L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 22 ottobre 2021

I sionisti gentaccia

Israele ha deciso di approvare 3.000 nuove case di insediamento e 1.300 case palestinesi

Tacito Udinese 12 ore ago 5 min read


La prossima settimana, Israele presenterà la costruzione di più di 3.000 case di insediamento e circa 1.300 case palestinesi nell’Area C della Cisgiordania, secondo un programma settimanale pubblicato dal Comitato di pianificazione dell’amministrazione civile.

Questa sarà la prima volta che verranno approvate unità di insediamento durante l’amministrazione Biden e l’attuale governo israeliano. La radio pubblica Kan ha detto che il piano era originariamente previsto per l’approvazione due mesi fa, ma è stato bloccato dall’amministrazione civile.

Le case degli insediamenti saranno a Rivava, Kedumim, Elon Moreh e Karnei Shomron, e le comunità a Gush Etzion e le colline di Hebron.

L’Area C costituisce circa il 60% della Cisgiordania ed è interamente sotto il controllo amministrativo e di sicurezza israeliano. Israele raramente approva la costruzione palestinese nell’Area C, con la stragrande maggioranza delle richieste respinte. Ciò ha portato a una costruzione illegale dilagante, che viene spesso demolita da Israele.

Tra il 2016 e il 2018, il ministero della Difesa ha approvato solo 21 delle 1.485 domande palestinesi di permessi di costruzione nell’Area C, con un tasso dello 0,81%.

Nel 2019, il gabinetto di sicurezza ha approvato – in linea di principio – 700 permessi di costruzione per i palestinesi in quello che è stato ampiamente visto come uno sforzo per impedire all’Alta Corte di giustizia di impedire ulteriori demolizioni di proprietà palestinesi sulla base dell’impossibilità per i palestinesi. Per costruire legalmente e allontanare le critiche internazionali contro Israele per la sua incapacità di consentire la costruzione palestinese.

ma, Indagine da The Times of Israel l’anno scorso ha scoperto che pochissimi di questi permessi di costruzione erano stati effettivamente rilasciati.

Edifici in costruzione a Mishor Adumim, una zona industriale israeliana adiacente all’insediamento di Ma’ale Adumim, in Cisgiordania, Gerusalemme est, 16 giugno 2020 (Ahmad Gharabli/AFP)

La maggior parte della comunità internazionale considera la costruzione di insediamenti una violazione del diritto internazionale. L’amministrazione Trump ha annunciato nel 2018 di non ritenere che fosse così e ha sostenuto Israele, che rifiuta la posizione in cui il territorio è occupato, affermando che è stato catturato dalla Giordania in una guerra difensiva.

L’attesa approvazione per la costruzione arriva un mese dopo che un funzionario del governo israeliano ha dichiarato al Times of Israel che, nonostante il cambio di amministrazione a Washington, Le politiche di costruzione degli insediamenti israeliani rimarranno sostanzialmente invariate.

Il funzionario ha affermato che il nuovo governo del primo ministro Naftali Bennett opererà sulla base delle intese raggiunte dal suo predecessore Benjamin Netanyahu con Trump, la cui amministrazione ha permesso a Israele di continuare a costruire insediamenti in tutta la Cisgiordania, purché la costruzione non si espanda oltre le comunità. “impronte esistenti”.

Questo accordo ha consentito la costruzione di insediamenti missilistici durante l’era Trump, con progetti approvati al di fuori della Linea Verde quasi il doppio rispetto al secondo mandato dell’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama.

“Il [Trump-era] L’intesa può essere adattata, ma finora è ancora l’unico gioco in città”, ha detto il funzionario.[US] Presidente [Joe] Biden ha parlato solo in generale della sua opposizione alla costruzione di insediamenti e il suo team non è entrato nei dettagli con noi”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden (a destra) stringe la mano al primo ministro Naftali Bennett mentre si incontrano nell’Ufficio ovale della Casa Bianca, venerdì 27 agosto 2021, a Washington, DC. (Foto AP/Evan Vucci)

Il funzionario ha affermato che Bennett è consapevole della delicatezza della questione e ha ritardato la riunione del Comitato di pianificazione dell’amministrazione civile, in modo che non coincida con la sua visita a Washington in agosto.

Allo stesso tempo, Bennett è stato chiaro nel suo incontro con Biden che il suo governo avrebbe continuato a consentire lo sviluppo degli insediamenti esistenti, ha detto il funzionario, aggiungendo che il primo ministro aveva promesso di non annettere nessuna terra della Cisgiordania.

Le dichiarazioni sembrano differire dai commenti fatti da un funzionario del ministero della Difesa guidato da Benny Gantz, che ha dichiarato a The Times of Israel prima dell’incontro Bennett-Biden che Israele avrebbe cercato di dare la priorità alla costruzione nei cosiddetti blocchi vicino alla Linea Verde che Israele vorrebbe preservare in ogni futuro accordo con i palestinesi.

Sebbene non ancora approvato, l’elenco dei progetti all’ordine del giorno del sottocomitato per la pianificazione dell’amministrazione civile include progetti negli insediamenti di Har Bracha e Beit El, entrambi situati nel profondo della Cisgiordania.

Jacob Magid ha contribuito a questo rapporto.

Nessun commento:

Posta un commento