L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 6 ottobre 2021

Putin si è messo d'accordo con Erdogan, un'altra parte della Siria verrà liberata da mercenari

Come Putin ha convinto Erdogan a ritirarsi da Idlib…

Maurizio Blondet 1 Ottobre 2021

Dopo un incontro fra Putin ed Erdogan a Soci, dopo il quale il russo s’è rallegrato di aver trovato “un compromesso” col turco, la Turchia sta cominciando a ritirare le sue forze da Idlib

Da Avia.pro: “Secondo fonti siriane, in seguito al ritiro di carri armati e altri mezzi corazzati turchi dall’area di Idlib situata a sud dell’autostrada M4, i militari turchi sono stati evacuati questo pomeriggio. Per questo sono stati utilizzati camion militari e veicoli corazzati leggeri. È a questo motivo che è collegata l’assenza di bombardamenti massicci da parte delle forze aerospaziali russe. Ciò è confermato da precedenti informazioni secondo cui la parte turca non è riuscita a ottenere un risultato positivo nei negoziati con la Russia.

E’ noto che gli aerei militari russi hanno sorvolato Idlib questo pomeriggio, tuttavia non sono stati effettuati attacchi. Ciò è probabilmente dovuto al desiderio della Turchia di ritirare le sue forze senza perdite.

Tuttavia, gli esperti richiamano l’attenzione sul fatto che il Cremlino ha sottolineato l’impegno delle due parti a rispettare gli accordi su Idlib. Nel frattempo, è stato riferito che la lotta contro i terroristi è stata intensificata. Ciò indica che l’operazione militare su grane scala siriano-iraniana con l’appoggio aereo russo a Idlib, annunciata una settimana fa, avrà ancora luogo “.

Perché Erdogan si ritira, contrariamente a tutte le previsioni? Perché deve aver ottenuto da Putin qualcosa di grosso.

Infatti esce la notizia:

Erdogan allarma gli alleati della NATO: “Putin ha accettato di produrre insieme motori a reazione, navi da guerra e sottomarini”

Dal vertice di Sochi di mercoledì tra il russo Vladimir Putin e il turco Recep Tayyip Erdogan sono emerse alcune iniziative concordate inaspettate e sorprendenti che cattureranno sicuramente l’attenzione dell’Occidente, dato che la Turchia comprende il secondo esercito della NATO – anche in considerazione del precedente S-400 e F-35 che ha provocato stallo con Washington.

E’ stato il primo vertice faccia a faccia dei due leader in un anno e mezzo, anche mentre aumentano le tensioni tra i due paesi sulla politica siriana. Il loro incontro a Sochi è stato lungo , della durata di circa tre ore. Una successiva dichiarazione da parte turca ha indicato che la Russia ha accettato di produrre congiuntamente motori a reazione, navi da guerra e sottomarini – un enorme sviluppo rivelato dall’agenzia statale Anadolu

Mentre il comunicato stampa russo dell’incontro è vago, il presidente Erdogan ha divulgato alcuni dei dettagli chiave discussi con Putin ai giornalisti turchi che lo accompagnavano durante il viaggio di ritorno. “Ad esempio, abbiamo discusso i passi per costruire un secondo e un terzo reattore nucleare “, ha detto , facendo riferimento al reattore nucleare di Akkuyu costruito in Russia nel sud della Turchia.

Erdogan ha anche sottolineato che non c’era modo di tornare indietro dall’acquisto del sistema di difesa russo S-400, che gli Stati Uniti avevano aspramente criticato. L’anno scorso, sotto l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni alla Turchia, membro della NATO, per l’acquisto dell’S-400. Gli Stati Uniti vedono la difesa missilistica russa come una minaccia per la NATO.

Erdogan ha anche criticato il sostegno degli Stati Uniti alla milizia curda YPG in Siria, che elenca la Turchia come un’organizzazione terroristica. Che Washington stia facendo causa comune con i “terroristi” “mi preoccupa seriamente”, ha detto Erdogan. Prima o poi gli Stati Uniti avrebbero dovuto lasciare la Siria. Spera di incontrare il presidente degli Stati Uniti Joe Biden al vertice del G-20 a Roma alla fine di ottobre. Erdogan si era solo lamentato del deterioramento delle relazioni con gli Stati Uniti la scorsa settimana e aveva detto di non essere partito bene con Biden”.

Se funziona, questo è un altro colpo inferto alla NATO e alla UE, dopo quello assestato dagli anglo con AUKUS: Putin sta riuscendo a sistemare coi governi “asiatici” un nuovo assetto geostrategico, quale ha già cominciato a delineare nell’ultima riunione della Shanghai Cooperation Organization (SCO): un cordiale accordo permanente di paesi “sovrani ed eguali”.

Tutavia, un altro punto di crisi si sta aprendo, di Turchia contro Iran, con la prima in aiuto dell’Azerbaigian turcofono:

“La Turchia sta spostando l’equipaggiamento militare al confine con l’Iran in risposta alle esercitazioni militari su larga scala del Corpo della Guardia rivoluzionaria islamica iraniana al confine con l’Azerbaigian, secondo quanto riportato dai media azeri”.

Nessun commento:

Posta un commento