L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 20 dicembre 2021

La Russia sta usando la stessa logica che abbiamo usato durante la crisi dei missili cubani. Non volevamo che i russi avessero missili a Cuba che potessero potenzialmente colpire le nostre principali città nel giro di pochi minuti, e allo stesso modo i russi non vogliono missili in Ucraina che potrebbero potenzialmente colpire le loro principali città nel giro di pochi minuti

7 segni che la guerra con la Russia si è appena avvicinata ancora di più

Tyler Durden's Photo
DI TYLER DURDEN
SABATO, DIC 18, 2021 - 07:00 AM

Scritto da Michael Snyder tramite il blog The Economic Collapse,

In questo articolo scriverò di qualcosa di cui la stragrande maggioranza della popolazione degli Stati Uniti non potrebbe preoccuparsi di meno. Purtroppo, la maggior parte degli americani semplicemente non si preoccupa dell'Ucraina, dei preparativi militari della Russia per la guerra, o praticamente di qualsiasi altra cosa che sta accadendo dall'altra parte del globo. Ma in Russia, le cose sono completamente diverse. Si parla costantemente del potenziale di guerra con l'Occidente, e c'è molto pessimismo sul fatto che possa essere evitato.

Per i russi, questa è davvero la più grande crisi con l'Occidente dalla crisi dei missili cubani del 1960. I russi hanno ripetutamente avvertito che i missili occidentali non devono essere di stanza in Ucraina, e hanno ripetutamente avvertito che l'Ucraina non deve diventare un membro della NATO.

Stanno usando la stessa logica che abbiamo usato durante la crisi dei missili cubani. Non volevamo che i russi avessero missili a Cuba che potessero potenzialmente colpire le nostre principali città nel giro di pochi minuti, e allo stesso modo i russi non vogliono missili in Ucraina che potrebbero potenzialmente colpire le loro principali città nel giro di pochi minuti.

L'unico modo in cui Vladimir Putin potrà mai autorizzare un'invasione dell'Ucraina è se una delle sue "linee rosse" strategiche viene attraversata.

Ma invece di allentare le tensioni e cercare di parlare delle cose, i leader occidentali continuano a provocare la Russia.

Se continuano a colpire sconsideratamente l'orso, a un certo punto verrà commesso un errore e avremo una guerra che nessuno vuole. I seguenti sono 7 segni che la guerra con la Russia si è appena avvicinata ancora di più ...

#1 Nonostante il fatto che Vladimir Putin abbia detto che una tale mossa attraverserebbe una delle sue "linee rosse", all'Ucraina è stato appena detto che alla fine le sarà permesso di aderire alla NATO ...

Di fronte a una minaccia di costruzione da parte della Russia, il presidente ucraino ha cercato garanzie di sicurezza dal capo della NATO in una riunione giovedì e se ne è andato con un rinnovato impegno che il suo paese potrebbe alla fine unirsi all'alleanza militare nonostante le rigide obiezioni dei suoi vicini russi.

#2 L'Ucraina ha scioccato il mondo aprendo i rifugi antiaerei a Kiev...

L'Ucraina ha aperto rifugi antiaerei nella capitale della nazione mentre i timori di un'invasione russa aumentano. Mercoledì un ministro ucraino ed ex spia ha avvertito che il conflitto potrebbe diffondersi a livello globale.

#3 Martha Raddatz della ABC riferisce che dopo la recente telefonata di Joe Biden con Vladimir Putin, i russi hanno spostato altri 10.000 soldati al confine con l'Ucraina.

#4 L'UE avverte di "enormi costi per la Russia" se ci sarà più "aggressione" nei confronti dell'Ucraina...

"In questo momento, la Russia sta scegliendo una postura aggressiva nei confronti dei suoi vicini. E come l'Unione europea e i suoi partner del G-7 hanno chiarito molto chiaramente, ulteriori atti aggressivi contro l'Ucraina avranno costi enormi per la Russia", ha detto mercoledì la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

#5 Le banche in Bielorussia si stanno preparando a passare alla versione russa di SWIFT a causa delle imminenti sanzioni da parte dell'Occidente...

Le banche bielorusse si stanno preparando a sanzioni occidentali più severe firmando l'alternativa russa allo SWIFT, la rete internazionale di messaggistica finanziaria che è alla base del sistema bancario globale, ha riferito il tabloid russo Moskovsky Komsomolets.

