L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 28 luglio 2021

Parrebbe che la politica della Banca centrale della Nigeria, l'insieme delle banche che non da credito agli agricoltori, predoni che rapinano e perseguitano gli stessi, si è creato un Sistema per non far evolvere l'economia del paese


Nigeria, la carenza di pomodori blocca l’impianto della Dangote

Il più grande impianto di lavorazione di pomodori dell’Africa riesce a malapena ad operare con profitto, sei anni dopo l’inizio della produzione, perché non riesce a ottenere frutti adeguati da processare.

L’impianto da 1.200 tonnellate al giorno, di proprietà di Sani Dangote, il fratello immediatamente più giovane di Aliko Dangote, l’uomo più ricco dell’Africa, produce al 20% della capacità perché gli agricoltori non hanno abbastanza risorse per aumentare la superficie. La fabbrica doveva invertire la dipendenza della Nigeria dalle importazioni di concentrato di pomodoro dalla Cina e aumentare la produzione locale. Ma nel 2017 l’azienda ha dovuto chiudere l’impianto dopo che i parassiti hanno distrutto vaste porzioni del raccolto. Ci sono voluti altri due anni – e la risoluzione di una disputa sul pagamento agli agricoltori – perché la fabbrica riprendesse la produzione.

“Non siamo stati in grado di lavorare abbastanza quantità di pomodoro per rendere le nostre operazioni di successo”, ha detto Abdulkarim Kaita, amministratore delegato del Dangote Tomato Processing Plant. “Al momento stiamo contando le perdite”.

La crisi dello stabilimento di pomodori di Dangote è emblematica delle sfide affrontate da molte aziende nella più grande economia dell’Africa. Mentre la coltivazione di pomodori impiega circa 200.000 persone, le banche si rifiutano di concedere prestiti agli agricoltori nonostante l’attenzione del presidente Muhammadu Buhari per incentivare la produzione locale. Questi passi falsi della politica, la corruzione radicata e le tensioni etniche stanno scoraggiando gli investimenti necessari per aggiungere posti di lavoro in una nazione che ha uno dei tassi di disoccupazione più alti del mondo.

Una mancanza di piani chiari e realistici sta erodendo i guadagni attesi dagli sforzi del governo per incrementare la produzione locale, ha detto Segun Ajayi-Kadir, direttore generale della Manufacturers Association of Nigeria.
La Nigeria si sta riprendendo dalla recessione più profonda degli ultimi quattro decenni in seguito alle restrizioni indotte dalla pandemia. Ma una ripresa lenta e l’aumento dei rischi di insicurezza stanno alimentando le tensioni sociali, secondo la Banca Mondiale.

L’impianto Dangote ha cercato di aiutare la nazione più popolosa dell’Africa a tagliare 300.000 tonnellate di importazioni di pasta di pomodoro dalla Cina. Questo anche se si stima che ogni anno si perdano localmente 900.000 tonnellate di pomodori a causa della mancanza di strutture di stoccaggio e lavorazione. Ma gli agricoltori non sono stati in grado di fornire alla fabbrica i volumi necessari per funzionare alla capacità.

Attualmente lo stabilimento lavora circa 300 tonnellate di frutta al giorno, la capacità più alta che ha raggiunto dal 2015, ma appena sufficiente per mantenere l’impianto operativo. Eppure, incorre negli stessi costi generali, incluso il funzionamento dell’energia, come se stesse operando alla sua piena capacità, ha detto Kaita.

I trasformatori di pomodori non possono inoltre importare la bacca per compensare la fornitura locale irregolare poiché gli acquisti all’estero del frutto sono vietati dalla Banca Centrale della Nigeria, che si rifiuta di fornire dollari per importare questi articoli. Questa politica sta anche alimentando l’inflazione, che ha accelerato al 22,28% a maggio, circa un massimo di quattro anni.

Nel frattempo, i coltivatori di pomodori non riescono ad ottenere abbastanza credito per aumentare la produzione perché le banche sono riluttanti a concedere prestiti per attività agricole. I coltivatori sono stati anche perseguitati da predoni armati e rapitori.

“Il problema è che la nostra domanda di produzione non è stata soddisfatta finora e dobbiamo aumentare il volume di fornitura da parte degli agricoltori”, ha detto Kaita. La maggior parte dei coltivatori di pomodori vive in villaggi remoti e questo rende difficile per i veicoli raggiungerli.

Per incrementare il raccolto di pomodori, la fabbrica sta aiutando gli agricoltori fornendo loro piantine migliorate e incoraggiando più persone a coltivare il prodotto. La mossa ha aiutato ad aumentare il numero di agricoltori a 6.000 da 1.000 nell’ultima stagione di raccolto, ma la fornitura era ancora appena sufficiente a soddisfare il 20% della capacità della fabbrica, ha detto Kaita. Ogni contadino può produrre almeno 40 tonnellate metriche per ettaro.

Ora l’azienda sta pianificando di creare cluster di agricoltori per la prossima stagione del raccolto e conta su una proposta della banca centrale di fornire credito agli agricoltori per aumentare la produzione. “Siamo ottimisti sul fatto che la produzione di 1.200 tonnellate metriche sarà raggiunta perché ogni stagione è un’esperienza di apprendimento per noi”, ha detto Kiata.

Nessun commento:

Posta un commento