L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 16 dicembre 2021

Eurasia detta le sue regole all'Occidente in crisi strategica

Mai il panorama strategico è stato più inquietante

Maurizio Blondet 16 Dicembre 2021

Alastair Crooke

È la prima volta che altri dettano all’Occidente invece di essere istruiti su come conformarsi alle linee rosse americane.

Ci fu un sospiro di sollievo quasi udibile che echeggiò nei corridoi occidentali. Sebbene non ci siano stati progressi nell’incontro virtuale del Team Biden-Putin, non sorprende che i colloqui siano stati fortemente incentrati sulla questione di immediata preoccupazione: l’Ucraina, tra i timori diffusi che il vulcano ucraino potesse esplodere in qualsiasi momento.

Alla riunione: concordata la proposta di avviare una discussione da governo a governo di “livello inferiore” sulle linee rosse della Russia e qualsiasi arresto dell’espansione della NATO verso est. Jake Sullivan, tuttavia, ha rovesciato un po’ d’acqua su questo quando ha sottolineato con fermezza che gli Stati Uniti non avevano preso impegni su nessuna delle due questioni. Biden (come pubblicizzato in anticipo), ha avvertito di forti misure economiche e di altro tipo se la Russia dovesse intervenire in Ucraina.

Ciò che è stato più notevole, tuttavia, è che gli Stati Uniti stanno “soltanto” minacciando di sanzionare la Russia o di spostare più truppe nella regione, invece di proporre un esplicito intervento militare occidentale e della NATO in Ucraina. In precedenti dichiarazioni, Biden e altri funzionari statunitensi sono stati vaghi su quale sarebbe la risposta di Washington a un’invasione russa: avvertire ripetutamente delle “conseguenze”, anche se si è nuovamente impegnato a favore della sovranità dell’Ucraina.

Allora, dovremmo ricominciare tutti a respirare? In realtà, no. In effetti, l’immediatezza della questione ucraina è sempre stata una falsa pista: la Russia non ha alcun desiderio di guadare il fango denso e stucchevole di un pantano regionale, per quanto alcuni in Occidente lo ‘adorerebbero’. E le forze di Kiev sono stanche, inzaccherate e demoralizzate per essere rimaste per mesi nelle fredde trincee lungo la linea di contatto. Hanno poco appetito per affrontare le milizie del Donbass (a meno che non siano aiutati dall’esterno).

Nulla è stato deciso su cosa fare riguardo alla più ampia distopia oscura che è l’Ucraina – in tutte le sue varie manifestazioni. Il presidente Putin ha sollevato l’accordo di Minsk, ma nessuno, a quanto pare, stava mordendo; la lenza rimase floscia. Né è stato concordato nulla su cosa fare con l’accumulo di macerie di quelle che una volta venivano chiamate “relazioni diplomatiche” USA-Russia. Quest’ultimo termine (relazioni diplomatiche) è ormai solo un misero scherzo.

La celebrazione, quindi, non è d’obbligo. Le fazioni visceralmente anti-Putin negli Stati Uniti e a Kiev sono furiose: un senatore repubblicano degli Stati Uniti, Roger Wicker, ha avvertito che in qualsiasi situazione di stallo sull’Ucraina, “Non escluderei un’azione militare. Penso che iniziamo a sbagliare quando togliamo le opzioni dal tavolo, quindi spero che il presidente tenga quell’opzione sul tavolo”. Alla domanda su cosa comprenderebbe un’azione militare contro la Russia, Wicker ha detto che potrebbe significare “che stiamo alla larga, con le nostre navi nel Mar Nero – e facciamo piovere distruzione sulla capacità militare russa”, aggiungendo che anche gli Stati Uniti non dovrebbero “escludere prima -usare l’azione nucleare” contro la Russia.

Quindi l’Ucraina continua a marcire. Se ora dobbiamo avere una tregua, allora è proprio questo: ‘una tregua’. I “falchi” negli Stati Uniti e in Europa non hanno alzato bandiera bianca: l’Ucraina è un’arma troppo buona per le loro esigenze, per essere messa da parte alla leggera.

Questo focus sulla crisi ucraina, tuttavia, è “vedere gli alberi, ma perdere il bosco”: abbiamo tre mine antiuomo, non una, pronte ad incendiarsi. Tre “fronti”: ciascuno è distinto, ma strettamente correlato, e ora è attraversato da livelli sconosciuti di obiettivi strategici e sincronicità: Ucraina, Taiwan e il vacillante accordo JCPOA – che ora sta scatenando un’angoscia indicibile a Tel Aviv.

Il legno non visto per questi tre alberi risiede nella questione irrisolta dell’architettura di sicurezza europea; architettura di sicurezza del Medio Oriente; e in effetti, dell’architettura di sicurezza globale. L’attuale ordine basato su regole ha superato la data di scadenza: non fornisce né sicurezza né riflette la realtà degli equilibri odierni della Grande Potenza. È diventato un agente patogeno. In poche parole, è troppo fossilizzato nella lietkultur del secondo dopoguerra .

