L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 23 ottobre 2021

 

Sistemi di guerra elettronica sconosciuti hanno iniziato l’accecamento della base statunitense nella Siria orientale

dal sito russo  AVIA.pro –

Le provocazioni statunitensi contro l’esercito russo e siriano, così come l’aggressione a formazioni iraniane e filo-iraniane sul territorio della Repubblica Araba, sono diventate il motivo dell’inizio del “blocco” della base militare americana nella Siria orientale con l’ausilio di sistemi di guerra elettronica. Al momento, è noto che nell’area della base militare americana nella zona di Al-Tanf sono soppresse quasi tutte le stazioni radar, i sistemi di difesa aerea, le comunicazioni satellitari e un sistema di posizionamento globale. Il discorso, a giudicare dalla zona di disturbo, riguarda un sistema di guerra elettronica abbastanza potente. Il raggio della “zona morta” è di circa 120-150 chilometri e interessa non solo il territorio della Siria, ma anche il territorio dei vicini Giordania e Iraq.

Gli esperti hanno richiamato l’attenzione sul fatto che nella zona Et-Tanf c’è un’interruzione praticamente costante con le comunicazioni mobili e satellitari. Allo stesso tempo, le strutture GPS e una serie di sistemi elettronici direttamente collegati allo scambio di informazioni con i satelliti non funzionano effettivamente nella zona Et-Tanf. Ciò è evidenziato, tra l’altro, dall’impossibilità di tracciare aerei su questa regione, come indicato dai dati dei servizi specializzati.

Gli analisti richiamano l’attenzione sul fatto che l’uso di contromisure elettroniche crea ostacoli molto seri per gli Stati Uniti e un certo numero di altri paesi all’uso di droni e caccia F-35, che devono necessariamente mantenere la comunicazione con diversi veicoli spaziali.
Подробнее на: https://avia.pro/news/neizvestnye-kompleksy-reb-nachali-blokadu-bazy-ssha-na-vostoke-sirii

Truppe russe sono “apparse” in tutto il nord della Siria

Le truppe turche non possono lanciare un’offensiva in Siria a causa della “comparsa” delle truppe russe.

L’esercito turco, che avrebbe dovuto lanciare un’offensiva nella parte settentrionale della Siria, è stato costretto a ridurre l’operazione offensiva e persino a smettere di colpire il territorio delle regioni settentrionali della repubblica araba dopo aver praticamente lungo l’intera linea della zona delle operazioni militari delle forze armate turche “Ramo d’ulivo” e  “Scudo dell’Eufrate »  sono stati schierati i posti di blocco russi. Non ci sono ancora dichiarazioni ufficiali del comando delle forze armate russe su questo punto, tuttavia, secondo alcune informazioni, militari russi potrebbero effettivamente apparire su alcune delle posizioni delle formazioni curde, mentre su altre sono state semplicemente poste bandiere di stato russe. – qualsiasi aggressione in In questo caso, può diventare fatale per la Turchia e per Ankara ufficiale.

 

siria-bandieraNella foto presentata puoi vedere il punto di osservazione nell’area della città di Ain Issa. Secondo le fonti, si tratta del posto di osservazione delle forze democratiche siriane, su cui è stata issata la bandiera dello stato russo. In altre parole, qualsiasi attacco dell’esercito turco diventerà un’aggressione diretta contro la Russia, e dato che qui potrebbe trovarsi anche personale militare russo, è improbabile che Erdogan corra rischi per il bene delle proprie ambizioni, rendendosi conto che la successiva gli attacchi distruggeranno tutte le forze turche nella regione.

I media filo-turchi hanno già definito le azioni dei curdi e della Russia una provocazione contro la Turchia, tuttavia, la parte russa si oppone risolutamente a qualsiasi aggressione turca sul territorio della Siria, di cui Erdogan è già stato chiarito.
Подробнее на: https://avia.pro/news/rossiyskie-voyska-poyavilis-na-vsey-territorii-severnoy-sirii

 

L’esercito turco fornisce armi alle reti terroristiche.

“La Turchia ha   inviato  nelle ultime ore un nuovo convoglio composto da 31 veicoli carichi di armi, munizioni e materiale logistico per supportare le reti terroristiche  a Idleb e nei suoi sobborghi”, informa l’agenzia Sana giovedì 21 ottobre 2021.

 

Secondo l’agenzia  statale siriana, “fonti hanno sottolineato che un certo numero di veicoli” dell’esercito turco “trasportavano armi di qualità alle reti terroristiche, compresi i lanciatori termici anti-corazza prodotti dall’esercito turco. ‘NATO e vari anti- sistemi aerei con lo scopo di ostacolare le operazioni dell’esercito arabo siriano per liberare la città di Idleb e ciò che resta dei suoi sobborghi sotto il controllo di reti terroristiche affiliate al regime turco, in particolare il Fronte Al-Nosra, iscritto nell’elenco del terrorismo internazionale”. fonte: http: //www.observateurcontinental.fr/? module = news & action = view & id = 3233

Russia e Turchia molto vicine alla guerra in Siria


Nessun commento:

Posta un commento