L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 9 luglio 2021

La Russia elimina il dollaro


07 Luglio 2021 21:49
Fondo sovrano della Russia riduce a zero le riserve in dollari

La Russia ha eliminato la valuta statunitense dal suo Fondo Sovrano aumentando la quota dell'euro, dello yuan cinese e dell'oro, ha annunciato ieri il ministero delle finanze del paese.

La quota di dollari statunitensi nel fondo è stata ridotta dal 35% a zero, mentre la quota della sterlina britannica è stata ridotta al 5%. Le quantità di euro e yuan cinese sono aumentate rispettivamente al 39,7% e al 30,4%.

La quota dello yen giapponese si attesta al 4,7% e la quota dell'oro non in contanti è del 20,2%, si legge nel comunicato ufficiale del ministero delle Finanze.

“Queste operazioni di conversione sono state effettuate con i fondi della NWF in valuta estera depositati presso la Banca di Russia a partire dal 1 luglio 2021, nonché con fondi del bilancio federale in valuta estera per l'equivalente di 31,6 miliardi di rubli, accreditati al Fondo il 2 luglio di quest'anno al fine di formarlo in conformità con la legislazione della Federazione Russa" , si sottolinea nella dichiarazione.

Il ministero russo ha indicato che lo yuan e l'euro sono visti come un'alternativa al dollaro "come le valute dei principali partner economici esteri della Russia" , mentre l'oro è considerato come "un bene in grado di proteggere gli investimenti della NWF dai rischi inflazionistici".

Il ministero delle Finanze ha spiegato che i suoi ultimi passi sono stati volti “a garantire la sicurezza dei fondi NWF nel contesto delle tendenze macroeconomiche e geopolitiche degli ultimi anni e decisioni volte alla “de-dollarizzazione” dell'economia russa. L'azione del ministero rispecchia una mossa simile fatta di recente dalla banca centrale russa al fine di ridurre le attività detenute in valuta statunitense.

Ad aprile, il viceministro degli Esteri Alexander Pankin aveva dichiarato ai giornalisti che le tensioni politiche tra Washington e altre nazioni stavano minando la fiducia nel biglietto verde a livello globale.

Pankin ricordava come le sanzioni statunitensi e l'imprevedibile politica economica “mettono in discussione l'affidabilità e la convenienza dell'utilizzo della valuta americana come valuta prioritaria degli accordi. Di conseguenza, secondo il ministro, i paesi sono ora "costretti ad adottare misure contro il rischio di perdite economiche e transazioni perturbate" , mentre l'utilizzo di altre valute negli scambi sta diventando sempre più conveniente nell'agenda internazionale.

Nessun commento:

Posta un commento