L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 27 novembre 2021

Linea rossa - Gli studi esistenti dicono che sono gli adulti che contagiano i bambini

I bambini contagiano gli adulti? Ecco lo studio internazionale che fa chiarezza

di Il Paragone
23 novembre 2021

Il governo italiano in questi giorni si sta accanendo sempre di più sui bambini. Pur di vaccinare anche loro si stanno inventando di tutto: prima hanno detto che sono loro la causa della quarta ondata; poi hanno sostenuto che i più piccoli (che inizialmente non si contagiavano) ora contagiano i più grandi (vaccinati) che finiscono in terapia intensiva e muoiono; nel mentre pensano di non far entrare a scuola gli alunni non vaccinati. Insomma, un vero disastro, l’ennesimo, fondato sul nulla, senza alcune base scientifica a confermare le loro tesi scellerate. Fortunatamente, però, in altre parti del mondo gli studi li fanno e i dati li leggono. E da un recentissimo studio curato da Jonas F. Ludvigsson, e pubblicato dal National Center for Biotechnology Information degli Stati Uniti, emerge che la verità è evidentemente un’altra.

L’autore dello studio, il dottor Jonas F. Ludvigsson (Dipartimento di Epidemiologia Medica e Biostatistica, Karolinska Institutet, Stoccolma Svezia, Dipartimento di pediatria, Ospedale universitario di Orebro, Orebro Svezia, Divisione di Epidemiologia e Salute Pubblica, Scuola di Medicina, Università di Nottingham, Regno Unito, Dipartimento di Medicina, Columbia University College of Physicians and Surgeons, New York), non uno Speranza qualsiasi, ha sostenuto: “La pandemia di coronavirus 2019 (COVID-19) ha colpito centinaia di migliaia di persone. I dati sui sintomi e sulla prognosi nei bambini sono rari”.

Scrive il ricercatore: “È stata effettuata una revisione sistematica della letteratura per identificare i documenti su COVID-19, che è causato dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), utilizzando i database MEDLINE ed Embase tra il 1 gennaio e il 18 marzo 2020. La ricerca ha identificato 45 articoli scientifici e lettere rilevanti. La revisione ha mostrato che i bambini hanno finora rappresentato l’1%-5% dei casi diagnosticati di COVID-19, spesso hanno una malattia più lieve rispetto agli adulti e i decessi sono stati estremamente rari”.

Continua Ludvigsson: “I risultati diagnostici sono stati simili agli adulti, con febbre e sintomi respiratori prevalenti, ma un minor numero di bambini sembra aver sviluppato una polmonite grave. I marcatori infiammatori elevati erano meno comuni nei bambini e la linfocitopenia sembrava rara. I neonati hanno sviluppato COVID-19 sintomatico, ma le prove di trasmissione intrauterina verticale erano scarse. Il trattamento suggerito includeva la fornitura di ossigeno, inalazioni, supporto nutrizionale e mantenimento di liquidi ed equilibri elettrolitici”.

In conclusione Ludvigsson sostiene: “La malattia da coronavirus 2019 si è verificata nei bambini, ma sembravano avere un decorso più lieve e una prognosi migliore rispetto agli adulti. I decessi erano estremamente rari”. Che se le leggano le ricerche al ministero della Salute. Riportiamo qui l’articolo integrale in inglese. Inoltre, un’altra importante autorità, il dottor Eugenio Serravalle, Pediatra specializzato in Pediatria Preventiva e Puericultura e Patologia Neonatale e Presidente di ASSIS (Associazione di studi e informazione sulla Salute), in un’intervista a L’Antidiplomatico, citando il suddetto studio, ha fatto presente: “La credenza che siano i bambini a contagiare gli adulti andrebbe ribaltata. Lo studio ha evidenziato che nelle famiglie con almeno un bambino o un genitore positivi, la combinazione genitore sieropositivo con bambino sieronegativo è stata 4,1 volte più frequente del contrario”.

Nessun commento:

Posta un commento