragione che ha spinto alla chiusura del laboratorio di Fort Detrick. Ma il governo americano è rimasto in silenzio. Secondo il “New York Times”, le ricerche svolte nel laboratorio chiuso riguardavano alcune tossine che il governo ha identificato come "una grave minaccia per il pubblico, la salute degli animali e delle piante o per i prodotti animali e vegetali".

Una campagna online per la raccolta di firme lanciata dal tabloid cinese “Global Times” per chiedere all’OMS indagare sul laboratorio di Fort Detrick, ha visto l’adesione di oltre tredici milioni di utenti cinesi di Internet. Tuttavia, gli Stati Uniti sono rimasti in silenzio e il server utilizzato per la raccolta delle firme è stato perfino ripetutamente oggetto di attacchi di hacker con IP provenienti dagli Stati Uniti.

In effetti, la manipolazione politica tentata dagli Stati Uniti sulla questione dell’origine del virus è ormai da tempo evidente. Il 23 luglio Tom Fowdy, uno scrittore britannico analista di relazioni politiche e internazionali, ha pubblicato un articolo intitolato "Se il mondo vuole che l’OMS operi normalmente, gli Stati Uniti devono smettere di usarla come capro espiatorio" sulla sito di notizie online "Russia Oggi", sostenendo che gli Stati Uniti hanno inventato l’ipotesi della fuoriuscita dal laboratorio e una teoria del complotto sull’origine del coronavirus per attribuire la responsabilità penale alla Cina. Il Dr. Matthew Kavanagh, direttore della Scuola di Politica sanitaria globale all'Università di Georgetown, ha anche criticato l’amministrazione Biden per aver politicizzato il problema dell’origine del virus.

L’epidemia di Covid-19 può essere superata solo attraverso la collaborazione congiunta di tutta l'umanità. Per i loro interessi, gli Stati Uniti stanno facendo dei trucchi politici sulla questione dell’origine del virus e screditano gli altri paesi. Ciò non solo danneggia la cooperazione globale contro l'epidemia, ma è anche del tutto irresponsabile nei confronti dell'umanità!

Nessun commento:

Posta un commento