L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 28 novembre 2021

Linea rossa - l’incidenza dei virus sui bambini e sugli adolescenti è statisticamente irrilevante ma la furia ideologica dei vaccini sperimentali tutto tracima e schianta

APPELLO AI GENITORI – PROTEGGETE I VOSTRI FIGLI

Maurizio Blondet 27 Novembre 2021

Danilo Quinto

Ho riflettuto a lungo prima di scrivere queste righe. Ho anche cercato – invano – di coinvolgere esponenti del cosiddetto mondo cattolico che più di me hanno la possibilità d’informare le persone e di raggiungerle in gran numero. Ho ricevuto risposte vaghe o non risposte.

Ebbene, poichè ritengo che, giunti al punto in cui siamo arrivati, resti solo l’obbligo morale di tentare di SALVARE VITE – per quello che umanamente è possibile fare – dall’azione di un potere che, prima o poi, sarà giudicato dal Tribunale della Storia, non solo da Dio, mi rivolgo da solo a tutti coloro che posso raggiungere. Mi basta con-vincere anche una sola persona tra coloro che leggono.

Tratto una sola questione. La decisione dell’EMA del 25 novembre 2021 di dare il via libera alla vaccinazione dei bambini dai 5 agli 11 anni, alla quale, inevitabilmente, seguirà l’approvazione dell’AIFA.

Tutti gli studi scientifici internazionali – mai citati durante i talk televisivi e sulla carta stampata, asserviti quasi interamente ai diktat del potere – sostengono che l’incidenza dei virus sui bambini e sugli adolescenti è statisticamente irrilevante. Nonostante questo, alcuni Stati, in particolare Stati Uniti e Israele, hanno già iniziato la sperimentazione del farmaco genico chiamato vaccino sui bambini. E’ prevedibile che questo accada presto anche in Italia, prima del Santo Natale.

Il prof. Luc Montaigner, premio Nobel, afferma:

“Fermiamo le vaccinazioni di massa. Non è eticamente accettabile avere delle persone, dei giovani, dei bambini che muoiono. Dobbiamo pensare che se ci fermiamo, salveremo delle vite. Quello che mi spaventa sono i bambini. Stanno per vaccinare i bambini… Questi bambini, forse, moriranno, e se anche muoiono fra 10 o 20 anni, verrà sterminata un’intera generazione! Dunque è in ballo la nostra stessa civiltà. Occorre prendere delle precauzioni oppure andremo dritti verso la catastrofe”.

Il dr. Vladimir Zelenko, sostiene:

“In base ai dati del Center for Discase Control (CDC) i bambini sani di età pari o inferiore a 18 anni hanno un tasso di guarigione del 99,998% da COVID-19 senza alcun trattamento. Perciò non vi è alcuna necessità medica di un vaccino. Soprattutto, un’iniezione di mRNA sperimentale e non approvata che ha dimostrato di avere molti effetti collaterali pericolosi… Qualsiasi governo o individuo che costringe o ordina che i bambini ricevano questa iniezione sperimentale è in chiara violazione del divieto della Convenzione di Ginevra contro la sperimentazione umana coercitiva. Questi sono criminali di prim’ordine e devono essere assicurati alla giustizia per crimini contro l’umanità”.

Vi scongiuro, in nome di Dio: per un elementare principio di precauzione, non fate vaccinare i vostri figli. Assumetevi le Vostre responsabilità per averli fatti venire al mondo. Preservate la loro vita. Non Vi assoggettate e non abbiate paura. Preghiamo insieme la Santa Vergine Maria perché protegga gli innocenti da una sperimentazione di massa che non ha alcuna base scientifica.

Se lo condividete, diffondete quest’appello il più possibile. Inviate la Vostra adesione a pasqualedanilo.quinto@gmail.com.

Nessun commento:

Posta un commento