L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 15 dicembre 2021

Già erano pronti ad azzannare i non vaccinati ma la realtà si è imposta. I vaccini sperimentali non impediscono di contagiarsi, contagiare, ammalarsi

 The Lancet rimprovera coloro che sostengono "pandemia dei non vaccinati"

Tyler Durden's Photo
DI TYLER DURDEN
MERCOLEDÌ 15 DICEMBRE 2021 - 04:07

Molto prima che la stragrande maggioranza dei casi di Omicron fosse tra i vaccinati, e prima che il direttore del CDC Rochelle Walensky ammettesse all'inizio di ottobre che il vaccino Covid-19 non impediscela trasmissione, i funzionari pubblici, gli esperti MSM e i medici delle caffetterie in tutto il paese stavano sputando propaganda insidiosa progettata per far vergognare le persone a prendere il jab.

Che questa è una "pandemia dei non vaccinati".

La frase implica che il vaccino era una panacea contro il Covid-19, e chiunque si rifiutasse di prenderlo non era solo parte del problema ... ma un idiota irresponsabile che non segue la scienza.

In una nota di fine novembre, The Lancet ha pubblicato una lettera di Günter Kampf, un prolifico ricercatore presso l'Università di Griefswald in Germania.

In esso, Kampf escoria assolutamente coloro che chiamano questa una "pandemia dei non vaccinati", tra "crescenti prove che gli individui vaccinati continuano ad avere un ruolo rilevante nella trasmissione".

Leggi sotto:

Negli Stati Uniti e in Germania, funzionari di alto livello hanno usato il termine pandemia dei non vaccinati, suggerendo che le persone che sono state vaccinate non sono rilevanti nell'epidemiologia di COVID-19. L'uso di questa frase da parte dei funzionari potrebbe aver incoraggiato uno scienziato a sostenere che "i non vaccinati minacciano i vaccinati per COVID-19". Ma questa visione è troppo semplice.

Vi è una crescente evidenza che gli individui vaccinati continuano ad avere un ruolo rilevante nella trasmissione. In Massachusetts, negli Stati Uniti, un totale di 469 nuovi casi di COVID-19 sono stati rilevati durante vari eventi nel luglio 2021 e 346 (74%) di questi casi erano in persone che erano completamente o parzialmente vaccinate, 274 (79%) delle quali erano sintomatiche. I valori soglia del ciclo erano altrettanto bassi tra le persone che erano completamente vaccinate (mediana 22·8) e le persone che non erano vaccinate, non completamente vaccinate, o il cui stato di vaccinazione era sconosciuto (mediana 21·5), indicando un'alta carica virale anche tra le persone che erano completamente vaccinate.

Negli Stati Uniti, un totale di 10 262 casi di COVID-19 sono stati segnalati in persone vaccinate entro il 30 aprile 2021, di cui 2725 (26,6%) erano asintomatici, 995 (9,7%) sono stati ricoverati in ospedale e 160 (1,6%) sono morti.

In Germania, il 55,4% dei casi sintomatici di COVID-19 in pazienti di età pari o superiore a 60 anni erano in individui completamente vaccinati e questa percentuale aumenta ogni settimana. A Münster, in Germania, nuovi casi di COVID-19 si sono verificati in almeno 85 (22%) delle 380 persone che erano completamente vaccinate o che erano guarite da COVID-19 e che frequentavano una discoteca.

Le persone vaccinate hanno un minor rischio di malattie gravi, ma sono ancora una parte rilevante della pandemiaÈ quindi sbagliato e pericoloso parlare di pandemia dei non vaccinati. Storicamente, sia gli Stati Uniti che la Germania hanno generato esperienze negative stigmatizzando parti della popolazione per il colore della pelle o la religione. Invito i funzionari e gli scienziati di alto livello a porre fine alla stigmatizzazione inappropriata delle persone non vaccinate, che includono i nostri pazienti, colleghi e altri concittadini, e a compiere sforzi supplementari per riunire la società.

*  *  *

Per ulteriori informazioni su questo, dai un'occhiata al documento di novembre del Kampf che entra in dettagli significativi su come le popolazioni vaccinate stanno diffondendo il Covid a macchia d'olio.

Il relevan... di Zerohedge Janitor

https://www.zerohedge.com/covid-19/lancet-scolds-those-claiming-pandemic-unvaccinated?utm_source=&utm_medium=email&utm_campaign=348

Nessun commento:

Posta un commento