In una recente intervista alla CNN , Fareed Zakaria, ha chiesto a Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza di Biden: Allora, cos’è, dopo tutti i tuoi “paroloni”, che sei stato in grado di essere d’accordo con la Cina; cosa è stato negoziato? “Domanda sbagliata” fu la risposta tagliente di Sullivan. “Metrica sbagliata”, ha detto in tono piatto: non chiedete informazioni sugli accordi bilaterali, chiedete cos’altro ci siamo assicurati. Il modo giusto di pensare a questo, ha detto, è: “ Abbiamo stabilito i termini di una competizione efficace in cui gli Stati Uniti siano in grado di difendere i propri valori e promuovere i propri interessi – non solo nell’Indo-Pacifico, ma intorno al mondo…”.

“Vogliamo creare la circostanza in cui due grandi potenze opereranno in un sistema internazionale per il prossimo futuro – e vogliamo che i termini di quel sistema siano favorevoli agli interessi e ai valori americani: è piuttosto una disposizione favorevole in cui il Gli Stati Uniti e i suoi alleati possono modellare le regole internazionali della strada sul tipo di questioni che fondamentalmente interessano le persone del nostro paese [America] e le persone di tutto il mondo …”.

È questa lietkultur massimalista che ci sta portando a un punto in cui queste tre questioni esplosive insieme rischiano una convulsione fondamentale dell’ordine globale. Devi andare molto indietro nel tempo per trovare un momento in cui il nostro mondo era così vulnerabile a un improvviso cambiamento di fortuna – ciò che Ambrose Evans-Pritchard in The Telegraph definisce “l’incubo dell’Occidente: una guerra su tre fronti”.

Cosa sta succedendo? Beh, è ​​certamente qualcosa di molto ampio. E perché gli Stati Uniti insistono su una posizione così assoluta per l’ordine globale, secondo cui le altre grandi potenze non hanno il diritto di stabilire le proprie linee rosse di sicurezza? Ebbene, è perché… i “quattro cavalieri” delle Grandi Transizioni:

La pandemia – che porta a un sistema di regolamentazione sanitaria globale; l’emergenza climatica – che porta a un regime globale di crediti e debiti per la CO2; la rivoluzione tecnologica e dell’intelligenza artificiale, che ci porta in un’era globale di automazione e “bot” (e perdita di posti di lavoro); e in quarto luogo, la transizione dall’economia classica a quella della moderna teoria monetaria globale che richiede un ripristino globale della montagna di debiti mondiali che non sarà mai rimborsata.

La visione di Sullivan del “futuro prevedibile” è essenzialmente concepita attorno a questo progetto di “ordine superiore”: la conservazione delle “regole della strada” globali, inquadrate per riflettere gli interessi degli Stati Uniti e degli alleati”, come base da cui partire per la frizione delle “transizioni” – salute, cambiamento climatico, tecnocrazia manageriale e monetaria – può essere fatto leva dalla prerogativa parlamentare nazionale, fino a un livello sovranazionale di collettivi di ‘competenza’ manageriali aziendali e tecnologici (privo di responsabilità per il controllo parlamentare nazionale).

Separati in questo modo in sfere come le precauzioni sanitarie, il recupero climatico, la promozione dei “miracoli” tecnologici e l’emissione di denaro separata dalla tassazione, suonano non ideologici e in qualche modo quasi utopici.

Era ben compreso che tutte queste transizioni avrebbero ribaltato modi di vita umani di vecchia data, antichi e profondamente radicati, e avrebbero inevitabilmente innescato la dissidenza – ecco perché nuove forme di “disciplina” sociale e l’usurpazione del controllo dalla responsabilità nazionale, sul piano sovranazionale, è così importante. Certamente non è rendere le persone “felici”, (come per Davos).

Hmmm! … il ventre ideologico di questo reset di “ordine superiore” può essere oscurato alla vista, in quanto apartitico, ma è lui che decide gli standard internazionali, i protocolli, le metriche e le regole per queste transizioni, che è Sovrano – come notò una volta Carl Schmitt.

Sullivan ha almeno l’integrità di essere franco sull’ideologia invisibile al ripristino: “Vogliamo che i termini di quel sistema siano favorevoli agli interessi e ai valori americani: è piuttosto una disposizione favorevole in cui gli Stati Uniti e i loro alleati può modellare le regole internazionali della strada sul tipo di questioni che fondamentalmente riguarderanno le persone del nostro paese [America] e le persone di tutto il mondo …”.

