L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 23 ottobre 2021

Se non sono euroimbecilli non siedono a Bruxelles

Migliaia di minatori polacchi scendono in Lussemburgo per protestare contro l’UE

Maurizio Blondet 22 Ottobre 2021

Solidarność protesta contro la sentenza della Corte di giustizia che ordina alla Polonia di pagare multe giornaliere per essersi rifiutata di chiudere la miniera di carbone

Migliaia di minatori polacchi sono scesi in Lussemburgo venerdì per una marcia di protesta, che si è svolta pacificamente in mezzo a un’enorme presenza di polizia, contro una sentenza della più alta corte dell’UE che ordinava la chiusura di una miniera nel loro paese.

Membri e sostenitori del sindacato Solidarność, che ha chiamato la protesta, sono arrivati ​​nel Granducato in pullman carichi dalla Polonia, indossando giubbotti ad alta visibilità con lo slogan “Giù le mani da Turów”, suonando i clacson e sventolando bandiere e cartelli.

La Corte di giustizia di Kirchberg ha stabilito il mese scorso che la Polonia deve pagare 500.000 euro al giorno alla Commissione europea per essersi rifiutata di interrompere temporaneamente il lavoro nella miniera di Turów, vicino al confine con la Repubblica Ceca, che si è lamentata dei danni che la miniera provoca all’ambiente

“Vogliamo dare un messaggio alla comunità internazionale, che è ingiusto per i minatori e il nostro obiettivo principale è quello di impedire la chiusura della miniera,” Jaroslaw Grzesik, uno dei principali organizzatori della manifestazione, ha detto al Lussemburgo tempi attraverso un traduttore. “Non è vero accusare la miniera di avere un impatto ambientale negativo. La nostra miniera non ha un tale impatto.”

Il sindacato polacco Solidarność è noto per il suo ruolo nel rovesciare il governo comunista del paese. Il Lussemburgo si era preparato all’aumento delle tensioni durante la protesta con circa 840 agenti di polizia coinvolti, compresi agenti di unità come la polizia speciale, la polizia aeroportuale e la polizia giudiziaria.

Sono stati dotati di veicoli militari, cani e supporto aereo e hanno installato barricate di filo spinato mentre la polizia belga ha fornito cannoni ad acqua e due veicoli simili a mezzi corazzati militari. Gli ufficiali hanno anche installato barricate di filo spinato attraverso l’area di Kirchberg intorno alla Corte di giustizia europea, dove è iniziata la protesta, e davanti all’ambasciata ceca.

“Come risultato della decisione completamente insensibile della Corte di giustizia dell’UE di chiudere la miniera di Turów, stiamo affrontando la perdita di centinaia di migliaia di posti di lavoro, la paralisi di un’intera regione e la spinta di noi stessi e dei nostri famiglie in povertà energetica e indigenza”, si legge in un volantino distribuito dai manifestanti.


Venerdì, in un comunicato stampa, un portavoce della Corte di giustizia europea ha affermato che il caso Turów è ancora in corso e che l’ordine di sospensione delle attività della miniera è una misura provvisoria.

Giovedì, la Polonia ha presentato un’istanza formale alla Corte di giustizia europea chiedendo la revoca dell’ordinanza, una richiesta che la più alta corte dell’UE ha definito “in esame”.

La protesta di venerdì “si è svolta senza incidenti di rilievo”, ha detto un portavoce della Corte di giustizia europea. “Le autorità lussemburghesi hanno adottato misure speciali per proteggere il perimetro degli edifici della Corte in considerazione del numero previsto di manifestanti”, ha aggiunto. “La continuità dell’attività dell’istituto è stata pienamente assicurata”.

La manifestazione pianificata è avvenuta sullo sfondo di una più ampia discussione tra la Polonia e l’Unione europea su questioni come lo stato di diritto e i diritti LGBTQ, con il blocco che ha minacciato di trattenere i finanziamenti dovuti al paese in risposta.

La scorsa settimana il governo nazionalista polacco ha cementato in legge una sentenza che sfida l’ordinamento giuridico dell’UE affermando che la legge polacca può prevalere su di esso. Questa mossa è avvenuta lo stesso giorno in cui è stato discusso un caso presso la Corte di giustizia in cui la Polonia ha presentato ricorso contro un meccanismo istituito a gennaio che consente all’UE di trattenere le distribuzioni di bilancio agli Stati membri.

La marcia è iniziata intorno alle 9.30, con i minatori che hanno iniziato la loro protesta alla corte, attraversando il distretto finanziario di Kirchberg, per poi passare all’ambasciata ceca, che si trova subito dopo il ponte della Grand Duchesse Charlotte che porta da Kirchberg a Lussemburgo centro.

Nessun commento:

Posta un commento