L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 27 luglio 2021

Se non introduci nel tuo paese i vaccini sperimentali muori. L'ideologia dei vaccini sperimentali scava nel profondo e vuole assoggettare l'anima delle persone oggi attraverso l'iniezione domani chi sa? Ci vogliono tutte pecore con l'immunità di gregge, brucare felici nei prati recintati

Coincidenza? Tre presidenti morti dopo aver bloccato la distribuzione dei vaccini Covid

Maurizio Blondet 26 Luglio 2021

I leader di tre diversi paesi sono morti dopo aver bloccato la distribuzione dei vaccini sperimentali Covid-19. Tutti e tre i paesi hanno preso la decisione di distribuire i vaccini ai loro cittadini solo dopo la morte dei loro leader. Pubblicato: 17 luglio 2021, 11:26 ShareTweet Uno di questi era il presidente haitiano Jovenel Moise, che è stato assassinato nella sua casa di Port-au-Prince recentemente da un gruppo di mercenari. Il paese caraibico è stato eleggibile per i vaccini gratuiti attraverso lo schema COVAX, gestito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dalle associazioni di beneficenza globali per i vaccini, ma Moise aveva rifiutato in particolare i colpi di AstraZeneca. Solo pochi giorni dopo il suo assassinio, gli Stati Uniti hanno inviato i vaccini ad Haiti, insieme a una squadra di agenti dell’FBI. Questo significa che Haiti non è più l’unico paese dell’emisfero occidentale a non accettare l’iniezione di Covid. Poco dopo che il presidente della Tanzania John Magufuli aveva dichiarato i vaccini pericolosi, è deceduto per un “disturbo cardiaco”. Nel febbraio 2021, il suo ministro della salute aveva detto ai media: “Non siamo ancora soddisfatti che quei vaccini siano stati clinicamente dimostrati sicuri”. La morte dell’immensamente popolare Magufuli ha fatto sì che migliaia di persone si accalcassero in uno stadio per vedere il suo corpo. Tuttavia, subito dopo la morte di Magufuli, la Tanzania ha ordinato un enorme carico di prodotti del valore di milioni di dollari per i suoi 60 milioni di cittadini. “Dovreste essere fermi. Le vaccinazioni sono pericolose. Se l’uomo bianco fosse stato in grado di inventare le vaccinazioni, avrebbe già trovato un vaccino per l’AIDS; avrebbe già trovato un vaccino [per] la tubercolosi; avrebbe già trovato un vaccino per la malaria; avrebbe già trovato un vaccino per il cancro”, aveva avvertito Magufuli nel gennaio 2021. Magufuli, un ex insegnante di chimica, ha anche cestinato i test PCR dimostrando come una capra e un frutto di papaia sono risultati entrambi positivi al Covid-19. Il punto di vista di Magufuli sui test PCR è condiviso dall’avvocato internazionale Dr Reiner Fuellmich che ha lanciato una storica class action in Germania e negli Stati Uniti contro Christian Drosten e gli altri scienziati che hanno creato il protocollo di test PCR utilizzato per “diagnosticare” il Covid-19. Il presidente John Magufuli della Tanzania. Wikipedia Nel novembre 2020, una corte d’appello in Portogallo aveva stabilito che “il processo PCR non è un test affidabile per la SARS-CoV-2, e quindi qualsiasi quarantena forzata basata su questi risultati è illegale”. I giudici, Margarida Ramos de Almeida e Ana Paramés, hanno fatto riferimento a diverse prove scientifiche che dimostrano che nei test PCR con 35 cicli o più la precisione scende al tre per cento, il che significa che fino al 97 per cento dei risultati positivi potrebbero essere falsi positivi. Nel marzo di quest’anno, un tribunale amministrativo austriaco ha riconosciuto i limiti della PCR e dei test antigenici attualmente in uso, stabilendo che “i test PCR non hanno valore diagnostico”. Questo punto di vista è stato ripreso in aprile da un tribunale tedesco a Weimar, affermando che i test PCR non erano “adatti a determinare un'”infezione” con il virus SARS-CoV-2″. Ha anche ordinato la revoca di varie restrizioni nella regione. Il Burundi è stato il secondo paese africano a rifiutare le iniezioni di Covid nel febbraio di quest’anno. Il ministro della salute della nazione africana, Thaddee Ndikumana, ha detto ai giornalisti che la prevenzione è più importante, e “poiché più del 95% dei pazienti si sta riprendendo, stimiamo che i vaccini non siano ancora necessari”. Il defunto presidente del Burundi Pierre Nkurunziza è stato aspramente criticato per non aver avanzato la nozione di iniezioni contro la SARS-CoV-2. Notevolmente, l’attuale presidente Evariste Ndayishimiye ora descrive il virus come il “peggior nemico” del Burundi. Nei paesi più vaccinati, come Israele, il Regno Unito o le Seychelles, e soprattutto a Gibilterra che vanta un tasso di vaccinazione del 100%, la presunta variante delta raddoppia ormai ogni 3 giorni. Forse i 23 casi attuali non sono significativi, ma 23 casi in una zona con 35 000 abitanti è l’equivalente di 45 000 casi al giorno in un paese come la Francia. Ed è passato più di un mese e mezzo da quando il 100% della popolazione di Gibilterra è stata vaccinata con due dosi. Questo “paradiso” per i vaccinati giustifica l’esitazione degli africani a partecipare all’esperimento di massa.

Nessun commento:

Posta un commento