L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 4 luglio 2021

La Mascherata deve continuare. Sottoporre i ragazzi, che non si ammalano ne muiono di influenza covid, ai vaccini sperimentali, è da dementi pazzi furiosi. Il vaccino sperimentale Pfizer ha una bassa copertura. Essere contagiato non significa essere malato è chiaro che i numeri servono a terrorizzare e a portare avanti ancora per un pò di tempo la Strategia della Paura per distogliere le persone dalla grave crisi economica dell'Occidente

Israele, la metà degli infetti con la variante Delta era vaccinata

Di Jack Phillips3 LUGLIO 2021

Una persona viene inoculata con un vaccino a Chelsea, Mass. il 16 febbraio 2021. (Joseph Prezioso/AFP via Getty Images)

Circa il 90 per cento delle nuove infezioni COVID-19 in Israele sono state causate dalla variante Delta del virus del Pcc, secondo le autorità. E circa la metà degli adulti infettati nel recente focolaio erano completamente vaccinati con Pfizer.

Nell’annunciare la scoperta, Ran Balicer, che guida un gruppo consultivo di esperti del governo israeliano, ha detto che il Paese potrebbe finire per attuare un altro lockdown dopo l’apertura all’inizio di quest’anno, secondo il Wall Street Journal.

«L’ingresso della variante delta ha cambiato le dinamiche di transizione», ha osservato il funzionario, riferendosi al ceppo B.1.617.2 di COVID-19 che ora è stato rilevato in più di 70 Paesi.

I nuovi casi del virus sono saliti a più di 200 al giorno giovedì 24 giugno, da circa 10 al giorno nella maggior parte di giugno, secondo i funzionari israeliani.

E il giorno dopo, le autorità hanno detto ai residenti che devono di nuovo indossare maschere negli ambienti chiusi, secondo Reuters.

Il Ministero della Salute ha imposto di nuovo il requisito della mascherina per tutti gli ambienti interni, tranne la casa, e ha raccomandato di indossare mascherine anche in occasione di grandi raduni all’aperto, menzionando specificamente gli eventi del gay pride che si sarebbero svolti in tutto Israele quel fine settimana.

Circa il 55% dei 9,3 milioni di abitanti di Israele ha ricevuto entrambe le dosi del vaccino Pfizer, che da maggio è stato reso ammissibile anche per i ragazzi dai 12 ai 15 anni.

«Il nostro obiettivo al momento, prima di tutto, è quello di salvaguardare i cittadini d’Israele dalla variante Delta che si sta diffondendo nel mondo», ha detto mercoledì il primo ministro israeliano Naftali Bennett, secondo il Wsj.

La rinnovata imposizione della mascherina nel Paese, e potenzialmente un nuovo lockdown, farà sicuramente sorgere domande sull’efficacia generale dei vaccini COVID-19, specie per via dei cosiddetti casi «breakthrough» nelle ultime settimane in America e in altri Paesi: casi, cioè, in cui individui vaccinati o ‘immuni’ perché dotati di anticorpi hanno contratto la malattia.

All’inizio di questo mese, per esempio, quasi 4.000 persone completamente vaccinate in Massachusetts sono risultate positive al virus del Pcc.

«Stiamo imparando che molte delle infezioni di svolta sono asintomatiche o sono molto lievi e di breve durata», ha detto Davidson Hamer, specialista in malattie infettive della Boston University, come riportato dal Boston Herald. «La carica virale non è molto alta».

«I breakthrough sono attesi e abbiamo bisogno di capire meglio chi è a rischio e se le persone che hanno un breakthrough possono trasmettere il virus ad altri», ha detto Hamer. «In alcuni casi, spargeranno livelli molto bassi di virus e non lo trasmetteranno ad altri».

E il 30 aprile, il Cdc ha riferito che circa 10 mila 626 casi di breakthrough sono stati riferiti in 46 Stati e territori.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) dice sul suo sito web che i vaccini Covid-19 dovrebbero funzionare contro il ceppo Delta così come altre varianti di COVID-19.

Tuttavia, l’agenzia delle Nazioni Unite ha avvertito che «i cambiamenti o le mutazioni nel virus non dovrebbero rendere i vaccini completamente inefficaci», aggiungendo che se i «vaccini si dimostrano meno efficaci contro una o più varianti, sarà possibile cambiare la composizione dei vaccini per proteggere contro queste varianti».



Nessun commento:

Posta un commento