L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 6 luglio 2021

Killeraggio politico e fisico degli Stati Uniti nei confronti di Assange

05 Luglio 2021 13:10
Giornalista britannico: "tutte le accuse degli Usa contro Assange sono crollate"

La Redazione de l'AntiDiplomatico

Il caso degli Stati Uniti contro Julian Assange deve essere archiviato dopo che un testimone chiave ha confessato di aver mentito, poiché la reputazione della legge occidentale e il futuro del giornalismo dipendono da questo, ha spiegato a RT il giornalista britannico e amico di Assange Vaughan Smith.

La notizia che il volontario di WikiLeaks diventato informatore dell'FBI Sigurdur Ingi Thordarson ha inventato alcune parti importanti delle sue accuse nell'atto d'accusa contro il co-fondatore del sito Assange "non è stata una sorpresa", ha sottolineato Smith. Le persone vicine a WikiLeaks sanno da tempo che l'uomo "ha avuto problemi comportamentali", ha ricordato.

Smith ha dato rifugio ad Assange nel 2010 – prima al Frontline Club di Londra e poi nella sua casa di campagna a Norfolk – quando l'editore stava scappando dalle accuse di aggressione sessuale, che ha costantemente negato, in Svezia. L'inchiesta è stata poi archiviata dai pm.

Il cittadino islandese Thordarson era una delle persone che erano lì con Assange e Smith, ha raccontato il giornalista, sostenendo che "si sapeva che avesse rubato alcune cose quando era rimasto a casa mia tutto quel tempo fa".

Nel 2012, WikiLeaks ha sporto denuncia contro il volontario per appropriazione indebita e frode finanziaria, ed è stato condannato per entrambi i casi in Islanda.

In un articolo pubblicato dal quotidiano islandese Stundin la scorsa settimana, Thordarson ha affermato di aver mentito nella sua testimonianza, confessando, tra le altre cose, che Assange non gli ha mai ordinato direttamente di effettuare alcun hacking.

Queste nuove dichiarazioni del testimone chiave degli Stati Uniti sono "devastanti" e "minano completamente" il processo statunitense contro il fondatore di WikiLeaks. "Fondamentalmente, ha spiegato come ha mentito per incastrare Julian per cercare di salvarsi la pelle", ha detto Smith.

Assange potrebbe affrontare fino a 175 anni dietro le sbarre negli Stati Uniti, dove è ricercato con l'accusa di spionaggio per la pubblicazione di documenti riservati su Iraq, Afghanistan, Guantanamo Bay, tra glia ltri.

L'editore è detenuto nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh a Londra dall'aprile 2019 per violazione della cauzione. Prima di allora, ha trascorso sette anni rintanato nell'ambasciata ecuadoriana nella capitale britannica nel tentativo di evitare la persecuzione per quelle che i suoi sostenitori sostengono siano legittime attività giornalistiche.

La richiesta degli Stati Uniti di estradare Assange è stata respinta da un giudice britannico all'inizio del 2021 a causa delle cattive condizioni di salute del detenuto, ma Washington aveva già espresso l'intenzione di appellarsi a tale decisione.

Le accuse di spionaggio degli Stati Uniti contro Assange sono "ovviamente una ricucitura", ha insistito Smith, aggiungendo che "la strada migliore per tutti è abbandonare il caso e andare avanti. Julian deve essere liberato. Sta chiaramente soffrendo".

Il fondatore di WikiLeaks “ ha seri problemi di salute, che stanno peggiorando, peggiorando e peggiorando ancora. Psicologicamente è sottoposto a uno stress straordinario”, ha ricordato il giornalista. È tenuto in isolamento e ha problemi con la comunicazione con il mondo esterno, ha evidenziato Smith, aggiungendo che ha parlato l'ultima volta con Assange circa un anno fa.

Quindi, la decisione dell'amministrazione Biden sul caso è importante per "la reputazione del diritto britannico e americano" e per il futuro del giornalismo nel suo insieme, ha affermato Smith.

Le accuse contro l'editore "criminalizzano le pratiche giornalistiche di base" e Smith ha osservato che è sorprendente "i media britannici e americani non sembrano fare storie su ciò che sta accadendo con Thordarson".

Non è ancora chiaro come andrà a finire la saga di Assange, ma " dovremo aspettare e vedere come mai gli americani possono sostenere un caso quando il loro principale testimone, a quanto pare, ha mentito loro", ha aggiunto il giornalista

Nessun commento:

Posta un commento