L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 25 novembre 2021

17 settembre 2019 formalizzata la crisi finanziaria dalla Fed. A gennaio 22 del 2020 proclamato covid, PAURA&TERRORE nuovo metodo di governo dell'Occidente per nascondere l'INSOSTENINILITÀ DEL DEBITO.

Home/Economia/RIFLESSIONE SUI PRIMI UNDICI MESI DEL 2021

RIFLESSIONE SUI PRIMI UNDICI MESI DEL 2021


Il 2019 dimostrò, oltre ragionevole dubbio, tre cose: dopo migliaia di anni, l’economia del debito non era più sostenibile, perchè i rendimenti della gran parte delle attività (esclusa una minoranza legata soprattutto all'approntamento dei beni materiali) non era più in grado di sostenere un’adeguata remunerazione del lavoro o, in alternativa, l’acquisto dei mezzi di produzione risparmia-lavoro, le rendite ovvero i costi immobiliari e finanziari, profitti non inferiori a quelli promessi dai principali canali speculativi; le autorità politiche e le classi dominanti non erano più in grado di indicare soluzioni al problema perchè la principale di esse – vale a dire la immissione di moneta statale non a debito – le avrebbe miseramente spiazzate; la necessità di ingenerare crescente paura e di rappresentare temibili emergenze per evitare di cedere il potere da sempre esercitato e scomparire, finalmente, dalla Storia.
All’inizio fu emergenza climatica, ma, incartocciatosi il fenomeno Tumberg, già all’inizio del 2020, fu scelta quella sanitaria.
Il 2021 ha segnato una diminuzione delle vittime (sia vere, sia presunte, considerando la manipolazione dei dati) e dei cosiddetti contagi, ma gli allarmi medici sono cresciuti: varianti spaventose, asintomatici (soprattutto giovanissimi e bambini) da vaccinare, vaccini sempre meno efficaci (e, tuttavia, non privi di rischi), mistero asfissiante su cure semplici ed efficaci purchè tempestive, silenzio assordante circa le condizioni di salute fisica e psichica della popolazione.
Alla ricerca di emergenze riappare quella ambientale, non si interviene sulla eccessiva cementificazione del territorio, ma si deve dare la colpa dei cataclismi all’acqua piovana; però si sottovaluta il tema di un’emergente inflazione.
In altri tempi, quest’ultima sarebbe stata salutata come un benefico segnale di ripresa; ritengo, invece, che dietro di essa si celi solo una diminuzione della domanda minore di quella dell’offerta.
Quest’ultima deriva da: 1) scelte erronee in campo logistico e organizzativo (è stata data priorità al taglio dei costi, ad esempio a livello delle strutture portuali, in base a valutazioni correnti quando l’economia aveva rallentato evidentemente); 2) molti Paesi – USA e Cina in primis – hanno aumentato le loro importazioni di materie prime più o meno strategiche anche per accumulare o ricostituire scorte ridottesi nel periodo precedente; 3) gli effetti dei mercati futures, sia al rialzo (che portano a scontare aumenti dei prezzi ovvero carenze di offerta), sia al ribasso che spingono a contenere la programmazione di rifornimenti a breve e medio termine; 4) la trappola di un costo dell’energia per produrre energia in assenza della sostituzione di vecchie tecniche con le nuove già disponibili.
Il 2022, pertanto, dovrà confrontarsi con questi temi ovvero 
  1. cambiamento del modello economico, 
  2. intervento di una moneta non a debito, 
  3. ripristino della sovranità popolare (ovvero degli interessi della popolazione) per gli Stati, 
  4. disegno sanitario che dia più spazio al mantenimento in salute dei cittadini, priorità da accordare alle risposte delle esigenze dell’economia produttiva nei confronti della finanza prettamente speculativa.

Nessun commento:

Posta un commento