Il sistema russo per il trasferimento di messaggi finanziari (SPFS) ha più di 400 utenti domestici – praticamente ogni prestatore russo autorizzato – ma è utilizzato solo da 38 banche di altri nove paesi. Sviluppato nel 2014, SPFS è progettato per mantenere le transazioni bancarie in caso di sanzioni occidentali che disconnettono la Russia da SWIFT.

N. 6 È stato riferito che la Russia "ha iniziato a spostare i sistemi missilistici terra-aria a corto raggio Tor nella zona di confine con l'Ucraina".

#7 Un gruppo bipartisan di senatori degli Stati Uniti vuole designare formalmente la Russia come "stato terrorista". Inutile dire che i russi non sono contenti di questo...

Inoltre, come se tutto ciò non fosse abbastanza incendiario, i senatori degli Stati Uniti vogliono designare la Russia come "stato terrorista" se le sue "forze invadono ulteriormente l'Ucraina". Una tale designazione di una superpotenza nucleare non ha precedenti. È una mossa folle che renderebbe la diplomazia e il negoziato quasi impossibili. Equivale a dichiarare guerra.

Dovremmo cercare di trovare un modo per avere la pace con la Russia, ma continuiamo ad avvicinarci alla guerra.

E quando alla fine arriverà la guerra, potrebbe essere globale.

La maggior parte degli americani non se ne rende conto, ma Russia e Cina hanno appena annunciato una nuova "alleanza per la sicurezza"...

Mercoledì è stato annunciato che Russia e Cina avevano concordato i termini di un'alleanza di sicurezza.

Il presidente Xi ha detto in merito all'accordo: "Al momento, alcune forze internazionali con il pretesto della 'democrazia' e dei 'diritti umani' stanno interferendo negli affari interni di Cina e Russia e calpestando brutalmente il diritto internazionale e le norme riconosciute delle relazioni internazionali".

Quindi gli Stati Uniti potrebbero trovarsi a combattere sia la Russia che la Cina allo stesso tempo un giorno?

Sì, è del tutto possibile..

Nel frattempo, le potenze europee avvertono che i colloqui per rilanciare l'accordo nucleare iraniano "stanno rapidamente raggiungendo la fine della strada"...

Una dichiarazione congiunta di Gran Bretagna, Francia e Germania rilasciata martedì ha detto che "stiamo rapidamente raggiungendo la fine della strada" per salvare l'accordo nucleare iraniano del 2015 dopo che la parte iraniana ha accusato l'Occidente di alimentare un'atmosfera da "gioco della colpa".

"La continua escalation nucleare dell'Iran significa che stiamo rapidamente raggiungendo la fine della strada", ha annunciato l'ambasciatore francese alle Nazioni Unite, Nicolas de Riviere. Ha aggiunto che il fatto che l'Iran stia costantemente soffiando oltre i limiti di sviluppo e arricchimento dell'uranio, il tutto incolpando gli Stati Uniti per essersi ritirati dall'accordo significa "Ci stiamo avvicinando al punto in cui l'escalation iraniana del suo programma nucleare avrà completamente svuotato il JCPOA".

Gli israeliani si sono già esercitati per un attacco all'Iran, e se i colloqui di pace falliscono renderà inevitabile un conflitto tra Israele e Iran.

Naturalmente una nuova guerra in Medio Oriente darebbe all'amministrazione Biden un modo per distrarci dai nostri crescenti problemi interni. A questo punto, solo il 26% degli americani crede che il paese sia diretto nella giusta direzione...

Un nuovo sondaggio Economist / YouGov mostra che quasi il 75% degli americani non è sicuro o crede che il paese sia diretto nella direzione sbagliata. Solo il 26% pensa che le cose stiano andando bene.

Peggio ancora, solo il 4% ritiene che l'economia sia "eccellente".

Personalmente, non credo che vedremo scoppiare una grande guerra prima della fine del 2021.

Ma un nuovo anno è a poche settimane di distanza, e ho una brutta sensazione per il 2022.

Negli ultimi due anni siamo stati colpiti da una cosa dopo l'altra, e "la tempesta perfetta" che è ora su di noi minaccia di andare a un livello completamente nuovo l'anno prossimo.

https://www.zerohedge.com/geopolitical/7-signs-war-russia-just-got-even-closer?utm_source=&utm_medium=email&utm_campaign=364

Nessun commento:

Posta un commento