L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 1 luglio 2021

In nome dei profitti, gli Statunitensi fanno di tutto per distruggere la nostra unica casa, la Terra

29 Giugno 2021 17:06

"Fracking" negli Usa. Cosa preoccupa ambientalisti e petrolieri?

La Redazione de l'AntiDiplomatico


Nell'ultimo decennio, la tecnica del 'fracking' (fratturazione idraulica) per ottenere petrolio e gas naturale ha riscosso grande popolarità negli USA grazie al suo costo relativamente contenuto e al suo grande potenziale di sfruttamento rispetto ad altri metodi di estrazione tradizionali.

Tuttavia, il 'fracking' non è esente da problemi ambientali, che hanno suscitato la preoccupazione degli ambientalisti, del governo e della stessa industria petrolifera, soprattutto in questi tempi di ripresa economica in cui la domanda di combustibili fossili è in rapida crescita.

In un articolo pubblicato da Oil.eu lo scorso 27 giugno, l'esperta in materia Irina Slav ha analizzato la relazione tra 'fracking', le acque reflue che genera ed eventi sismici, sottolineando la redditività di questa tecnica per alcuni settori industriali non necessariamente collegati all'industria petrolifera, nonché nella risposta del governo alla situazione attuale.

Prima di tutto, è necessario capire in cosa consiste il 'fracking'.

È una tecnica che perfora il sottosuolo con lo scopo di generare uno o più canali ad alta permeabilità attraverso un'iniezione di acqua ad alta pressione che vince la resistenza della roccia e apre una frattura controllata sul fondo del pozzo.

Quest'acqua in pressione viene mischiata con del materiale proppante al fine di allargare le fratture esistenti nel substrato roccioso che racchiude il gas o il petrolio e quindi favorire la loro uscita verso la superficie.

Secondo l'US Geological Survey, la quantità di acqua utilizzata durante questo processo può raggiungere fino a 60 milioni di litri per ciascun pozzo. Poi è necessario eliminare tutta quell'acqua residua, quindi viene scaricata in pozzi di iniezione sotterranei che, secondo gli ambientalisti, inquinano le falde acquifere.

Tuttavia, c'è un altro problema legato a questa pratica.

Più acqua viene iniettata nel sottosuolo, più probabili diventano gli eventi sismici, perché i milioni e milioni di litri di liquido sono in grado di modificare le pressioni nella formazione rocciosa, innescando una maggiore attività sismica.

In effetti, la società indipendente di ricerca energetica e business intelligence Rystad Energy ha avvertito il 10 giugno scorso in un rapporto che i terremoti di magnitudo superiore a 2.0 sono quadruplicati dal 2017 in diverse regioni produttrici di petrolio e ha previsto che l'attività Sismica aumenterà ulteriormente quest'anno se l'industria petrolifera e del gas statunitense continuerà ad estrarre idrocarburi in questo modo.

Nel 2020, anno segnato dalla pandemia di covid-19 e dalla scarsa domanda di combustibili fossili, si sono verificati 14 terremoti di magnitudo superiore a 3,5 in Oklahoma, Texas, Louisiana e New Mexico (stati chiave per la produzione di petrolio attraverso fratturazione idraulica), un dato di gran lunga superiore ai sei eventi registrati sia nel 2019 che nel 2018.

Finora, nel 2021, in questi territori si sono già verificati 11 terremoti e si sta osservando un rapido aumento del 'fracking' e la conseguente produzione di acque reflue, che se iniettate nel sottosuolo provocherebbero ancora più attività sismica.

Riciclo dell'acqua: la soluzione?

È qui che altri tipi di aziende hanno visto un'opportunità di business: il riciclaggio e il riutilizzo delle acque reflue.

Il 24 giugno, un giornale locale ha riferito che l'azienda di riciclaggio e riutilizzo dell'acqua Breakwater Midstream stava espandendo il suo sistema di riciclaggio Big Spring nella contea di Texas Martin e aveva in programma di costruire due nuovi impianti di riciclaggio dell'acqua che si sarebbero aggiunti ai dieci già operativi nella zona.

Secondo Jason Jennaro, amministratore delegato della società, l'aumento dell'attività sismica nella regione è una delle ragioni della crescente domanda di impianti di trattamento delle acque reflue.

"Il riciclaggio delle acque reflue offre agli operatori un'alternativa ecologicamente sostenibile per inviare tutte le loro acque reflue alle discariche situate all'interno di piscine sismiche note", ha affermato Jennaro.

Risposta del governo

D'altra parte, anche il governo sta affrontando questa situazione. Di recente, il deputato democratico Frank Pallone ha presentato un disegno di legge che potrebbe riclassificare le acque reflue del "fracking" come rifiuti pericolosi. Ciò ha generato intense polemiche, in quanto le aziende sarebbero costrette a smaltire le acque reflue in pozzi di smaltimento di Classe I (le cui scorte a livello nazionale sono inferiori a 300) anziché, come fanno ora, nei pozzi di Classe I. Classe II, il cui numero è molto più alto e supera i 200.000.

In un rapporto dell'11 giugno il Baker Institute della Rice University ha elencato gli svantaggi politici ed economici che questa legge comporterebbe, tra cui un drammatico aumento del prezzo del petrolio e conflitti tra gli stati produttori di energia e il governo federale.

Anche così, i vantaggi dal punto di vista ecologico e ambientale sarebbero innegabili, poiché le aziende petrolifere non avrebbero altra scelta che riciclare e riutilizzare l'acqua, evitando così possibili contaminazioni delle falde acquifere e gravi eventi sismici.

Nessun commento:

Posta un commento