L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 20 ottobre 2021

L'influenza covid si può curare a casa e non come in Italia con la VIGILE ATTESA e la tachipirina

Nebraska: OK a ivermectina/idrossiclorochina

Categoria: Medicina & Salute Pubblicato: 18 Ottobre 2021 


Il ministro di giustizia del Nebraska, Doug Peterson, ha stabilito che da oggi i medici del suo stato possono usare ivermectina e idrossiclorochina nella cura dei pazienti Covid.

Nella sua dichiarazione, il ministro ha affermato che “non è il suo ruolo quello di decidere quale sia la migliore cura per il covid”, ma che “le prove scientifiche disponibili a favore dei due medicinali off-label sono sufficienti per autorizzarne l’uso ai medici che vogliano prescriverli”

Peterson ha aggiunto che permettere ai dottori di utilizzare queste cure nella fase precoce della malattia potrebbe aiutare a salvare molte vite, mantenendo nel contempo i pazienti lontani dagli ospedali.

Peterson ha citato numerose ricerche che mostrano come ivermectina e idrossiclorochina possano ridurre la mortalità fino al 75%, se usate sia in maniera preventiva che come profilassi, ed ha suggerito che centinaia di migliaia di vite avrebbero potuto essere salvate, in America, se questi medicinali fossero stati usati diffusamente.

Nella sua dichiarazione Peterson ha scritto: “Per quanto la FDA fosse preoccupata dalle vicende di alcune persone che hanno usato la formulazione veterinaria dell’ ivermectina, non abbiamo trovato nessuna base scientifica perché questo medicinale dovesse essere condannato anche per l’uso umano”.

In altre parole, il ministro di giustizia del Nebraska ha scavalcato la narrazione della FDA - che metteva in guardia dall’uso dell'ivermectina - dando il permesso ai suoi medici di utilizzarla liberamente con i loro pazienti.

Da noi invece abbiamo ancora gente come Cecchi Paone o Ilaria Capua che vanno in televisione a raccontarci, ridacchiando, che si tratta di un “medicinale per cavalli”.

Nessun commento:

Posta un commento