L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 1 dicembre 2021

Gazprom vuole vendere ma gli euroimbecilli tedeschi non vogliono mettere in funzione il Nord Stream 2 dopo che l'hanno ideato e aiutato a costruirlo

Perché andiamo verso il blackout?

Maurizio Blondet 30 Novembre 2021

Giorgetti ha appena ammesso che “un blackout non è da escludere” nella situazione attuale, rincaro e scarsità di gas.

Di chi la responsabilità? Guardate verso la NATO che cerca qualunque provocazione per interrompere il gas russo all’Europa per conto degli USA, e alla Germania coi suoi tira e molla su Nord Stream 2. Unarticolo chiarificatore di Pepe Escobar.

Una “tempesta perfetta di aggressione russa durante i prossimi mesi invernali” [secondo Stoltenberg] è quasi inevitabile. Guardalo sul tuo o schermo mentre ti congeli politico-correttamente.

Tanto quanto con la NATO “cerebralmente morta” (copyright Emmanuel Macron) nessuno ha mai perso preziosi beni scommettendo sull’incompetenza, la ristrettezza mentale e la codardia dei “leader” politici in tutta l’UE atlantista.

Ci sono due ragioni principali per l’ultima mossa legale tedesca di sospendere la certificazione del gasdotto Nord Stream 2.
Ritorsione, direttamente contro Bielorussia e Russia, per la UE “colpevoli” del vergognoso dramma dei rifugiati al confine tra Polonia e Bielorussia.
La politica dei Verdi tedeschi.

Un dirigente energetico europeo di alto livello mi ha detto: “questo è un gioco in cui la Germania non ha una mano vincente. Gazprom è molto professionale. Ma immagina se Gazprom decidesse di rallentare deliberatamente le consegne di gas naturale. Il prezzo potrebbe aumentare di dieci volte facendo crollare l’intera UE. La Russia ha la Cina come cliente alternativo. Ma la Germania non ha un piano di emergenza praticabile”.

Ciò si ricollega a una proposta che è su una scrivania cruciale a Mosca per l’approvazione da due anni, come ho riferito all’epoca: un’offerta di 700 miliardi di dollari da parte di una rispettabile società energetica occidentale affinché la Russia dirotta le sue esportazioni di petrolio e gas verso Cina e altri clienti asiatici, lontano dall’UE.

Questa proposta è stata in realtà la ragione chiave per cui Berlino ha contrastato risolutamente la spinta degli Stati Uniti a fermare il Nord Stream 2. Eppure la tortura non si ferma mai. La Russia ora deve affrontare un ulteriore ostacolo: una tassa sul carbonio sulle esportazioni verso l’UE che includono acciaio, cemento ed elettricità. Ciò potrebbe essere esteso al petrolio e al gas naturale.

Ogni essere senziente in tutta l’UE sa che Nord Stream 2 è il percorso più semplice per abbassare i prezzi del gas naturale in tutta Europa, e non la cieca scommessa neoliberista dell’UE di acquistare a breve termine nel mercato spot.

“Stanno per congelare”

Sembra che la Bundesnetzagentur, il regolatore energetico tedesco, si sia svegliata da un sonno profondo giustappunto per scoprire che la società svizzera Nord Stream 2 AG non soddisfaceva le condizioni per essere un “operatore di trasmissione indipendente” e poteva essere certificata solo se era “organizzato in una forma giuridica secondo il diritto tedesco”.

Il fatto che né i tedeschi né l’azienda svizzera se ne fossero accorti durante le lunghe, precedenti, sempre turbolente tappe è molto difficile da credere. Quindi ora sembra che Nord Stream 2 AG dovrà costituire una filiale di diritto tedesco solo per la sezione tedesca del gasdotto.

Allo stato attuale, la società non è “in grado” di commentare i dettagli e soprattutto “i tempi dell’inizio delle operazioni del gasdotto”.

Nord Stream 2 AG dovrà trasferire capitale e personale a questa nuova filiale, che dovrà quindi presentare nuovamente una serie completa di documentazione per la certificazione.

Traduzione: il gas del Nord Stream 2 sarà assente durante il prossimo inverno in Europa e il gasdotto, nella migliore delle ipotesi, potrebbe iniziare a funzionare solo entro la metà del 2022.

E questo si lega certamente all’angolo politico, poiché i regolatori tedeschi stanno di fatto aspettando che emerga la nuova coalizione di governo tedesca, compresi i Verdi : neoliberisti che sono visceralmente anti-Nord Stream e anti-Russia.

L’esecutivo europeo dell’energia non ha usato mezzi termini su uno scenario del tutto possibile: “Se la Germania non ottiene il petrolio e il gas naturale via terra, ora non può creare una posizione di ripiego, poiché non c’è sufficiente capacità di GNL o petrolio per quella materia rifornire l’UE questo inverno. Stanno per congelare. Gran parte della loro economia sarà costretta a chiudere. La disoccupazione aumenterà. Ci vorrebbero quattro anni per costruire capacità di GNL per il gas naturale, ma chi la costruirà per loro?”

La Germania ha zero margine di manovra per dettare le condizioni a Gazprom e Russia. Il gas che Gazprom non venderà al nord Europa sarà venduto all’est e sud dell’Europa tramite Turk Stream, e soprattutto a clienti asiatici, che non ricattano e pagano molto meglio degli europei.

Ciò che è anche chiaro è che se per una decisione politica sbagliata il gas Nord Stream 2 dovesse essere bloccato, le multe che Gazprom dovrà riscuotere dal consorzio europeo che ha chiesto la costruzione del gasdotto potrebbero superare i 200 miliardi di euro. Il consorzio è composto da Engie, Shell, Uniper, Wintershall Dea e OMV.

