L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 17 dicembre 2021

La Russia ricorda l'umiliazione degli anni novanta

L’ultima “linea rossa” di Vladimir

Per capire meglio la risonanza che queste minacce e  continue provocazioni  occidentali hanno nella mente del presidente Putin,  conviene riportare i fatti che ha riportato durante una conferenza sui 30 anni dalla caduta dell’URSS:

Parlando a una riunione del Consiglio per la società civile ei diritti umani, Putin ha usato l’esempio degli americani all’interno del governo russo per mostrare come i paesi stranieri tentano di interferire negli affari interni del paese.

“Nei primi anni 2000, avevo già ripulito tutti, ma a metà degli anni ’90, come si è scoperto in seguito, i quadri della Central Intelligence Agency degli Stati Uniti erano seduti come consiglieri e persino dipendenti ufficiali del governo russo”, Putin spiegato.

Secondo Putin, alcuni specialisti americani erano di stanza negli impianti nucleari russi e si sedevano persino a una scrivania con una bandiera degli Stati Uniti.

“Hanno vissuto e lavorato lì. Non avevano bisogno di strumenti di interferenza così sottili nella nostra vita politica perché controllavano comunque tutto”, ha continuato.

In passato, il presidente ha affermato che gli ufficiali della CIA hanno lavorato nell’entourage di Anatoly Chubais, il vice primo ministro che ha supervisionato il processo di privatizzazione. In seguito divenne capo dello staff del Cremlino.

All’inizio di quest’anno, Ruslan Khasbulatov, l’ex presidente del parlamento russo, ha affermato che il primo presidente russo, Boris Eltsin, era circondato da “centinaia” di agenti della CIA che gli dicevano cosa fare durante il suo mandato di leader. Khasbulatov ha persino affermato che Eltsin avrebbe inviato funzionari della sicurezza e capi di dipartimento negli Stati Uniti in modo che gli americani potessero “esaminarli” e “trarre conclusioni”.

“La situazione era molto difficile, e aveva a che fare con la situazione interna dell’intero stato, di tutte le sue componenti: l’economia, le forze dell’ordine e le forze armate. […] Si trattava del fatto che, in sostanza, il paese era in una guerra civile ”

Putin ha detto che all’epoca l’Occidente era convinto che la Russia sarebbe crollata presto. Ha detto di aver visto mappe occidentali su cui il paese era stato smembrato in diversi stati indipendenti. Il presidente di uno dei Paesi dell’Est gliene aveva parlato in una conversazione privata, ha aggiunto. Il suo interlocutore gli aveva detto senza mezzi termini che “in Europa non c’era dubbio se la Russia sarebbe collassata”, erano convinti che un tale sviluppo fosse inevitabile, secondo Putin. “L’unica domanda era quando sarebbe successo e quali sarebbero state le conseguenze per la stessa Russia, per le sue regioni e per chi la circonda, sapendo che la Russia è una grande potenza nucleare”, ha aggiunto il leader russo. .Ha anche ricordato che in questi anni alcune regioni russe hanno dichiarato la loro indipendenza, che non poteva essere ignorata. “La Russia dipendeva da vari tipi di strumenti e meccanismi finanziari, meccanismi politici interni. In questo senso, possiamo dire  che la Russia aveva perso gran parte della sua sovranità in quel momento”, ha osservato. “Quando ero direttore del Servizio di sicurezza federale (FSB) della Federazione Russa, l’ho visto. Alcune forze in Occidente hanno semplicemente cercato la caduta della Russia. Hanno sostenuto direttamente i separatisti, i banditi e i terroristi, che stavano facendo di tutto per scuotere la Russia. E per me è stato un dato di fatto assoluto”, ha concluso il presidente russo nel documentario. ” Anche il vostro cronista ricorda come i funzionari ed economisti della linea Gorbaciov obbedivano alle idee”liberiste” e privatizzatrici   delle delegazioni di funzionari della NATO e dell’UE, di Jeffrey Sachs, degli agenti CIA divenuti funzionari  e dei loschissimi “uomini d’affari” ebreo-sovietici come Kodorkovski  che facevano fortuna coi soldi prestati dai Rotschild per saccheggiare (“privatizzando”)  i beni comuni sovietici, convinti che “gli americani” gli stessero “insegnando il capitalismo”  disinteressatamenteCome dice Dedefensa, questa  è una  “Linea rossa dell’umiliazione”tracciata non sul terreno, ma nella testa stessa di Vladimir Putin e dei suoi uomini, che può  far dire, ad una certa provocazione di troppo, “mai più come allora”, a la Russia reagire   quando sente  messa in gioco  la sua stessa esistenza.  A quel punto, le rodomontate   degli USA o dei Scholz   possono  superare quella linea rossa dell’umiliazione e ottenere una risposta devastante che nemmeno si immaginano.   https://www.farsnews.ir/en/news/14000920000482/Pin-Says-Rssian-Gvernmen-Was-Swarming-wih-CIA-Officers

putin-7

Nessun commento:

Posta un commento