L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 25 agosto 2021

L'Occidente privato dall'identità/spiritualità soccombe all'Islam non dei talebani ma dei cosiddetti profughi

“Gli afgani commettono più stupri di tutti gli altri profughi”

Maurizio Blondet 24 Agosto 2021

L’esperienza austriaca

Poche settimane fa, la città austriaca di Tulln ha dichiarato un punto fermo a qualsiasi ulteriore ammissione di rifugiati. Come ha chiarito il sindaco, quella decisione era rivolta agli afgani, ma per motivi legali e amministrativi non poteva che essere promulgata in modo generale. Il punto di svolta, dopo una serie di incidenti inquietanti tutti provenienti da afgani, è stato il brutale stupro di gruppo di una ragazza di quindici anni, strappata dalla pubblica via mentre tornava a casa, trascinata via e abusata in serie da rifugiati afgani.

“Tempo prima, a Vienna, una giovane studentessa turca che era lì in scambio culturale era stata inseguita in un bagno pubblico da tre rifugiati afgani. Hanno bloccato la porta e hanno proceduto ad attaccarla selvaggiamente. Afferrandola per il collo, le hanno sbattuto ripetutamente la testa contro un water di porcellana per metterla KO. Quando ciò non è riuscito a spezzare la sua disperata resistenza, si sono alternati nel tenerla ferma e violentarla. La giovane ha avuto bisogno di un ricovero in ospedale, dopodiché – troppo traumatizzata per riprendere gli studi – è fuggita a casa in Turchia, dove continua a essere depressa e infelice, incapace di elaborare quanto accaduto e incapace, in una società musulmana conservatrice, di parlare di la sua esperienza a chiunque.

“Da Österreich, il quotidiano distribuito gratuitamente sui mezzi pubblici e quindi letto, in fondo, da quasi tutti. Prima pagina: Afghano (diciotto anni) attacca una giovane donna al Festival del Danubio. “Ancora una volta c’è stato un tentativo di stupro da parte di un afghano. Una turista slovacca di ventun anni è stato assalita e palpeggiata da un gruppo di uomini. È riuscita a scappare, ma è stata inseguita da uno di loro, un richiedente asilo afghano che l’ha catturata e trascinata tra i cespugli. Poliziotti in borghese nelle vicinanze hanno notato la colluttazione e sono intervenuti per impedire lo stupro all’ultimo momento”. Pagina dieci: “Un afgano di venticinque anni ha tentato di violentare una giovane donna che stava prendendo il sole nel parco. Quattro coraggiosi passanti hanno trascinato via l’uomo dalla vittima e l’hanno trattenuto fino all’arrivo della polizia”. Pagina dodici: “Due afgani sono stati condannati per aver tentato di violentare una donna su un treno a Graz. Gli uomini, che vivono in una residenza per richiedenti asilo, hanno prima insultato la giovane donna con commenti verbali oscene prima di aggredirla. Quando ha gridato per chiedere aiuto, i passeggeri di altre parti del treno si sono precipitati in suo aiuto”.

“….Attacchi feroci e senza preamboli a ragazze e donne casuali, spesso commessi da bande o branchi di giovani uomini. All’inizio, gli incidenti furono minimizzati o messi a tacere: nessuno voleva fornire all’ala destra un pretesto, e la speranza era che si trattasse di casi isolati causati da un piccolo gruppo problematico. Con l’aumentare degli incidenti, e poiché molti di essi si sono svolti in pubblico o perché il pubblico è stato coinvolto nel fermare l’attacco o nell’aiutare la vittima in seguito, e perché i tribunali hanno iniziato a emettere sentenze mentre i casi venivano portati in giudizio, la questione non poteva più essere nascosta sotto il tappeto del politicamente corretto. E con il riconoscimento ufficiale e il resoconto pubblico, è emersa una nota strana e sconcertante. La maggior parte degli assalti sono stati commessi da rifugiati di una particolare nazionalità: gli afgani.”

Sono alcuni degli episodi riportati da Cheryl Benard nel lungo articolo “Ho lavorato con i rifugiati per decenni. L’ondata di crimini afghani in Europa è sbalorditiva”, apparso su The National Interest. “Non è stato facile per me scriverlo”, dice: “Ho lavorato su questioni relative ai rifugiati per gran parte della mia vita professionale, dai campi pakistani durante l’occupazione sovietica dell’Afghanistan allo Yemen, Sudan, Thailandia, Etiopia, Gibuti, Libano, Bosnia, Nicaragua e Iraq, e nutro profonda simpatia per il loro difficile destino. Ma da nessuna parte avevo incontrato un fenomeno come questo. Avevo visto rifugiati intrappolati in circostanze che li rendevano vulnerabili allo stupro, da guardie del campo o soldati. Ma perché i profughi diventassero autori di questo crimine nel luogo che aveva dato loro asilo? Era qualcosa di nuovo”.

Perché sta succedendo? – si chiede l’autrice – E perché gli afghani? .

Questi giovani, secondo una teoria, provengono da un paese in cui le donne sono semplici sagome scure completamente nascoste sotto burqa pieghettati. Di fronte a ragazze in canottiera e pantaloncini corti, perdono la presa sulla sanità mentale e i loro ormoni scappano con loro. Questa teoria non regge. Di nuovo, la stessa reazione dovrebbe poi essere mostrata anche da altri giovani provenienti da società islamiche rigide dove la segregazione di genere è la norma; perché solo gli afgani dovrebbero reagire in questo modo? E come si spiegano casi come quello della pensionata settantadue anni, a spasso con il cane quando è stata aggredita, picchiata e violentata da un giovane afghano? O lo scolaro, rapito e stuprato di gruppo in Svezia da un gruppo di afgani?