È in questo contesto che l’offerta sul tavolo di Mosca diventa ancora più di una svolta. L’audace raccomandazione al Cremlino – con il finanziamento già in atto – è che le risorse naturali della Russia, inclusi petrolio e gas naturale, dovrebbero essere reindirizzate verso la Cina, come parte del partenariato strategico Russia-Cina.

La proposta sostiene che la Russia non ha bisogno di scambi con l’UE, poiché la Cina è molto più avanti di loro nelle tecnologie più avanzate. Ciò fornisce certamente a Mosca il sopravvento in qualsiasi negoziato con qualsiasi governo tedesco. Come ho detto all’esecutivo europeo dell’energia, il suo commento conciso è stato: “Dubito che desidereranno suicidarsi”.

È tutta colpa di Putin

Sarebbe troppo aspettarsi dai politici tedeschi ed europei la lucidità del governo serbo, che sta valutando di importare 3 miliardi di metri cubi di gas naturale russo all’anno per 10 anni. Da anni Gazprom dimostra gli aspetti pratici, affidabili e attenti ai costi dei contratti a lungo termine.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, commentando la crisi dei migranti al confine tra Polonia e Bielorussia, ha osservato come “la Polonia si comporta in modo scandaloso, mentre la leadership di Bruxelles applica due pesi e due misure così evidenti e nudi che non possono non capire che sono mettendosi in imbarazzo».

Il caso del Nord Stream 2 aggiunge ulteriori livelli all’autoimbarazzo dell’UE in quanto riguarda il benessere delle popolazioni che già vivono all’interno della Fortezza Europa. Lascia che si congelino, anzi, o paghi una fortuna virtuale per il gas naturale che dovrebbe essere prontamente disponibile.

Come tutti sappiamo, Germania, Nord Stream 2, Ucraina, Bielorussia, è tutto interconnesso. E secondo un pazzo ucraino che trae profitto da una piattaforma atlantista , è tutta colpa di Putin, colpevole di aver condotto una guerra ibrida contro l’UE.

Toccherà alla “risolutezza di Polonia e Lituania” “contrastare la minaccia del Cremlino”. La cornice ideale in questo caso dovrebbe essere il triangolo di Lublino, che unisce Polonia e Lituania con l’Ucraina. Sono questi i lineamenti della nuova cortina di ferro, eretta dagli atlantisti, dal Baltico al Mar Nero, per “isolare” la Russia. Com’era prevedibile, gli atlantisti tedeschi sono una parte cruciale del pacchetto.

Naturalmente, per avere successo, questi attori dovrebbero “cercare anche un maggiore impegno degli Stati Uniti e del Regno Unito”, con ogni movimento che integri “il ruolo della NATO come ultimo garante della pace nella regione”.

Quindi ecco, mortali dell’UE: una “tempesta perfetta di aggressione russa durante i prossimi mesi invernali” è quasi inevitabile. Guardalo sui tuoi schermi mentre ti congeli correttamente.

Pepe ESCOBAR

Analista geopolitico indipendente, scrittore e giornalista

Manco a dirlo, la BBC ha appena riportato le dichiarazioni di un altro grande nemico del Nord Stream 2

Il Primo Ministro della Polonia esorta a “svegliarsi” alla destabilizzazione da parte di Russia e alleati


Mateusz Morawiecki ha detto alla BBC che i recenti eventi hanno mostrato che il Cremlino e gli alleati volevano “cambiare il sistema geopolitico” e “disunire” l’UE.

Ha citato un accumulo di forze russe vicino all’Ucraina, l’impennata dei prezzi del gas e una crisi al confine tra Polonia e Bielorussia.

I suoi commenti arrivano prima di una riunione dei ministri della Nato martedì.

La Nato, che è l’alleanza di difesa più potente del mondo , e i leader dell’UE hanno recentemente accusato la Bielorussia di aver orchestrato una crisi migratoria al confine con la Polonia.

Parlando con l’editore della BBC Europa Katya Adler, Morawiecki ha detto che “non era troppo tardi per agire”, ma potrebbe esserlo tra diversi mesi.

“Potrebbero accadere cose brutte in Ucraina, ad esempio, o potrebbe esserci un altro enorme problema migratorio per l’intera Europa”, ha affermato.

Morawiecki ha affermato di ritenere che “l’autore immediato” dietro la crisi dei confini fosse il leader bielorusso Alexander Lukashenko, ma “ha il suo sponsor, ha il suo principale” al Cremlino, riferendosi al presidente russo Vladimir Putin.

“Tutti i pezzi del puzzle messi insieme non presentano un’immagine molto buona”, ha concluso.

Il primo ministro polacco ha anche detto alla BBC che, nonostante i disaccordi con l’Unione europea, le voci sull’uscita della Polonia dal blocco, noto come Polexit, erano esagerate.

Ha anche negato le accuse che il suo governo stava violando le leggi dell’UE con il suo trattamento dei migranti, le restrizioni all’aborto e le riforme giudiziarie e ha descritto la Polonia come uno stato membro “di buon senso”.

Poco prima, ecco Reuters:
Mosca nega ogni intenzione aggressiva
Putin: Mosca non accetterebbe missili Nato in Ucraina
I ministri dell’Alleanza NATO si incontrano in Lettonia, dove, come il portale Delfi ha riportato lunedì, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha detto dopo un incontro con il presidente lettone Egils Levits che, se necessario, “più di 40.000 militari potrebbero essere inviati in Lettonia con breve preavviso”.

(continua, al freddo)


Nessun commento:

Posta un commento