Si tratta qui di qualcosa che chiaramente va ben oltre l’ambito dei vertici Biden con Xi e Putin e dei colloqui JCPOA di Vienna. Il presidente Putin ha avvertito che qualsiasi invasione delle infrastrutture o delle forze della NATO in Ucraina non sarebbe consentita. E che la Russia agisse con decisione per impedirlo. Allo stesso modo, l’Iran ha dichiarato esplicitamente che qualsiasi attacco israeliano ai suoi impianti nucleari non sarà tollerato. Risulterebbe nella distruzione iraniana delle infrastrutture vitali israeliane in tutto il territorio.

E la posizione di Iran e Russia è identica a quella della Cina nei confronti di Taiwan: il presidente Xi lo ha chiarito nel summit virtuale che ha tenuto con Biden il 15 novembre. Xi ha avvertito che qualsiasi mossa di Taiwan per la secessione non è consentita e sarebbe accolta da una risposta militare.

A Vienna, l’Iran ha semplicemente dichiarato le sue “linee rosse”: nessuna discussione sui missili balistici iraniani; nessuna discussione sul ruolo regionale dell’Iran; e nessun congelamento dell’arricchimento – fintanto che non sarà concordato il meccanismo per la revoca delle sanzioni e per garantire la loro non ricorrenza – chiedendo di fatto un ritorno al quadro originario dell’accordo del 2015. L’Iran chiede garanzie vincolanti che le sanzioni non saranno reimpostate arbitrariamente; che la normalizzazione del commercio non sarà nuovamente ostacolata in modo informale contrariamente ai termini dell’accordo, come è accaduto sotto Obama (il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha perseguito la propria politica anti-commercio, in contrasto con quella della Casa Bianca); e che tutte le sanzioni devono essere revocate.

Quello che dovrebbe essere notato qui è il contesto: si noti che la posizione iraniana è quasi identica nel contenuto a quella enunciata dalla Russia, nei confronti degli Stati Uniti, nei confronti dell’Ucraina: la richiesta di Putin a Washington è che gli interessi russi e le “linee rosse” siano formalmente riconosciuto e accettato; che vengano presi accordi giuridicamente vincolanti riguardo alla sicurezza della Russia nell’Europa orientale; e l’assoluta richiesta di non oltrepassare ulteriormente la NATO a est e il veto su qualsiasi infrastruttura NATO esportata in Ucraina.

Questo è molto nuovo: in geopolitica, coincidenze di questa natura non accadono solo spontaneamente. È evidente che le tre potenze sono coordinate strategicamente, politicamente e probabilmente anche militarmente.

Gli stati occidentali sono sbalorditi: è la prima volta che altri comandano loro – stabilendo le loro linee rosse – piuttosto che essere istruiti su come conformarsi alle linee rosse americane. Sono sconcertati e non sanno cosa fare dopo. E, come osserva acutamente Anatol Lieven, alcune azioni avrebbero gravi conseguenze strategiche: “a parte il danno economico globale che deriverebbe da una guerra in Ucraina, e i modi in cui la Cina trarrebbe vantaggio da una tale crisi, l’Occidente ha davvero una ragione molto forte per evitare una nuova guerra: l’Occidente perderebbe”. Lieven continua: “Anche questo rischierebbe di diventare una guerra mondiale; poiché è praticamente certo che la Cina sfrutterebbe una guerra tra Stati Uniti e Russia, minacciando così gli Stati Uniti con il rischio di due guerre contemporaneamente – e la sconfitta in entrambe”.

Per ora, gli Stati Uniti e i loro alleati ripetono i soliti bromuri sul fatto che “tutte le opzioni siano sul tavolo”; di sanzioni paralizzanti e di una coalizione internazionale che si sta formando per esercitare pressioni e opporsi a tale inosservanza. Infatti, senza il rispetto della concorrenza (o l’effettivo isolamento politico e la condanna di questi Stati), il progetto più elevato di elevare queste transizioni apparentemente “non ideologiche” a una sfera sovranazionale i cui standard, protocolli, eccetera (“termini del sistema” in parole di Sullivan) non sarà raggiunto. Non sarà possibile caricare un aggiornamento software “Washington Consensus” quando questi tre stati semplicemente rifiutano le “regole” di Sullivan.

Un reset strategico, tuttavia, non sarà facile. L’occidente è immerso nella guerra dei meme, il che rende ancora più difficile una divisione strategica dell’ordine. Qualsiasi compromesso sulla narrativa che la Russia non può avere le proprie linee rosse; non può dettare se l’Ucraina non aderisce alla NATO; né determinare dove la NATO collochi i suoi missili e armi nucleari, rischia che Biden venga visto come debole. I repubblicani hanno già preventivamente incolpato quella che chiamano la “debolezza” di Biden per aver incoraggiato il “pericoloso avventurismo” da Mosca.

D’altra parte, forse questi due vertici – insieme alla posizione dell’Iran a Vienna – rappresentano l’inizio della fine dell’Ordine delle Regole dell’Occidente, e un conto alla rovescia per un nuovo equilibrio geo-strategico tra i due assi – e, in definitiva, quindi, per la pace o guerra.

Nessun commento:

Posta un commento