L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 19 novembre 2021

Gheddafi Saif al-Islam si ri-prenderà la Libia. L'Occidente rancoroso farà di tutto per evitarlo, ma Saif al-Islam è l'unico che rappresenta l'UNITÀ, l'INSIEME

Conversazione con Mohamed Khalifa Nael, capo del Consiglio Sociale della Tribù Qadhadhfa

18 novembre 2021


Di Vanessa Tomassini.

Le tribù fanno parte del tessuto sociale della Libia e hanno spesso giocato un ruolo decisivo nelle dinamiche del Paese nordafricano. Alla luce della candidatura del Dr. Saif Al-Islam Al-Gheddafi, abbiamo raggiunto Mohamed Khalifa Nael, Presidente del Consiglio Sociale della tribù Qadhadhfa, a cui appartiene il figlio del rais.

Grazie innanzitutto per aver accettato quest’invito. La tribù Qadhadhfa chi intende sostenere alle prossime elezioni?

“Senza dubbio, la tribù Qadhadhfa sosterrà il dottor Saif al-Islam Muammar al-Gheddafi. Non solo perché appartiene alla nostra tribù, ma perché possiede le qualità politiche, scientifiche e di leadership che lo qualificano alla guida del Paese”.

Cosa ne pensa della candidatura del Dr. Saif Al-Islam Muammar Al Gheddafi?

“Era previsto ed è il candidato più probabile a vincere”.

A che punto è la riconciliazione nazionale in Libia?

“La riconciliazione nazionale è un importante diritto nazionale che non ha ricevuto la giusta attenzione. E’ stato deliberatamente trascurato dalle successive autorità che hanno governato il paese. L’ultima di queste autorità è l’attuale Consiglio di Presidenza, che ha annunciato, dopo aver preso il potere, l’istituzione di una commissione per la riconciliazione nazionale, poi ha trascurato la questione, rimanendo così com’era. È solo uno slogan per solleticare le emozioni della gente. Nel complesso, da un punto di vista procedurale, tale diritto è ancora ostacolato”.

Esiste una divisione politica all’interno della vostra tribù? Soprattutto per quanto riguarda la candidatura del dottor Saif Al Islam Al Muammar Al-Gheddafi?

“No, non c’è assolutamente nessuna divisione. C’è un ampio consenso sulla scelta del dottor Saif al-Islam Muammar Gheddafi da parte di tutti i figli della tribù”.

Cosa ne pensa della sua scelta di presentare la candidatura a Sabha?

“Una scelta vincente che ha connotazioni storiche e geografiche: la città di Sabha è la capitale del sud e soffre di emarginazione”.

Siete stati avvicinati da altri partiti? E se sì, cosa vi hanno offerto?

“La questione è limitata alle conversazioni. C’è speranza per maggiori opportunità, convergenza e azione congiunta”.

Era nella delegazione che ha incontrato di recente Fathi Bashagha a Misurata?

“No, non ero nella delegazione. Si trattava di un incontro sui prigionieri a Misurata che non ha portato ad alcuna azione in particolare”.

Le elezioni, secondo lei, sono davvero una soluzione alla crisi libica?

“Sì, e la maggior parte dei libici le ha accettate. Questo è il metodo utilizzato nella maggior parte dei paesi del mondo”.

Pensa che tutti i partiti accetteranno i risultati delle elezioni o ci si prepara a combattere un’altra guerra?

“Ciò dipende dalla serietà della comunità internazionale nell'attuazione dell’accordo politico e da quanto sono desiderosi di scoraggiare qualsiasi ostruzionista”.

Cosa ne pensa dell’attuale legge elettorale?

“Anche se include tanti difetti… ma va bene, siamo in crisi”.

È vero che le forze armate arabe libiche (LAAF) da Bengasi hanno impedito alla tribù Qadhadhfa di ricevere delegazioni di altre tribù a Sirte?

“Purtroppo sì, questo è vero e non è accettabile per la tribù Qadhadhfa, come abbiamo detto in una dichiarazione. Tutte le tribù di Sirte sono solidali con noi e ci sostengono. Il divieto è stato respinto in tutti gli ambienti sociali. Stiamo ancora facendo sforzi con le tribù della Sirte per riprendere le visite poiché molte tribù ci hanno chiamato per farci visita”.


Qual è la tua posizione sul ritiro delle forze straniere, combattenti e mercenari?

“La presenza di mercenari in Libia è inaccettabile e vergognosa. Non li accettiamo in primo luogo e abbiamo ripetutamente chiesto la loro uscita”.

Come vede il ruolo della comunità internazionale nell’aiutare i libici a raggiungere elezioni libere e giuste?

“Se le intenzioni sono autentiche e le dichiarazioni sono vere, ci aspettiamo che la comunità internazionale sostenga il processo elettorale”.

E che dire delle politiche di Russia e Turchia in Libia?

“Nelle circostanze che sta attraversando il Paese, tutti i Paesi che interferiscono negli affari libici cercano di raggiungere i propri interessi. Vedono la Libia come una torta e stanno cercando di ottenerne il più possibile”.

Nessun commento:

Posta un commento