L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 27 novembre 2021

Risposta all'annullamento del post: Genocidio di massa - L'influenza covid è diventata pandemia grazie ai tamponi farlocchi obbligatori che non riescono a distinguere un raffreddore da un mal di gola da un'influenza. In Italia sono morti solo 4000 persone da covid. Giovani continuano a morire inspiegabilmente ma non c'è correlazione con i vaccini sperimentali

 Ciao

 
come forse già avete visto il post "annullato" è tratto da un articolo che viaggia nel web, l'unica aggiunta da me fatta è stata nel titolo e nel mettere in evidenza alcune parti del discorso dell'autore Paul Graig Roberts


la richiesta di revisione da Voi ricevuta è quindi nei confronti dell'autore e parzialmente nei miei confronti per le sottolineature, richiesta da Voi accolta ed esaudita.
La sostanza delle idee sostenute da Graig e che c'è in atto uno spopolamento voluto, cercato, perseguito dalle autorità mondiali, essenzialmente Occidentali, attraverso la inoculazione "obbligatoria" non obbligatoria dei vaccini sperimentali, porta a sostegno della sua tesi varie argomentazioni e altri pareri. 

Capisco che la cosa possa disturbare questa narrazione ufficiale covid e ad andare a inficiare, scalfire? la pretesa imposta da tutti i mezzi di informazione dell'Occidente in primis la televisione ma tant'è ci sono opinioni dissonanti e hanno la necessità del rispetto anche da parte di chi vuole solo l'omogeneizzazione e che si pretende imporre. 
Capisco che è nel Vostro interesse tirare in ballo che il post è contrario alle Vostre norme, sempre vaghe e comunque interpretabili secondo la necessità da Voi reclamata e pretesa, e questo significa nient'altro che Voi siete parte attiva e consenziente, accompagnatrice di una visione unica, avrete i Vostri interessi da perseguire e mantenere.
Capisco che Voi avete paura che si possa creare un'opinione organizzata che cominci a guardare il TUTTO e possa far crollare come un castello di sabbia tutti i Vostri affari, e vi difenderete con le unghie e con i denti per mantenere intatto il Vostro potere. Abbiamo visto di peggio di molto peggio e la cosa non ci meraviglia affatto.

Ma basta, prendo atto del fatto, so solo che ad ogni azione corrisponde un'azione uguale e contraria, e una interlocuzione con Voi sarebbe, è impossibile, avete in tal senso agito già in precedenza, non Voi personalmente, ma la Vostra organizzazione complessiva e avete tacitato voci molto più eclatanti e importanti della mia su You Tube eliminando filmati costruiti con logica impeccabile che avevano solo il "difetto" di non essere d'accordo sulla narrazione ufficiale covid.

con questo Vi rivolgo cordiali saluti e Vi auguro un ottimo lavoro

antonino caiola

Nessun commento:

Posta un commento