“Una altra teoria, più convincente e piuttosto inquietante, quella che avanza il mio amico afghano, il traduttore per i tribunali. Sulla base delle sue centinaia di interazioni con questi giovani nella sua opera professionale negli ultimi anni, crede di aver scoperto che sono motivati ​​da un profondo e costante disprezzo per la civiltà occidentale. Per loro gli europei sono il nemico e le loro donne sono un legittimo bottino, come tutte le altre cose che si possono prendere loro: alloggio, denaro, passaporti. Le loro leggi non contano, la loro cultura non è interessante e, alla fine, la loro civiltà sta per morire sotto l’orda di cui loro sono l’avanguardia. Non c’è bisogno di assimilarsi, integrarsi, o lavorare sodo, o cercare di costruirsi una vita decente qui: questi europei sono troppo molli per punirti seriamente per una trasgressione.

E non sono solo i crimini sessuali, osserva il consulente dei tribunali. Questi possono agitare di più il sentimento pubblico, ma l’abuso deliberato e lo sfruttamento disonesto del sistema di welfare è altrettanto causato da un simile disprezzo. I rifugiati afgani, dice, hanno una particolare propensione a giocare il sistema: mentire sulla loro età, mentire sulle loro circostanze, fingere di essere più giovani, essere portatori di handicap, appartenere a una minoranza etnica quando anche l’occhio stanco di un giudice austriaco sa distinguere le delicate fattezze di un Hazara da quelle di un Pashtun.

“Nel corso della mia ricerca – continua la Benard – ho incontrato trentenni con famiglia in Austria che si spacciavano per “minori non accompagnati”. Ho incontrato persone che hanno esibito le cicatrici di un vecchio incidente stradale come prova che erano stati torturati. So di una famiglia afgana emigrata in Ungheria vent’anni fa; i bambini sono nati lì e hanno frequentato le scuole ungheresi. Quando è scoppiata la crisi dei rifugiati, allettata dalla notizia di tutti i benefici associati, questa famiglia ha deciso di assumere una nuova identità e di dirigersi verso la Svezia con la scusa di essere nuovissimi rifugiati. Affermando di aver perso i documenti durante il loro “volo”, si sono registrati con nuovi nomi falsi e hanno ridotto l’età dei loro figli; la madre si dichiarò vedova. Ora sistemati in un comodo alloggio libero. Col marito, fatto passare per “zio”.

I sistemi legali occidentali sono procedurali, operano sulla base di regole e diritti e forme e documenti e ti considerano innocente fino a prova contraria. Non c’è voluto molto ai rifugiati per capire come sfruttare questo a loro vantaggio. “Stanno lì, calvi, grigi alle tempie, e insistono sul fatto che hanno diciotto anni”, mi ha detto un esasperato pubblico ministero austriaco. Avendo “perso” i loro documenti, l’unico modo per confutare anche l’affermazione più palesemente assurda è attraverso costosi test di laboratorio. Una volta messo piede in Europa, sarà quasi impossibile liberarsi di te; infatti, puoi letteralmente commettere un omicidio. Se un tribunale ti dichiara colpevole di stupro, devi solo sostenere che se vieni rimandato a casa, la tua società conservatrice ti ucciderà per l’atto disonorevole—allora non puoi essere spedito fuori, perché la legge dell’UE vieta l’estradizione se così facendo a rischio la vita dell’individuo. E gli assassini non possono essere rimandati in paesi che hanno la pena di morte o un sistema giudiziario noto per essere duro.

L’articolo di Cheryl prosegue con un invito alla “sinistra deve riflettere un po’, ad essere meno calorosi, confusi e sentimentali” di fronte al problema dei profughi afghani. “Ogni rifugiato e richiedente asilo in arrivo deve essere sottoposto a un rigoroso controllo dei fatti della sua storia, inclusa la convalida dell’età dichiarata mediante test di laboratorio in caso di dubbio. Sì, è fastidioso e costoso, ma non così fastidioso e costoso come far entrare le persone sbagliate sistemare centinaia di migliaia di stranieri in modo permanente con il sussidio a cui non hanno diritto. E i paesi europei devono condividere tra loro i dati risultanti e le identità devono essere collegate alle impronte digitali, non a documenti di dubbia autenticità o addirittura a nessun documento”.

L’articolo di Cheryl Benard, molto lungo, può essere letto integralmente qui:


Una lettura che vorremmo consigliare ai politici: qui siamo di fronte a un tipo di rifugiato, direi ad un tipo umano, di scorza ancor più dura, feroce ed estranea dai “nostri valori” dei maghrebini o africani. Senza nessun interesse a lasciarsi “integrare”. Questa “specialità” dei giovani afghani come violentatori di massa spiega due cose:

Una, che il premier austriaco Sebastian Kurz è stato il primo a gridare


Sono assolutamente contrario! “L’Austria ha dato un contributo sproporzionato”. Infatti, l’Austria ospita “44.000 afgani dall’inizio della crisi migratoria, il che significa che abbiamo una delle più grandi comunità afgane pro capite al mondo dopo Iran e Pakistan”, ha aggiunto.

Ma ciò spiega il motivo profondo del burka, del perché in Afghanistan, e solo lì fra i paesi islamici anche rigoristi, sia stata imposta alla donna la copertura del volto e la grata che non lascia vedere gli occhi. C’è qualcosa di più duro, primodialmente violento, nel carattere delle etnie afghane, che esige una simile “protezione” della sessualità femminile?


Nessun commento:

Posta un commento